Volo Parigi-Monaco: tenta di entrare nella cabina di pilotaggio di un aereo

Volo Parigi-Monaco: tenta di entrare nella cabina di pilotaggio di un aereo, passeggero bloccato da un ex pugile francese

Un passeggero a bordo di un aereo della Lufthansa, in volo da Monaco a Parigi, è stato bloccato da un ex campione francese di boxe dopo aver tentato di entrare nella cabina di pilotaggio.

Il pugile Tarik Sahibbedine, non ha esitato un secondo, ha affrontato l’uomo visibilmente ubriaco.

L’imprevisto è’ successo nella notte tra giovedì 23 agosto e venerdì 24 agosto. L’ex sportivo, era seduto con sua moglie quando un uomo, visibilmente ubriaco, ha iniziato a disturbare gli altri passeggeri e a creare scompiglio sul volo. A questo punto l’ex pugile ha deciso di intervenire riuscendo a bloccare l’uomo che nel frattempo aveva cercato di entrare nella cabina di pilotaggio.

Il servizio informazioni della polizia nazionale (Sicop) ha confermato che l’individuo è stato arrestato all’aeroporto di Roissy-Charles-de-Gaulle, una volta atterrato l’aereo.

La polizia ha escluso che si tratti di terrorismo.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta dell’ennesimo caso segnalato e rimbalzato sulle cronache di viaggiatori ubriachi su voli di linea che, quindi, evidenzia un problema di non poco conto che riguarda la sicurezza in volo che si è accresciuto negli ultimi tempi con l’aumento costante del numero globale di passeggeri. Appare, dunque, del tutto evidente che debba essere urgentemente ripensata la disciplina della vendita e dell’utilizzo di alcol a bordo, con misure più drastiche come quella del divieto assoluto, come è già stato fatto da tempo per il fumo.

Sono previsti molti disagi per i passeggeri di Ryanair quest’estate: dopo la conferma degli scioperi
Molti passeggeri che viaggiano in aereo si trovavano a dover affrontare un fenomeno spiacevole come
Un uccello piccolo, dalle piume scure, conosciuto come rondone (Apus apus) vola per dieci mesi

Disagi in arrivo per chi vola con Ryanair

Sono previsti molti disagi per i passeggeri di Ryanair quest’estate: dopo la conferma degli scioperi dei piloti irlandesi per la giornata del 12 luglio, è emerso che non è ancora stato raggiunto un accordo tra la compagnia low cost e i sindacati degli assistenti di volo e gli scioperi influenzeranno i voli in Italia, Spagna, Portogallo, Paesi Bassi e Belgio. Sarà un’estate difficile per i clienti di Ryanair perché neanche il sindacato tedesco Vereinigung Cockpit, che rappresenta i piloti, ha raggiunto un accordo: se non ci saranno sviluppi positivi e non si raggiungerà un accordo entro la fine di luglio, lo sciopero potrebbe coinvolgere anche la Germania.

Volo Parigi-Monaco: tenta di entrare nella cabina di pilotaggio di un aereo, passeggero bloccato da
Molti passeggeri che viaggiano in aereo si trovavano a dover affrontare un fenomeno spiacevole come
Un uccello piccolo, dalle piume scure, conosciuto come rondone (Apus apus) vola per dieci mesi

Dormire in aereo può provocare sordità

Molti passeggeri che viaggiano in aereo si trovavano a dover affrontare un fenomeno spiacevole come la pressione alle orecchie, mentre sono in volo. Questo più spesso avviene durante il decollo, l’atterraggio o in altre situazioni di rapido cambiamento di altitudine, quando la pressione esterna non coincide con la pressione che è all’interno dell’orecchio.

Una persona sana si libera di una simile condizione semplicemente sbadigliando o deglutendo. Poi le trombe di Eustacchio, un sottile canale che collega la cavità dell’orecchio medio con la faringe, permette di livellare la pressione, così la sensazione dolorosa passa.

Tuttavia, se una persona si addormenta, allora può non sbadigliare o deglutire, all’occorrenza e la membrana timpanica rimane sotto pressione per lungo tempo, pertanto il tubo uditivo è bloccato.

A volte ciò è senza conseguenze, ma, altre volte nell’orecchio medio si forma un fluido, in cui l’infezione si sviluppa rapidamente. Di conseguenza, la persona perde l’acutezza dell’udito.

Barotraumi simili possono verificarsi nei subacquei quando si tuffano in profondità e persino durante l’equitazione sulle tratte ad alta velocità.

Per evitare il mal di orecchie, quando si vola si può masticare un Chew Gum o succhiare delle caramelle dure. Se si continua a sperimentare il dolore alle orecchie, dopo l’atterraggio, uno spray decongestionante può aiutare.

Volo Parigi-Monaco: tenta di entrare nella cabina di pilotaggio di un aereo, passeggero bloccato da
Sono previsti molti disagi per i passeggeri di Ryanair quest’estate: dopo la conferma degli scioperi
Un uccello piccolo, dalle piume scure, conosciuto come rondone (Apus apus) vola per dieci mesi

L’uccello che vola ininterrottamente per 10 mesi

Un uccello piccolo, dalle piume scure, conosciuto come rondone (Apus apus) vola per dieci mesi senza mai atterrare. E’ il più lungo tempo trascorso in volo da un qualsiasi uccello conosciuto, hanno detto i ricercatori pubblicando i risultati di un loro lavoro sulla rivista ‘Current Biology‘ e confermando un’ipotesi, fatta decenni fa, sul fatto che questi uccelli trascorressero la maggior parte della loro vita nell’aria.

Un team di ricercatori della Svezia hanno montato dei piccolissimi zaini di un solo grammo su 13 di questi uccelli, registrando dei microdati sul luogo in cui gli uccelli fossero e sulla loro accelerazione. Hanno trovato che essi restano quasi sempre in aria.

“Quando i rondoni lasciano il loro sito di riproduzione nel mese di agosto per una migrazione dalle foreste africane non toccano mai terra finché non tornano per la successiva stagione di nidificazione, dieci mesi più tardi”, ha detto il ricercatore Anders Hedenström dell’Università Lund in Svezia.

“Alcuni esemplari possono appollaiarsi per brevi periodi o anche intere notti in pieno inverno, ma gli altri letteralmente non si fermano mai durante questo periodo”, ha aggiunto lo scienziato, spiegando che anche gli uccelli che nello studio avevano fatto piccole pause avevano passato il 99,5% dei dieci mesi nell’aria.

Gli uccelli trovano il cibo mentre sono in volo, secondo lo studio, e continuano a volare anche mentre avviene in loro la muta delle penne, un momento particolarmente delicato per tutti i volatili.

I ricercatori hanno detto che non sanno ancora se o come gli uccelli dormano durante questo tempo, ma pensano che possano appisolarsi quando volano ad alta quota ogni giorno all’alba e al tramonto per poi scendere lentamente e riposarsi un po’. Durante il giorno, essi probabilmente risparmiano energia scivolando nelle correnti ascensionali di aria calda.

La scoperta fatta in questo studio “amplia in maniera significativa i limiti di ciò che sappiamo sulla fisiologia animale. Un periodo di volo di dieci mesi è il più lungo conosciuto per qualsiasi specie di uccelli”, ha detto Hedenström.

Volo Parigi-Monaco: tenta di entrare nella cabina di pilotaggio di un aereo, passeggero bloccato da
Sono previsti molti disagi per i passeggeri di Ryanair quest’estate: dopo la conferma degli scioperi
Molti passeggeri che viaggiano in aereo si trovavano a dover affrontare un fenomeno spiacevole come