La zucca aiuta a perdere peso

La zucca non è solo molto gustosa, ma anche molto salutare. Contiene molta più vitamina A del cavolo e persino più fibre della quinoa

Inoltre, questo alimento autunnale aiuta anche a perdere peso. I prodotti ricchi di fibre fanno sentire sazi, stabilizzano lo zucchero nel sangue, dando energia per tutto il giorno.

Ma oltre ad aiutare a perdere peso, la zucca è salutare, perché è ricca di minerali, come il potassio, il magnesio e il ferro, che aiutano la pressione sanguigna a rimanere sana.

Proprio come una carota, anche la zucca arancione contiene beta-carotene, vitamina A e un’alta quantità di antiossidanti, che proteggono il corpo dalle influenze esterne dannose, come i raggi UV.

Inoltre, la zucca contiene vitamina C ed E, utili per il rinnovamento cellulare del corpo.

Mangiare regolarmente prodotti alimentari che contengono molti antiossidanti e potassio diminuisce i rischi di avere problemi cardiaci o di contrarre il cancro.

Le temperature in discesa ci stanno avvisando: l’autunno è arrivato con i primi freschi, tante
Charlene, una 30enne di Grenoble, ha avuto una grave intossicazione alimentare nello scorso mese di
Da venerdì 22 a domenica 24 settembre a Lana di Sotto si celebra la zucca,

Il digiuno a giorni alterni è meglio della dieta ipocalorica

Il digiuno a giorni alterni può essere un modo efficace e soprattutto sano per perdere peso, meglio che seguire un regime ipocalorico.

Lo dice uno studio fatto da alcuni ricercatori austriaci, pubblicato recentemente su Cell Metabolism.

I ricercatori dell’Università di Graz hanno chiesto a sessanta volontari di partecipare a uno studio di quattro settimane. Trenta volontari dovevano continuare a seguire le loro abitudini alimentari regolari e fungeva da gruppo di controllo: gli altri trenta dovevano digiunare 36 ore (due notti e un giorno) e potevano mangiare il giorno successivo quello che volevano.

In media, in quel periodo di prova di quattro settimane, i volontari  avevano perso 3,5 chili, con il digiuno.

I ricercatori hanno anche visto che il digiuno a giorni alterni aveva avuto effetti positivi sulla salute dei soggetti quando hanno misurato il colesterolo, il grasso addominale, il valore degli aminoacidi e dei chetoni.

Una dieta ipocalorica può in alcuni casi portare a problemi di salute, come scatenare l’anemia o alterare le difese immunitarie. Il digiuno a giorni alterni non sembra abbia quegli effetti. I ricercatori pensano che ciò sia dovuto all’evoluzione umana. L’uomo, nella sua storia, ha avuto periodi in cui non trovava cibo e periodi in cui il cibo era abbondante e quindi doveva anche essere consumato considerevolmente.

La zucca non è solo molto gustosa, ma anche molto salutare. Contiene molta più vitamina
Le persone che hanno la malattia del fegato grasso legata al sovrappeso possono migliorare la
Tre piatti a ridotto contenuto calorico della nuova linea M’ama di Gourmet Italia, una mezz’ora

Dimagrire migliora la salute del fegato

Le persone che hanno la malattia del fegato grasso legata al sovrappeso possono migliorare la loro patologia se perdono peso, secondo una nuova ricerca apparsa su JAMA Internal Medicine.

La maggior parte delle persone ha un po’ di grasso nel fegato, ma la malattia del fegato grasso può essere diagnosticata quando più del 5% del fegato è costituito da grasso. La condizione, se non è legata al danno epatico dovuto al consumo eccessivo di alcol, è  chiamata malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD) ed è più spesso associata all’obesità e ad alcune abitudini alimentari.

Per la nuova ricerca, sono stati esaminati i dati di 2.588 pazienti che avevano partecipato a 22 studi clinici.

E’ emerso che la perdita di peso migliora la salute del fegato, come ha evidenziato Dimitrios Koutoukidis, ricercatore dell’Università di Oxford nel Regno Unito, autore principale dello studio.

“Abbiamo trovato che la perdita di peso aveva migliorato la NAFLD migliorando il controllo dei livelli di glucosio nel sangue e riducendo la resistenza all’insulina”, ha detto Koutoukidis.

In tutto il mondo, circa un adulto su quattro ha NAFLD, tra cui almeno la metà delle persone con obesità, hanno detto i ricercatori.

Non ci sono trattamenti farmacologici per NAFLD. I medici consigliano ai pazienti di perdere peso, in una combinazione di miglioramenti dietetici e di maggiore esercizio fisico.

Idealmente, i pazienti dovrebbero cercare di perdere il 7 per cento del loro peso e mantenere questa perdita di peso per avere miglioramenti a lungo termine.

Se si odiano le restrizioni giornaliere di una dieta convenzionale, il digiuno intermittente, a giorni
Era più facile rimanere snelli negli anni '70 e '80, molto di più di quanto
Secondo un nuovo studio, una persona ha più possibilità di acquisire sane abitudini, come smettere

Sport leggero e menu light per superare la prova costume

Tre piatti a ridotto contenuto calorico della nuova linea M’ama di Gourmet Italia, una mezz’ora di sport leggero da praticare in pausa pranzo o prima di cena e i consigli per dimagrire di una esperta di nutrizione. Ecco come superare con successo la prova costume

Ci stiamo avvicinando al momento delle vacanze estive ma abbiamo ancora qualche settimana per preparare il nostro fisico, modificando un po’ le abitudini alimentari e introducendo una mezz’ora di sport leggero ogni giorno.

Per perdere peso senza fatica e senza rinunce drastiche Gourmet Italia, con l’aiuto dell’esperta di nutrizione, la dottoressa in medicina e Diet Coach Barbara David, ha individuato alcuni utili suggerimenti.

Tra i tanti piatti pronti Gourmet Italia, ha selezionato il menu perfetto per 3 sport leggeri da praticare in pausa pranzo o prima di cena. Yoga, Pilates e camminata veloce: ad ognuna di queste attività fisiche leggere ha abbinato un piatto M’ama pronto in pochi minuti, in grado di saziare senza appesantire.

 

Gnocchi di patate al pomodoro e Pilates

Un classico della cucina italiana da sole 113 calorie, gli Gnocchi di patate al pomodoro, e uno sport, il Pilates, perfetto per tenersi in forma senza troppo sforzo. Durante l’inverno capita di impigrirsi per il freddo e magari trascorrere la pausa pranzo in ufficio o in un bar a breve distanza chiacchierando con i colleghi anziché fare una lunga passeggiata o andare in palestra. Così chi non ha un metabolismo perfetto tende ad ingrassare. Ma se d’inverno ci sono maglioni e cappotti che mascherano in parte la nostra silhouette, in primavera e d’estate, con gli abiti leggeri, il fisico torna in evidenza. Abbiamo ancora qualche settimana di tempo prima delle vacanze. Ecco, quindi, l’occasione giusta per smaltire senza troppa fatica i chili di troppo.

Il Pilates è lo sport ideale. Diversi anni fa, quando è sbarcato in Italia dagli Stati Uniti, è diventato subito una moda. Ma ancora oggi è molto apprezzato, a testimonianza del fatto che funziona alla grande. Il Pilates mira essenzialmente a rafforzare il corpo, a modellarlo e a correggere la postura. Il lavoro, che si concentra sulle regioni addominali e dorsali, è fatto di movimenti lenti da praticare con grande concentrazione badando soprattutto alla corretta respirazione. Il metodo mira ad allenare tutto il fisico attraverso esercizi a corpo libero o eseguiti mediante l’ausilio di speciali macchinari. E’ ideale per la pausa pranzo.

Dopo esserci esercitati per una mezz’ora è preferibile consumare un pasto leggero, magari soltanto un primo come gli Gnocchi di patate al pomodoro di Gourmet Italia. Preparati con patate e pomodoro, pronti in 5 minuti nel microonde, sono perfetti anche per i vegetariani.

 

Tagliatina di pollo con verdure grigliate e Yoga

Ecco un altro piatto molto adatto ai mesi estivi: la tagliatina di pollo con le verdure grigliate contiene meno del 33% di grassi ed è perfetta dopo aver praticato yoga. Esistono moltissime varianti di yoga, dalle più leggere alle più impegnative. Questa pratica consente di utilizzare tutti i muscoli del corpo. L’Hatha Yoga, in particolare, consente di mantenere il corpo in condizioni fisiche ottime. Se praticato con costanza aiuta a migliorare postura e forma fisica puntando sull’armonia tra corpo e mente. Le varianti più energetiche sono adatte a smaltire i chili di troppo recuperando una silhouette perfetta.

Il pollo è una carne bianca e magra indicata in tutte le diete. Le verdure grigliate sono il contorno perfetto: melanzane, zucchine, pomodori e peperoni sono le verdure selezionate per questo piatto gustoso e leggero di Gourmet Italia. Adatto alle temperature più elevate.

Riso Venere con gamberetti e Fitwalking

Solo 154 calorie, 5 minuti nel forno a microonde ed ecco pronto un gustoso primo da consumare in ufficio in pausa pranzo. Naturalmente dopo essere usciti per una passeggiata un po’ speciale: la camminata veloce, nota anche come fitwalking. C’è chi ha perso parecchi chili in pochi mesi con questa tecnica che evidentemente è in grado di bruciare molti grassi. Ma cos’è esattamente il fitwalking? Potremmo definirlo una sorta di camminata con una marcia in più. Questa disciplina è stata ideata da Maurizio Damilano, medaglia d’oro nella 20 chilometri di marcia alle Olimpiadi del 1980, che sostiene: “Fare fitwalking significa rendere un gesto naturale come il cammino efficace ed efficiente”. Il fitwalking si può praticare ovunque, al parco o per strada, in montagna, al mare o in città. L’importante è utilizzare scarpe adatte e comode, che si possono tenere comodamente in ufficio.

Ma come si pratica questa camminata veloce? Basta, ad ogni passo, appoggiare prima il tallone, poi bene a terra la pianta del piede come se fosse un timbro e infine dare una spinta fino alla punta dell’alluce, facendo oscillare le braccia, stese lungo il corpo o piegate. Per imparare ed acquisire fluidità di movimenti basta guardare qualche tutorial su YouTube. Il fitwalking, se praticato correttamente e con costanza, è molto efficace per perdere peso e al tempo stesso tonifica i muscoli. È adatto a tutti.

Dimagrire è facile con i consigli del medico e Diet Coach Barbara David

Prima di tutto sfatiamo il mito che per dimagrire occorrano diete drastiche che tolgono quasi tutti i cibi lasciandoci con un senso perenne di fame. “Il tempo delle diete da fame è ormai tramontato”, ci rassicura la dottoressa Barbara David. “Infatti, grazie ai sempre più approfonditi studi sulle dinamiche alimentari, si è arrivati a comprendere perfettamente il meccanismo della fame e come gestirlo. Innanzitutto bisogna considerare che non mangiare quando si ha fame innesca delle dinamiche psicologiche pesanti che vanno ad incidere sulla personale gestione del cibo”. In altre parole, una volta che si smetterà la dieta drastica, non si sarà più in grado di fidarsi delle proprie sensazioni con il rischio di essere portati a mangiare anche quando non si avrà fame. “Per evitare tutto ciò”, prosegue Barbara David, “è fondamentale sempre, ma soprattutto nei periodi di dieta, non arrivare mai a sentirsi affamati. Non giungere famelici al momento del pasto diventa una priorità: consumare frequenti spuntini, sempre sani e bilanciati, eviterà che si manifesti la sensazione di ‘fame vera’ dovuta ad una caduta glicemica. Nei periodi di dieta occorre mangiare quando si ha fame e fermarsi quando si è sazi. Frutta, yogurt e barrette energetiche ben calibrate consentiranno di raggiungere il proprio obiettivo”.

L’acqua e le verdure: due preziosi alleati per smaltire i chili di troppo

Ecco un altro consiglio importante: “Spesso si pensa di avere fame e invece si tratta solo di una condizione di disidratazione non compresa dalla mente razionale: quindi consiglio di bere acqua prima del pasto e prima di ogni spuntino”, ci dice Barbara David. “L’acqua aiuta anche a smorzare la fame nervosa, quella fame cioè non reale ma dovuta ad ansia, nervosismo o stress. È bene prendere l’abitudine di bere, mezz’ora prima dei pasti, almeno tre bicchieri d’acqua a piccoli sorsi”.

Oltre all’acqua, le verdure sono un altro grande alleato della forma fisica. “Suggerisco di cominciare il pasto sempre da un abbondante piatto di verdure e quindi proseguire con il primo piatto o con il secondo, come si preferisce”, spiega la dottoressa in medicina e Diet Coach. “Iniziare dalle verdure, infatti, ci permette di arrivare al piatto principale praticamente già sazi e quindi di dimezzare le porzioni alle quali ci eravamo abituati”. Spesso, infatti, mangiamo molto di più di quello che il nostro fisico richiede e l’abitudine a consumare porzioni sempre più grandi porta inevitabilmente al sovrappeso.

Ed ecco un trucco fondamentale per dimagrire: “Il 90% del gusto lo dà il primo assaggio, pertanto non soffochiamo la nostra golosità ma assaggiamo quello che più ci piace, anche un dolce, limitandoci appunto nelle quantità. Con un semplice assaggio si avrà la pienezza del gusto con una netta riduzione delle calorie”.

Un dato importante è che spesso il sovrappeso è indice di una vita senza interessi e senza passioni: “Chi ingrassa spesso conduce una vita chiusa, troppo stretta, fatta di obblighi e rinunce. Rimandare il piacere non fa altro che rinforzare un processo di ribellione. E da qui scatta la molla a sgarrare con l’alimentazione, a mangiare troppo e male. È utile in questo caso provare ad uscire dalla propria quotidianità, ad ampliare lo sguardo, a cercare un profondo senso di appagamento non solo dal cibo ma anche dagli altri sensi: oltre al gusto, ci sono la vista, il tatto, l’olfatto, l’udito, tutti sensi da vivere con pienezza. Fare una lista di attività che ci piacciono e concedercene almeno una al giorno è un buon inizio. In questo spazio di tempo quotidiano ci si concentrerà sulla propria attività preferita e non sul cibo, sintonizzandoci con la nostra parte più istintiva. Così facendo, tornare in forma sarà solo una piacevole conseguenza del proprio appagamento… di vita!”, conclude Barbara David.

Diamo più spazio, quindi, alle nostre passioni e ai nostri sogni. E, intanto, scegliamo alimenti meno calorici ed ugualmente gustosi come ad esempio quelli di Gourmet Italia che vi abbiamo presentato, puntando anche su una leggera ma costante attività fisica.

Il digiuno a giorni alterni può essere un modo efficace e soprattutto sano per perdere
Le persone che hanno la malattia del fegato grasso legata al sovrappeso possono migliorare la