Scoperto in Argentina il secondo più grande meteorite mai trovato

Il secondo più grande meteorite mai trovato sul nostro pianeta è stato scoperto lo scorso fine settimana in Argentina.

Il corpo celeste chiamato Gancedo, come la vicina città in cui è stato scoperto, era sepolto in una zona dove era caduto circa 4000 anni fa.

Il meteorite pesa 30 tonnellate, solo quello denominato Hoba scoperto in Namibia nei primi anni del 20esimo secolo è più grande.

Il nuovo corpo celeste è stato scoperto dall’Associazione astronomica del Chaco. I ricercatori hanno scavato per ore nel Campo del Cielo, un posto in cui quattromila anni fa ci fu un’intensa pioggia di meteoriti.

Il grandissimo meteorite cadendo aveva creato un buco che, col tempo, si era riempito d’acqua e aveva dato luogo a una specie di pozzo.

Il posto in cui il corpo celeste è stato ritrovato si trova a diversi chilometri a sud della città di Gancedo, nella provincia del Chaco.

Un meteorite è passato sopra il lago Michigan lunedì mattina e ha illuminato il cielo
Il rover Curiosity ha trovato su Marte uno strano oggetto, di colore metallico che ricorda
Alcuni scienziati indiani stanno indagando sulla morte di un uomo che, secondo le autorità locali,

A Buenos Aires l’Opera lirica si ascolta in metropolitana

La società della metropolitana di Buenos Aires (SBASE), insieme con l’Opera Periférica, sta portando avanti un progetto senza precedenti per far conoscere l’opera lirica.

Metropolitana, favela, ospedale psichiatrico, un giovane direttore d’orchestra argentino investe in luoghi insoliti per pubblicizzare questo genere musicale e diffondere un’arte riservata in Argentina a un’elite.

Il direttore Pablo Foladori, addestratosi nel prestigioso Teatro Colon di Buenos Aires, ha adattato la Serva padrona, opera del 1733, del compositore Giovanni Battista Pergolesi.

Le prove dell’opera, divisa in due atti di 20 minuti, si sono svolte giorni fa nella stazione affollata di Tucumán della linea D.

Martedì, nei corridoi della metropolitana di Buenos Aires, i musicisti hanno suonato e un soprano e un baritono hanno cantato, sorprendendo i viaggiatori.

Il “concerto” inizia una stazione e termina in un’altra; il cast viaggia nel seminterrato con i passeggeri.

E’ un lavoro breve e replicabile. “È un esperimento, un’opera in continuo movimento,” ha detto Pablo Foladori. L’opera in due atti è breve, ha le “condizioni necessarie per il montaggio in un percorso alternativo”, ha detto.

Venerdì prossimo, l’opera inizierà nella stazione Humberto 1 ° della linea H e si concluderà in Plaza de los Virreyes, della línea E, mentre lunedì 22 inizierà nella stazione Retiro de la Línea C e finirà in Plaza Miserere della línea A.

Pablo Foladori è il direttore generale e il responsabile della messa in scena, mentre il direttore d’orchestra è Juan Casasbellas.

Il progetto coinvolge, oltre all’Orchestra, il soprano, Julieta Schena, il baritono, Alfredo Martínez e gli attori Cristian Jensen e Candelaria Sesín.

L’opera lirica torna a Varese dopo 70 anni: la città protagonista nella produzione del Don
"Rigoletto" in oltre 200 cimeli storici: una mostra a Modena. Dal 30 novembre a 7.8.Novecento"
Un amore travolgente e fatale mirabilmente narrato da Giacomo Puccini.  Amore, musica, teatro e moda

Argentina: la via Crucis in fondo al mare

A Puerto Madryn, una delle città della provincia di Chubut, nella Patagonia argentina, la via Crucis, il Venerdì Santo si fa in fondo al mare.

Unica al mondo, anche quest’anno la processione ha avuto il suo primo svolgimento a terra dove, sono state rappresentate diverse stazioni, nella zona centrale della città portuale.

Poi, la cerimonia religiosa si è spostata sul molo e sott’acqua, dove sono state rappresentate tre stazioni, posizionate a otto metri in profondità e con un’illuminazione speciale per permettere di renderle visibili alle migliaia di fedeli e turisti che seguivano la processione dalla superficie, sulla costa o a bordo di kayak, canoe, barche a vela e motoscafi.

La Via Crucis sottomarina era iniziata nei primi anni del 2000, nel corso del tempo ha coinvolto sempre più persone.

L’importante rito cattolico è stato collegato con le immersioni subacquee, una delle attività che contraddistinguono Puerto Madryn.

 a cura di Ilan Furman Il 2018 sarà un anno ricco di eventi per l'America latina.
Produrre mattoni ecologici dal riciclaggio di bottiglie di plastica. Questo è il progetto della fondazione
I resti del dinosauro più grande finora scoperto sono stati trovati nell'altopiano del Chubut, nelle

Gli Obama a Buenos Aires ballano il tango

Barack e Michelle Obama in visita a Buenos Aires, in Argentina, sono stati incoraggiati a ballare il tango. In una cena che si è svolta nel Salone degli Scudi del Centro culturale Kirchner, alla luce delle candele e davanti a tavoli ornati con centri di rose bianche, è stato previsto, come è usuale nella capitale del Paese, uno spettacolo di tango.

Dopo un paio di balli, la ballerina ha invitato in pista il Presidente Obama e il ballerino ha fatto lo stesso con la first lady, Michelle. La coppia presidenziale Usa ha ballato a ritmo di tango per pochi secondi, tra gli applausi dei partecipanti alla cena.

“Dobbiamo superare i vecchi rancori tra Stati Uniti e l’America Latina e guardare verso il futuro”, ha detto, in un brindisi, nell’incontro con gli Obama, Mauricio Macri, aggiungendo che Washington non deve aspettarsi da Buenos Aires “scontri infondati”.

A sua volta, Obama ha detto che la sua visita in Argentina intende, tra le altre cose, “celebrare un’era nuova e molto diversa” con il continente, osservando che sia lui che Macri tentano di “vivere all’altezza” di un “singolare argentino”, papa Francesco.

Poco prima, Obama era stato accolto dal presidente argentino, Mauricio Macri, nella Casa Rosada, sede della presidenza, davanti alla Plaza de Mayo, centro di Buenos Aires.

Il Presidente Usa ha promesso agli argentini la ricostruzione della verità sulle relazioni tra gli Usa e la dittatura militare.

(Foto Ap, EFE tra le fonti)

È la grande festa finale del Ferrara Buskers Festival Il 26 agosto 2018 ultimo giorno della
La campagna di raccolta fondi di Atlas Solidarity prosegue con una cena durante la quale alcuni artisti
Torino torna a ospitare la magia del ballo più sensuale del mondo grazie all’International Tango
Cinque giorni per indossare i vestiti più eleganti, chiudere gli occhi, abbracciare il partner e