La caffeina può sconvolgere il ritmo circadiano

Bere caffè di notte può sconvolgere i ritmi circadiani naturali del corpo, secondo un nuovo studio. Il ritmo circadiano è il naturale orologio interno che regola il sonno e la veglia, oltre ad altre cose, come il metabolismo.

Lo studio dice che la quantità di caffeina trovata in un doppio espresso può spostare l’orologio anatomico naturale di circa 40 minuti, in media.

Il lavoro fatto nell’Università del Colorado ha anche trovato che la luce naturale è un interferente ancora maggiore del ritmo circadiano.

La luce intensa, 3 ore prima di coricarsi, può spostare l’intero ciclo del sonno di 85 minuti. Combinando caffeina e luce intensa si può spostare il ritmo di un’ora e 45 minuti.

La caffeina “colpisce la nostra fisiologia in un modo che non avevamo davvero considerato in passato”, ha detto Kenneth P. Wright Jr., co-autore dello studio pubblicato su ‘Science Translational Medicine’.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto