Virus del morbillo sconfigge tumore che non risponde alle cure

Una forte dose del virus del morbillo, manipolato in laboratorio, per la prima volta ha eliminato il cancro in una paziente.

Lo hanno riferito gli scienziati americani sulla rivista “Mayo Clinic Proceedings”.

A una paziente 49enne a cui era stato diagnosticato un tumore al midollo osseo, chiamato mieloma multiplo, diffusosi dopo un tumore alla fronte, i ricercatori della Mayo Clinic di Rochester, in Minnesota, negli Stati Uniti, hanno somministrato una dose per via endovenosa del virus del morbillo, conosciuto come MV-NIS, selettivamente tossico per le cellule del plasma del mieloma.

Una normale dose di vaccino di morbillo contiene 10 000 unità infettive del virus di morbillo. La dose somministrata alla paziente di questo studio è stata di 100 miliardi di unità infettive.

Nonostante alcuni primi effetti collaterali, come un severo mal di testa, il tumore sulla fronte della paziente, che in precedenza non rispondeva più a nessuna cura, è presto scomparso e il midollo osseo si è ripulito.

La remissione del male è durata nove mesi e quando il tumore sulla fronte della malata è riapparso, i medici lo hanno trattato con le radiazioni.

Ora, la donna, 50 anni, continua a godere di buona salute.

In un’altra paziente, invece, l’infusione a base del virus del morbillo non è stata efficace contro i grandi tumori che aveva sulle gambe.

Il virus del morbillo, nello studio, non ha funzionato quando è stato somministrato in dosi più piccole.

Lifestyle News

Neonati: documento intersocietario sull’Alimentazione complementare

Quando avviare lo svezzamento? È possibile far provare qualsiasi alimento ai bambini che iniziano l’alimentazione complementare? Alimentazione complementare e autosvezzamento sono la stessa cosa? A queste e a molte altre domande risponde il Documento intersocietario sull’Alimentazione complementare promosso dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatri […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Tecnologia

Il diabete giovanile ama la tecnologia

I ragazzi in classe lo hanno imparato da tempo: il suono della campanella coincide anche con la consegna dei dispositivi elettronici. Gli unici device ammessi sono quelli dei ragazzi con diabete mellito di tipo 1 che devono tenere sul banco per verificare se ci sono variazioni significative nei livelli di glicemia. Un numero considerevole visto […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Fratture: il trattamento chirurgico è privilegiato

“L’indicazione alla chirurgia nel trattamento delle fratture all’avambraccio nei bambini (che sono in assoluto le più frequenti dell’arto superiore) è aumentata negli ultimi anni del 20%. Intervenire chirurgicamente assicura, infatti, migliori risultati rispetto al trattamento conservativo in gesso, che mantiene comunque un ruolo da protagonista, e soprattutto garantisce un periodo di malattia più breve e […]

Leggi tutto