Datagate: Yahoo minacciato di multa dalle autorità degli Stati Uniti

Yahoo è stato minacciato di multa dalle autorità degli Stati Uniti,  nel 2007 e nel 2008, nel caso non avesse cooperato con il programma Prisma.

Lo ha rivelato il gruppo giovedì, spiegando che l’ammenda sarebbe stata di 250.000 dollari al giorno.

In un documento di 1500 pagine, Yahoo ha mostrato come ha dovuto combattere per opporsi alle misure della vigilanza dell’amministrazione Usa.

I servizi segreti tedeschi hanno spiato Hillary Clinton?

I servizi segreti tedeschi avrebbero spiato almeno una conversazione di Hillary Clinton, secondo alcuni media germanici.

Il governo della Germania ha però fatto sapere che una conversazione dell’ex Segretario di Stato Usa è stata intercettata per caso.

Nel 2013, invece, Edward Snowden, ex consulente della NSA (l’agenzia di intelligence americana), aveva rivelato che gli Stati Uniti avevano spiato di proposito il telefonino del Cancelliere tedesco Angela Merkel.

Datagate: la NSA sapeva del bug Heartbleed

La NSA, l’agenzia di spionaggio telematico americana, avrebbe conosciuto il bug Heartbleed, la cui l’esistenza è stata rivelata all’inizio di questa settimana, secondo il giornale Bloomberg, per il quale l’agenzia di intelligence sapeva, «almeno da due anni» dell’esistenza di questa vulnerabilità, che permette ai male intenzionati di carpire i dati dalle pagine Web criptate.

L’agenzia americana avrebbe “regolarmente utilizzato” la falla per ottenere informazioni, le password e altri dati da servizi come Gmail e Amazon, per Bloomberg, secondo cui la NSA ha avuto accesso a due terzi dei server Web crittografati.

La NSA però ha smentito. “Il governo federale, tra cui le Comunità di intelligence, hanno scoperto questa vulnerabilità non prima della settimana scorsa”, ha detto il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale americana, Caitlin Hayden.

Nsa: Obama ha incontrato i grandi di Internet

I leader dei maggiori gruppi internet hanno incontrato venerdì il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, per parlare del piano di revisione dell’agenzia di Intelligence (NSA), le cui pratiche sono state ultimamente al centro di molte polemiche e denigrazioni.

Hanno partecipato all’incontro, tra gli altri, il Presidente del Consiglio di amministrazione di Google, Eric Schmidt, e il fondatore e direttore di Facebook, Mark Zuckerberg.

La scorsa settimana, l’ex giornalista del Guardian, Glenn Greenwald, aveva rivelato che la NSA ha usato malware su larga scala per carpire i dati privati di milioni di utenti in tutto il mondo.

In alcuni casi, la NSA avrebbe imitato pagine Facebook per iniettare questi software nel computer.

Obama ha proposto una riprogettazione dei programmi della NSA, in gennaio, che deve ancora essere validata dall’Agenzia e dal Congresso prima di diventare effettiva.

Google: Gmail criptata per tutti

Google ha annunciato di aver apportato un significativo miglioramento della sicurezza di Gmail, il servizio di posta elettronica.

La società statunitense ha detto di aver preso questa decisione a seguito delle molteplici rivelazioni di Edward Snowden.

“Da oggi nessuno può intercettare i vostri messaggi mentre passano da voi ai server di Google, non importa che stiate utilizzando una rete WiFi pubblica o vi stiate connettendo dal vostro computer, telefono o tablet”, ha scritto il capo della sicurezza di Gmail, Nicolas Lidzborski, sul suo blog.

Nel suo messaggio, Google riconosce che questo nuovo livello di protezione è una diretta conseguenza del datagate.

L’azienda di Mountain View ha così cambiato Gmail, in termini di sicurezza, introducendo la cifratura della connessione (https).

Rafforzare Gmail è probabilmente una delle ragioni che hanno spinto Eric Schmidt a dire la scorsa settimana: “ora siamo abbastanza sicuri che le informazioni all’interno di Google sono al sicuro da occhi indiscreti, compresi quelli del governo degli Stati Uniti”.

Privacy violata dalla NSA, tutti sapevano, anche Google

Durante la conferenza TED, in Canada, Larry Page ha preso le distanza dal Governo Usa, dopo le rivelazioni dello spionaggio, condotto dalla NSA.

“Sono triste del fatto che Google debba proteggersi da quello che sta facendo il governo”, ha detto.

Larry Page ha lanciato un appello per una maggiore trasparenza e per un vero dibattito, altrimenti, ha detto, non ci può essere democrazia.

“Non credo che possiamo avere una democrazia se dobbiamo proteggerci dal governo su cose di cui non abbiamo mai nemmeno parlato”, ha spiegato.

“Abbiamo bisogno di sapere quali sono i criteri, che tipo di monitoraggio il governo opera, come e perché”, ha aggiunto.

Ma Rajesh De, della NSA, ha smentito: Google, Apple, Microsoft e Facebook erano e sono consapevoli dell’utilizzo dei dati personali degli utenti, all’interno del progetto governativo Prism.

Datagate: rubate le immagini delle webcam degli utenti Yahoo

La divisione britannica di spionaggio avrebbe rubato le immagini catturate dalle webcam di centinaia di migliaia di utenti Yahoo, ha detto il quotidiano The Guardian.

Il giornale ha specificato che il GCHQ (Government Communications Headquarters Communications) ha raccolto le immagini attraverso l’intercettazione dei colloqui video o di quelli provenienti da Yahoo Messenger, in un’operazione chiamata OPTIC NERVE (nervo ottico).

Il Guardian ha anche precisato che i documenti sono stati forniti da Edward Snowden, l’ex tecnico dell’intelligence americana (NSA), che rimane in Russia dopo aver avuto l’asilo temporaneo.

The Guardian ha rivelato pure che gli analisti britannici sono stati inondati dalle immagini di corpi nudi.

Pare che la gente usi molto le comunicazioni video, sul web, per mostrare le parti intime del corpo ad altre persone.

Yahoo si è detta sconcertata da questa rivelazione.