Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole

RIAPERTURA SCOLASTICA RAPIDA E IN SICUREZZA: LA PROPOSTA A TUTELA DELLA SALUTE – Non abbassare la guardia nei confronti del virus e continuare a mettere in campo tutte le misure di prevenzione e sicurezza anti-Covid 19, pur riprendendo con prudenza e cautela uno stile di vita sempre il più possibile ordinario e consueto. L’epidemia continua a impegnarci in una sfida senza precedenti, ma in vista della riapertura delle scuole non si può e non si deve pensare a un inevitabile adattamento in funzione della salvaguardia della salute degli studenti, gli insegnanti e tutti gli operatori del settore.

Per questo la SIMG – Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie ha inviato una lettera al Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e al Ministro della Salute Roberto Speranza avanzando una proposta concreta e realmente fattibile tesa all’impiego in forma totalmente gratuita e volontaria dei Medici di Medicina Generale in pensione proprio all’interno di tutte le scuole italiane, per le finalità e con le procedure individuate a supporto della riapertura degli istituti scolastici a tutela, oltretutto, dell’intera comunità.

I MEDICI IN PENSIONE ECCEZIONALE RISORSA INUTILIZZATA – “L’appello è rivolto in particolare alle migliaia di Medici di Medicina Generale in pensione, eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati e con esperienza in genere ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid19″ spiega il Presidente SIMG Claudio Cricelli tra le righe della lettera aperta indirizzata ai Ministri Azzolina e Speranza.

“Tali figure professionali hanno lo straordinario vantaggio di conoscere giá gli studenti, il personale scolastico, le loro famiglie in quanto medici operanti nelle comunità – continua Cricelli – Saremmo in grado con Fimmg di fornire immediatamente molte disponibilità”. E a sostegno della proposta avanzata dalla Simg c’è anche il fatto che le Associazioni della Medicina Generale italiana tutte posseggono le necessarie competenze e gli strumenti di supporto alla formazione sui temi specifici della salute delle persone, della prevenzione e della sorveglianza epidemiologica e i supporti informatici necessari “che le offro a titolo totalmente gratuito, fatte salve le necessarie protezioni e salvaguardie di rito” conclude il presidente Cricelli in un accorato appello in una prospettiva di collaborazione e lungimiranza strategica.

nave
Cultura e Società News Viaggi

Crociere in ripresa

Nel corso della stagione estiva 2021, MSC Crociere ha movimentato in Italia circa 1 milione di crocieristi, effettuando oltre 400 scali in 14 porti della Penisola, dove ha impiegato ben 8 navi sulle 11 già entrate in servizio dopo il lockdown, su un totale di 19 che compongono attualmente la sua flotta, tra le più […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scuola

Back to school, torna la febbre per le figurine

Con la riapertura delle scuole, tornano le sane abitudini di sempre, come lo storico «ce l’ho, ce l’ho, manca» dello scambio di figurine. Artonauti, con la sua terza edizione Tutto Mondo, ha pensato anche a questo: dopo l’incredibile successo della prima collezione e del secondo album dedicato al primo Novecento, con questa terza collezione gli […]

Leggi tutto
Intrattenimento News

Opera (MI): all’Abbazia di Mirasole musica, laboratori e stand gastronomici

Musica, giochi, attività per grandi e piccoli, buon cibo e tanta voglia di stare finalmente insieme: sono gli ingredienti della festa “Il futuro al centro” in programma da venerdì 1 a domenica 3 ottobre all’Abbazia di Mirasole (Strada Consortile Mirasole 7, Opera), frutto della nuova sinergia tra Fondazione Corti – onlus che sostiene il Lacor […]

Leggi tutto