‘Politico Poetico’, a Bologna, Teatro dell’Argine

Politico Poetico è il nuovo progetto del Teatro dell’Arginerealizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, cofinanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020, promosso da Comune di Bologna.

Leggi tutto “‘Politico Poetico’, a Bologna, Teatro dell’Argine”

  Bologna - Sono tredici gli artisti che hanno deciso di contribuire con il loro
Si svolgerà a Bologna dal 29 novembre al 1 dicembre prossimi la tredicesima edizione di BilBOlbul, Festival Internazionale di Fumetto a cura
Si è concluso con successo il 50° Congresso Nazionale della Società di Neurologia che ha visto la

Apre a Milano il corso di formazione triennale in arte terapia

Requisito indispensabile per l’iscrizione al corso triennale è il possesso di una laurea triennale o un titolo equipollente.

  Leggi tutto “Apre a Milano il corso di formazione triennale in arte terapia”

Con le loro voci incantano i più importanti teatri d’opera del mondo. Ora, il tenore Francesco Meli, e
Parkinson? Quanti luoghi comuni sulla seconda malattia neurodegenerativa per dimensione in Italia dopo l’Alzheimer. Oggi
Italia, corre l'anno 1969. Un anno inquieto e travagliato si annida sotto il manto delle
L’atmosfera del Natale torna nel cuore di Milano: dal 30 Novembre al 6 Gennaio 2020,

Una scuola senza muri

Vengono da lontano. Si chiamano Makan, Idowu, Teresa, Bomani. I loro fragili passaporti li condannerebbero a restare dove sono, nel deserto della miseria e della guerra, ma non hanno altra scelta. Come Giacobbe che combatte tutta la notte al buio in un estenuante corpo a corpo con uno sconosciuto, attraversano il mare in una lacerante e disumana ricerca di salvezza, di identità. Identità che non hanno neppure le parole per esprimere.
Laura Bosio, che insieme a tanti volontari li accoglie nelle aule della sua scuola senza muri, dove “italiano” significa ascolto, dialogo, incontro inaspettato, dà voce alle loro storie, incrocia i loro sguardi, accoglie le loro reazioni.
E in questo mondo di rabbia e disprezzo, di pregiudizi e di muri, trova spazio il più autentico cuore di un sogno, quello dei migranti e il nostro: perché, dice Laura, nonostante tutto noi siamo qui, “sulle sedie multicolore, gomito a gomito, davanti a un libro aperto, a guardarci negli occhi mentre diciamo: Io sono, affermando il semplice diritto di esistere”.

Dai primi di novembre è in tutte le librerie il “LESSICO DELLA FELICITÀ - 33 PAROLE
«Piacere, mi chiamo Maria e vesto da vent’anni Martino Midali. Non sapevo che faccia avesse
Dopo sedici anni continuativi di rassegna, con quasi duecento ospiti, decine di eventi collaterali (cinema,

“C’era una volta…” l’orso marsicano

“C’era una volta…” 

Quante storie che iniziano così abbiamo ascoltato da bambini e quante ancora oggi ne raccontiamo ai nostri figli, nipoti, alunni. Fiabe e favole hanno da sempre accompagnato la crescita, dandoci un insegnamento, sviluppando la fantasia, facendoci sognare.

Questa volta è il WWF che inizia a narrare una storia, una storia attuale, quella dell’Orso bruno marsicano. Una storia che può diventare molto triste: oggi restano circa 50 individui di Orso bruno marsicano e ogni anno sono sempre di meno.

Gli orsi muoiono a causa dell’uomo. Negli ultimi 25 anni il 63% degli Orsi bruni marsicani è morto a causa dell’uomo e nel 40% dei casi la morte è stata provocata da azioni di bracconaggio. L’orso è il simbolo dei nostri boschi. È un’importante risorsa per la nostra biodiversità, pertanto non possiamo lasciare che venga spazzato via.

Per questo il WWF promuove un Contest per le scuole che si rivolge proprio ai più piccoli, affinché si possano conoscere meglio e difendere il “nostro” amico orso.

Il Contest propone di trattare il tema con i bambini; l’orso è da sempre un simbolo di tenerezza, tutti, o molti di noi hanno avuto il proprio orsetto, il Teddy Bear, come compagno di giochi d’infanzia, consolatore dei nostri pianti e sfogo per le nostre frustrazioni. Vogliamo incoraggiare i bambini a fare un disegno per l’orso che si sveglia dal letargo, un regalo per farlo sentire amato e rispettato: 50 disegni, uno per ogni orso, verranno pubblicati sul sito del WWF e valorizzati dall’associazione. Gli elaborati scelti saranno i più belli e quelli che hanno visto coinvolta l’intera scuola e le famiglie dei bambini. Oltre al disegno si chiede alle classi di organizzare una mostra a scuola invitando i genitori.

La proposta si rivolge alle oltre 20.000 scuole pubbliche e private dell’infanzia italiane e ai primi due anni della scuola primaria.

Proprio per non perdere uno dei più preziosi della natura nel nostro Paese e per questo il WWF ha lanciato una corsa contro il tempo per raddoppiare il numero di individui entro il 2050 con il progetto Orso2x50.

L’Orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus) è una sottospecie di orso bruno unica al mondo, che vive solamente in Italia, tra il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Nazionale della Majella e le aree appenniniche limitrofe. Più piccolo del “cugino” alpino ed europeo, adattato dopo secoli di isolamento ad una stretta convivenza con l’uomo, recenti studi ne hanno confermato l’unicità genetica, ecologica e comportamentale. Sembra infatti che la coesistenza millenaria con l’uomo e le sue attività abbiano addirittura plasmato il comportamento particolarmente mansueto di questi orsi. Purtroppo questa popolazione conta oggi solamente poco più di 50 esemplari, è considerata “in pericolo critico” dalla IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura) e rischia seriamente l’estinzione.

Il WWF Italia è dalla parte dell’orso sin dalla sua nascita nel 1966 quando insieme ai lupi e ad altre specie erano considerati animali da abbattere, tanto da scomparire praticamente da tutto il territorio alpino.

Come nei precedenti anni l’A.C.M.A. organizza Docudì, una serie di proiezioni gratuite aperte al pubblico, che si
L'espressione artistica può aiutare a ridurre lo stress, a migliorare il benessere fisiologico e la
Un nuovo studio condotto dall'Università di Waterloo in Canada, ha rivela che il disegno anziché