L’esercizio aerobico aiuta a combattere le dipendenze

L’esercizio fisico aerobico non è solo un modo eccellente per conservare la salute cardiovascolare. Un nuovo studio ha dimostrato che può anche influenzare il cervello e aiutare il trattamento e la  prevenzione della dipendenza.

Lo studio, condotto dall’Università di Buffalo, ha identificato un meccanismo chiave su come l’esercizio aerobico possa aiutare il cervello, in modi che possono sostenere le strategie di trattamento e di prevenzione della dipendenza.

“Diversi studi hanno dimostrato che, oltre a questi benefici, l’esercizio aerobico è efficace nel prevenire l’inizio, l’aumento e la ricaduta in casi di uso di sostanze (alcool, nicotina, stimolanti e oppioidi)”, ha detto Panayotis (Peter) Thanos, autore senior dello studio.

Utilizzando modelli animali, Thanos e il suo team hanno scoperto che l’esercizio aerobico giornaliero altera la via dopaminergica mesolimbica nel cervello.

La dopamina è un neurotrasmettitore associato ai disturbi dell’uso di sostanze e svolge un ruolo importante nella ricompensa, nella motivazione e nell’apprendimento.

L’esercizio aerobico, da parte sua, aumenta la frequenza cardiaca, la respirazione e la circolazione di ossigeno attraverso il sangue. Può anche aiutare le persone che soffrono di diabete, di malattie cardiache e di artrite. Offre anche benefici per la salute mentale, ad esempio riducendo lo stress, l’ansia e la depressione.

Lo studio recente, fatto dall’Università di Buffalo, è pubblicato sulla rivista Medicine & Science in Sports & Exercise.

Lifestyle News Salute

Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa, nel 2030 i pazienti raddoppieranno

Il Ministero della Salute si mobilita contro le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali – MICI e dà seguito a una serie di iniziative già intraprese da tempo. Le MICI, la Malattia di Crohn e la Colite ulcerosa, sono destinate a diventare sempre più diffuse in Italia, con la stima di un raddoppio entro il 2030 rispetto […]

Leggi tutto
Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto