Maggiore violenza con caldo e temperatura uniforme

I climi caldi e le minori variazioni di temperature stagionali sono collegati a una maggiore violenza e a un tasso di criminalità più alto. Lo dice un nuovo studio pubblicato sulla rivista Behavioural and Brain Sciences.

Il clima caldo e l’uniformità climatica portano a una strategia di vita più veloce, a meno attenzione per il futuro e a un più basso autocontrollo.

Molti studi avevano già dimostrato che le temperature più calde sono collegate a più aggressivo comportamento e a livelli di violenza e di aggressione più alti.

Il nuovo studio ha trovato che ad incidere sull’aggressività non sono solo le più calde temperature, ma anche i climi con meno variazioni stagionali di temperatura.

Meno variazione di temperatura, combinata con il calore, porta a una più veloce strategia di vita a un minor bisogno di pianificazione per le ampie oscillazioni tra caldo e freddo.

Questo determina meno preoccupazione per il futuro e a meno esigenze di autocontrollo.

Le persone che vivono in questi climi più caldi e con meno variazioni di temperatura sono orientate verso il presente, piuttosto che verso il futuro.

Orientate più verso il momento presente e con una strategia di vita più veloce le persone praticano meno l’autocontrollo e questo può portarle a reagire più rapidamente, con aggressività e, a volte, con la violenza.

In precedenza era stato trovato che le calde temperature provocano nelle persone disagio e irritazione, rendendole più aggressive.

Un’altra teoria, quella dell’attività ordinaria, aveva sostenuto che con il caldo le persone stanno di più all’aperto, hanno maggiori interazione con gli altri e più occasioni di conflitto.

Questo spiegherebbe perché alcuni tassi di criminalità violenta siano più alti vicino all’equatore rispetto che ad altre parti del mondo.

Le forme di clima e il modo in cui vive la gente, influisce sulla cultura in modi che non pensiamo, ha detto Brad Bushman, co-autore dello studio e professore di comunicazione e psicologia dell’Ohio State University.

Lo studio ha dato vita al nuovo modello CLASH  (CLimate Aggression, and Self-control in Humans) per spiegare come il clima influenzi la vita e la cultura.

Gli autori del lavoro, oltre a Brad Bushman, sono Paul van Lange, autore principale e professore di psicologia nella Vrije Universiteit Amsterdam (VU), e Maria I. Rinderu, sempre della VU.

La teoria, tuttavia, non è deterministica e non suggerisce viventi nei climi più caldi non possano aiutare se stessi quando si tratta di violenza e aggressione.

News Scienza

Restano solo 50 anni per salvare conchiglie e coralli dall’acidificazione degli oceani

È possibile immaginare un mondo senza conchiglie e coralli? La risposta è ovviamente no, ma occorre agire in fretta perché il punto di non ritorno è vicino. L’ecosistema marino è in grave pericolo e le prime conseguenze sono già sotto gli occhi di tutti, come dimostra lo sbiancamento della Grande Barriera Corallina in Australia e […]

Leggi tutto
desertificazione, ambiente
News Scienza Tecnologia

L’intelligenza artificiale per tutelare acqua e coltivazioni

La siccità è realtà ed è un problema attuale e globale, che riguarda tutti e che va oltre specifiche zone, superando i confini regionali. In Italia la fotografia è allarmante, con oltre il 20% del territorio nazionale a rischio desertificazione fin dal 2018 e con una situazione ulteriormente complicata dall’assenza di precipitazioni degli ultimi mesi, […]

Leggi tutto
News Scienza Tecnologia

Zanzare: come prevenire la proliferazione domestica e proteggere le abitazioni

L’estate è alle porte e con il caldo sono già arrivate, inevitabilmente, anche le tanto odiate zanzare. Sono sicuramente loro, l’infestante che più di tutti minaccia la nostra serenità in questo periodo e in ogni momento della giornata, complice anche l’aumento che si è registrato negli ultimi anni nel nostro Paese. Presenti in ogni angolo […]

Leggi tutto