Contro il cancro è utile la metformina utilizzata per il diabete

La metformina, contenuta nei farmaci creati per il trattamento dell’iperglicemia e del diabete di tipo 2 può essere un valido agente anticancro ed essere utilizzata per curare i tumori.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Genova ha pubblicato uno studio intitolato “IGF1 regulates PKM2 function through Akt phosphorylation” sulla rivista scientifica ‘Cell Cycle’.

Poiché i tumori, per crescere rapidamente, secondo i riceratori, dirottano gli zuccheri dal sangue all’interno della cellula tumorale per rifornirsi di energia e costruire il tumore, la metformina può rallentare questo processo, diminuendo la crescita del cancro.

Detto in termini tecnici, la metformina sarebbe in grado di bloccare l’azione del fattore di crescita insulino-simile IGF1, che porta all’attivazione dell’enzima tumorale PKM2.

La scoperta, secondo la Società Italiana di Diabetologia ci fa ben sperare sulle possibilità di utilizzare il farmaco anti-diabete, anche per potenziare l’azione di altre sostanze anti-tumorali.

Lifestyle News Salute

L’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia

Una ricerca condotta dal Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino e pubblicata sulla rivista scientifica internazionale Journal of Affective Disorders ha indagato l’impatto della pandemia da COVID-19 sulle relazioni di coppia e benessere psicologico degli italiani. Uno studio condotto dalle ricercatrici A. Romeo, A. Benfante e M. Di Tella del gruppo “ReMind the Body” del […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Osteoporosi e sarcopenia: pazienti a rischio

La parziale ripresa di controlli e visite dopo la fase più acuta della pandemia ha evidenziato la necessità di un nuovo approccio verso le patologie che colpiscono ossa e muscoli, rispettivamente osteoporosi e sarcopenia. Si inizia a parlare di “osteosarcopenia”, una sindrome di recente definizione che vede la concomitante manifestazione delle due patologie, accentuata in […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Nuove linee guida per la steatosi epatica non alcolica

La prevalenza della NAFLD (Non Alcoholic Fatty Liver Disease, Steatosi epatica non alcolica) è in aumento in tutto il mondo. Obesità, invecchiamento della popolazione, diffusione del diabete, consumo di cibi processati ricchi di acidi grassi saturi, fruttosio e di zuccheri industriali sono le cause principali. Questa situazione ha indotto le tre società scientifiche competenti sul […]

Leggi tutto