Troppo sale incoraggia l’H. pylori e può provocare il cancro allo stomaco

Un nuovo studio ha rivelato che l’eccessivo consumo di sale, non solo causa ipertensione e malattie cardiache, ma può anche aumentare il rischio di cancro allo stomaco.

Il sale, infatti, secondo questo studio, può incoraggiare la crescita dell’H. pylori e renderlo più tossico per le cellule dello stomaco.

Il fattore di rischio di cancro allo stomaco più importante è l’infezione provocata da un batterio chiamato Helicobacter pylori (H. pylori), che provoca un’infiammazione all’interno dello stomaco, che può trasformarsi in tumore.

Le attuali linee guida dall’organizzazione mondiale della sanità (OMS) suggeriscono che non devono essere consumati più di 5g di sale (meno di 1 cucchiaino) al giorno.

Purtroppo la maggior parte delle sale ingerito dalle persone della nostra epoca proviene dai cibi trasformati, quali pane, formaggio, cereali per la prima colazione e piatti pronti, per cui è molto difficile misurare la quantità consumata.

Lifestyle News Salute Tecnologia

Caldo record, dalla SIPREC il decalogo per i pazienti cardiovascolari

CAMBIAMENTI CLIMATICI E PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE – Da metà maggio l’Italia è interessata da ondate di calore senza precedenti. Tra i rischi da prevenire, vi sono anche quelli per l’apparato cardiovascolare. Da qui nasce l’impegno istituzionale e sociale della Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare – SIPREC a consigliare norme di comportamento per salvaguardare la propria […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

India: il COVID-19 ha reso i bambini ansiosi

Durante la pandemia da COVID-19, i bambini di tutta l’India hanno avuto problemi a dormire e hanno dovuto affrontare un aumento dei casi di violenza domestica. Un numero maggiore di loro è stato costretto a lavorare. È quanto emerge da uno studio condotto da Save the Children, l’Organizzazione da oltre 100 anni lotta per salvare […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Porpora trombotica: la diagnosi può arrivare in ritardo

La porpora trombotica trombocitopenica (TTP) non è solo una patologia dal nome difficile, ma è anche ultra-rara: l’incidenza della sua forma acquisita (aTTP), di origine autoimmune, che corrisponde al 95% dei casi totali, è di circa 1,2 – 6 casi per milione di persone per anno e nel nostro Paese si stima che si verifichino […]

Leggi tutto