L’esercizio fisico attenua gli effetti dell’invecchiamento

L’esercizio fisico permette di invecchiare in modo ottimale, secondo un nuovo studio britannico, fatto su dei ciclisti amatoriali, 84 uomini e 41 donne, di età compresa tra i 55 e i 79 anni, in grado di pedalare, rispettivamente, per 100 km in meno di 6,5 ore e per 60 km in 5,5 ore.

Erano stati esclusi dallo studio i fumatori, i consumatori di alcol e le persone con pressione alta o altri problemi di salute.

I partecipanti sono stati sottoposti a due giorni di test nel King’s College, a Londra. Tra le altre cose sono state misurate loro: funzione cardiovascolare, respiratoria, metabolica, endocrina, neuromuscolare e cognitiva, oltre alla resistenza ossea, alla salute generale e al benessere.

Lo studio, pubblicato nel ‘Journal of Physiology’, ha dimostrato che gli effetti dell’invecchiamento non erano evidenti in questi individui.

Nel test in cui veniva valutato il rischio di cadere, le prestazioni di alcuni partecipanti erano migliori di quelle di molta gente più giovane.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto