Uva, mirtilli, prugne…contro il diabete

mirtilliLa frutta di colore scuro può ridurre il rischio diabete, secondo un nuovo studio dell’Università di Harvard.

I ricercatori americani hanno trovato che mangiare tre porzioni alla settimana di uva, mirtilli, uva passa, prugne secche… riduce la probabilità di soffrire di diabete di tipo 2, del 12 per cento.

La frutta di colore scuro è ricca di antociani e resveratrolo, due polifenoli che possono contribuire a migliorare il metabolismo del glucosio, contrastando il diabete, dice l’autore dello studio Qi Sun.

Ma bisogna consumare la frutta intera, non il succo.

Dallo studio, è emerso che bere succo di frutta, in realtà, aumenta il rischio di diabete dell’8 per cento.

Il frutto intero, che è ricco di fibre, rallenta la digestione, bere il succo invece provoca un più rapido assorbimento del glucosio e una pronta risposta insulinica, perché i fluidi sono assorbiti più rapidamente dall’organismo. Inoltre, alcuni fitonutrienti, che bloccano il diabete, vengono persi durante la spremitura, per la produzione del succo di frutta.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto