La Giornata mondiale senza tabacco per sensibilizzare sui rischi del tabagismo

fumo.sigarettaVenerdì 31 maggio, sarà celebrata la Giornata mondiale senza tabacco, nella data stabilita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel lontano 1987 e a cui oggi aderiscono 173 paesi.

Il tabacco uccide solo in Italia 83mila persone l’anno e oltre 6 milioni nel mondo. Provoca inoltre quasi 30 diverse malattie, tra varie forme tumorali, cardiopatie, vasculopatie, broncopneumatopie croniche.

“La prevenzione e la cura del tabagismo – dice il Governo italiano – sono essenziali per migliorare la salute pubblica”.

In occasione della Giornata mondiale contro il tabacco, il Ministero della Salute, in sinergia con l’ISS/Ossfad, il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e la Fondazione Veronesi ha promosso una Campagna di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione delle malattie derivanti dalla dipendenza dal fumo, denominata “sFRECCIA CONTRO IL FUMO”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), da parte sua, sta preparando un appello per i leader mondiali affinché vietino la pubblicità del tabacco.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto