Difendere la pelle e i capelli dall’inquinamento

Vivere in città ha moltissimi vantaggi, è un luogo ricco di stimoli e di opportunità, ma, allo stesso tempo, nasconde alcune insidie per la cura del nostro corpo. Uno dei nostri peggiori nemici è l’inquinamento che, attraverso le microparticelle presenti nell’aria e gli agenti inquinanti come ozono, piombo, zolfo e ossido di azoto, può danneggiare pelle e capelli,  causando invecchiamento precoce e indebolimento dei tessuti.

 

Abiby, talent scout di prodotti must have nel mondo beauty, con la nuova beauty box del mese di ottobre, “Time is now”, presenta un vero e proprio kit di sopravvivenza anti-smog, ideale per restituire luminosità e benessere anche tra le strade trafficate e vivere al meglio proteggendosi dal frenetico ritmo della vita cittadina.

 

Detergere la pelle del viso con un prodotto delicato

Per una beauty routine efficace, è necessario partire dalla detersione, soprattutto quando si parla di smog. La pelle ha bisogno di essere preparata e pulita adeguatamente per far penetrare in profondità i prodotti che si applicano successivamente e ottenere l’effetto desiderato. Se durante la giornata l’epidermide è soggetta a fattori esterni come vento o inquinamento, è preferibile un detergente delicato per evitare ulteriore stress alle cellule. Fondamentale è la detersione anche alla sera: oltre a rimuovere il trucco, aiuta a eliminare le particelle di smog che si sono appoggiate sulla pelle durante il giorno e che impediscono la sua ossigenazione ostruendo i pori.

 

Applicare una crema giorno che contrasti i problemi causati dallo smog

L’inquinamento interferisce con la nostra pelle anche aumentando il livello di radicali liberi: entrando in contatto con le cellule, ne riducono l’apporto di ossigeno e interferiscono con la produzione di collagene ed elastina, favorendo la comparsa della couperose. Per stimolare il rinnovamento cellulare e contrastare l’azione dello smog, dopo la detersione è importante utilizzare creme giorno a base di vitamine A, E e C, acido ialuronico, ceramidi, zinco e manganese, sostanze che incentivano l’elasticità e contrastano la comparsa delle rughe.

 

Usare il fondotinta o una BB cream

Dopo la crema, un altro grande alleato contro l’inquinamento è il fondotinta: oltre a uniformare l’incarnato, regala alla pelle una pellicola protettiva in grado di contrastare l’assorbimento delle polveri sottili, tanto dannose per l’organismo. Per chi cerca un prodotto più leggero, esistono le BB cream, che garantiscono lo stesso effetto protettivo sulla pelle mantenendola idratata. Buona norma è optare per fondotinta o BB cream dotati anche di filtri solari, per proteggere l’epidermide non solo dallo smog, ma anche dai raggi UV che in inverno colpiscono la pelle tanto quanto in estate.

 

Proteggere le labbra con prodotti ristrutturanti

Le labbra sono uno dei punti più fragili e delicati e sono in grado di assorbire le sostanze con una velocità e una facilità maggiore rispetto al resto del corpo: per questo è fondamentale proteggerle. Per ridurre al minimo i problemi causati dallo smog, come l’irritazione, la secchezza e la successiva screpolatura, i prodotti migliori sono quelli a base di vitamina E, sostanza antiossidante che aiuta a rallentare l’invecchiamento, a idratare, a proteggere dai danni causati dal sole e a stimolare la scomparsa di piccoli e grandi taglietti dovuti a fattori esterni, come il vento o il freddo. Gloss, burrocacao e rossetti ristrutturanti vanno applicati non solo mentre si è all’aperto, ma anche e soprattutto prima di affrontare la giornata.

 

Coccolare e rinforzare i capelli

Il viso e la pelle non sono gli unici a soffrire l’inquinamento: le polveri sottili si depositano anche tra i capelli. Lo smog da una parte intacca la salute del follicolo, agevolando lo sviluppo dei radicali liberi che indeboliscono i capelli e ne favoriscono la caduta, dall’altra si appoggia sulle ciocche rendendole più secche, spente e opache. In questo caso è importante prestare attenzione sia alla spazzolatura, da fare ogni sera e possibilmente con prodotti con delicate setole naturali, sia ai prodotti usati in doccia. Farsi lo shampoo a giorni alterni può essere una buona soluzione, purché vengano utilizzati prodotti delicati, altrimenti si rischia di indebolire ulteriormente l’intera struttura causando l’effetto contrario. Altra buona pratica è dedicare un lavaggio a settimana a una coccola extra, come massaggi della cute, scrub per il cuoio capelluto (anche home made, con il sale grosso) o balsami e maschere a base di zeolite, ornitina o taurina, veri alleati nella cura del capello.

 

Tenere a portata di mano uno spray anti inquinamento
Per un’effettiva protezione contro tutti i tipi di inquinamento – dal fumo alle polveri sottili – e contro gli odori che durante la giornata si attaccano a pelle, capelli e vestiti, il segreto è avere a portata di mano uno spray anti inquinamento come il City Spray Solution della linea pollution Free del brand skincare Guudcure, che sarà presente all’interno della box di Abiby di ottobre “Time is now”. Grazie alla Zeolite, questo spray aiuta la pelle a respirare e mantenere la sua vitalità: la carnagione appare più fresca e tonica, si assorbe velocemente e non macchia. Utilizzato quotidianamente su tutto il corpo e sui capelli, assicura una sensazione di benessere prolungata, accompagnata da una profumazione fresca e delicata. Inoltre, grazie al pratico formato da borsetta, può essere portato davvero ovunque, per avere sempre con sé un valido alleato per combattere smog e cattivi odori durante tutta la giornata.

Per scoprire tutti gli altri prodotti pensati per combattere l’inquinamento sulla propria pelle, è possibile acquistare la box di Abiby “Time is now” fino al 12 ottobre 2019 su www.abiby.it

Freschezza e natural glow: il must per l’estate 2019 in fatto di skincare è valorizzare la naturale
Nonostante siamo a metà maggio, le temperature sono ancora piuttosto basse. A breve, si aspetta
Un po' di buon vino e un po’ di cioccolato aiutano a combattere le rughe

Melograno e acido ialuronico alleati speciali per il natural glow

Freschezza e natural glow: il must per l’estate 2019 in fatto di skincare è valorizzare la naturale luminosità della pelle utilizzando pochi prodotti e semplici accorgimenti. Le regole d’oro per ottenere l’effetto “natural glow” sono ormai diventate parte della filosofia beauty: detergere la pelle con cura, eliminando make up ed impurità che si depositano quotidianamente sul viso; esfoliare per una pulizia ancora più profonda; idratare e nutrire stimolando la naturale produzione di collagene.

Alleato perfetto per la nuova frontiera della beauty routine estiva è il melograno, frutto che, già considerato miracoloso nell’Antica Grecia,  vanta molte proprietà benefiche grazie alla presenza di antiossidanti, vitamine, proteine, potassio, manganese e zinco. Un ingrediente versatile, con azioni nutritive e lenitive, che aiuta a rendere la pelle elastica e morbida in modo naturale.

 

Per questo Abiby, talent scout di prodotti must have e delle ultime novità nel mondo beauty, propone nella sua “Summer Hits”, la beauty box di luglio completamente dedicata all’estate, proprio un prodotto a base di melograno: Hyaluronic Serum 200 di Evolve Organic Beauty, potente siero ultra concentrato all’acido ialuronico ed estratto di melograno. Caratterizzato da una texture leggera e una formula oil free che lo rendono ideale per tutti i tipi di pelle, soprattutto nel periodo estivo, lo Hyaluronic Serum 200 rimpolpa la pelle e la rende luminosa e levigata, assicurando una bellezza al naturale. L’acido ialuronico puro contenuto nella formula penetra in profondità e stimola la naturale produzione di collagene, mentre l’estratto di Melograno biologico assicura una natural glowy skin anche nei mesi più caldi, addolcendo la pelle e proteggendola dall’invecchiamento cutaneo.

 

Un hero product pluripremiato organico, vegan, eco-friendly realizzato da Evolve Organic Beauty, il marchio inglese specializzato in prodotti di bellezza naturali e hand-made, che arriva ora direttamente nelle case delle beauty-addicted italiane grazie ad Abiby, che mese dopo mese realizza le Beauty Box in abbonamento con un tema sempre diverso, seguendo le tendenze del momento e selezionando i migliori prodotti premium di make-up e skincare.

 

“Con l’estate è arrivato il momento di tornare a splendere. Con questo obiettivo abbiamo selezionato Hyaluronic Serum 200 e gli altri prodotti a sorpresa contenuti nella box #Summerhits: risvegliare la naturale luminosità della nostra pelle. La scelta di una realtà come Evolve Organic Beauty nasce dalla volontà di collaborare con partner eccellenti ed attenti ad ogni parte della filiera produttiva. Evolve è un marchio handmade di alto livello, attento ai valori di sostenibilità e all’utilizzo di ingredienti totalmente naturali. Abiby sposa completamente la filosofia di questo brand e lo fa portando a casa delle clienti il suo prodotto di punta”,  sottolinea Valentina Abramo, Brand Partnership Manager di Abiby.

La Beauty Box di luglio “Summer Hits” sarà acquistabile online fino al 12 luglio, oltre al siero di Evolve Organic Beauty la box contiene altri prodotti non ancora rivelati per lasciare alle clienti che la riceveranno il gusto della sorpresa. Tramite le box di Abiby, le clienti hanno infatti la possibilità di scoprire e conoscere nuovi brand per la propria beauty routine, dalle creme corpo alle lozioni per capelli, grazie a collaborazioni non soltanto con marchi di fama internazionale ma anche con case di produzione e brand di nicchia non ancora presenti sul mercato. Il tutto ad un prezzo competitivo: a partire da 24,90 euro al mese per confezioni che contengono prodotti dal valore complessivo che supera i 90 euro. Basti pensare che, disponibile in Italia unicamente online tramite rivenditori selezionati, lo Hyaluronic Serum 200 di Evolve ha un prezzo – da solo – di 36 euro. Successivamente, il prodotto potrà essere riacquistato nell’ecommerce di Abiby.

Vivere in città ha moltissimi vantaggi, è un luogo ricco di stimoli e di opportunità,
Nonostante siamo a metà maggio, le temperature sono ancora piuttosto basse. A breve, si aspetta
Un po' di buon vino e un po’ di cioccolato aiutano a combattere le rughe

Proteggere i bambini dalle infezioni della pelle

Nonostante siamo a metà maggio, le temperature sono ancora piuttosto basse. A breve, si aspetta comunque l’arrivo della tanto desiderata estate. I bambini sono spesso vittime di infezioni batteriche della pelle che proprio, con l’arrivo della stagione calda e del clima caldo-umido, si manifestano con ancora maggiore frequenza. I rischi di queste infezioni variano a seconda della loro localizzazione: da quelle che coinvolgono solo la parte più superficiale della cute (l’epidermide) a quelle che colpiscono la parte più profonda (il derma).

Anche una piccola ferita, un graffio o una puntura d’insetto possono facilitare l’accesso dei batteri all’interno della pelle e generare un’infezione che può diffondersi ad altre zone della cute – afferma la Professoressa Susanna Esposito, Presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid) e Professore Ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia –Per evitare i rischi di un’eventuale degenerazione dell’infezione è necessario valutare da quanto tempo è insorta la lesione, quanto è estesa e quali sono i sintomi associati, come ad esempio febbre, dolore e prurito. Inoltre, è importante considerare quali possano essere stati i fattori predisponenti, tra cui l’assunzione di farmaci, l’esposizione alla luce solare, il contatto con allergeni o animali”.

 

Con l’avvicinarsi della stagione estiva, WAidid quindi raccomanda di mantenere la pelle dei bambini pulita e ben idratata in modo da difenderla dai batteri e dai funghi e consiglia una moderata esposizione al sole nei primi anni di vita per favorire la sintesi della vitamina D, ricordando di evitare sempre le ore più calde e di non prolungarla troppo nel tempo. Nel caso di infezione batterica della pelle il primo riferimento è sempre il pediatra(specialmente quando i bambini sono piccoli) che, a seconda del caso e della gravità, eventualmente evidenzierà ai familiari la necessità di una visita dermatologica.

 

Tra le infezioni cutanee dell’età pediatrica, quelle più comuni nel periodo estivo sono le seguenti:

  • L’impetigine è una delle più comuni infezioni cutanee tra i 2 e i 5 anni1 e si stima che colpisca a livello mondiale circa il 12% dei bambini2. Tra i fattori di rischio, la dermatite atopica, traumi della pelle, morsi di insetto, l’alta umidità e la scarsa igiene. Si distingue in due forme: non bollosa e bollosa. La prima forma è generalmente provocata dallo Staphylococcus aureus (nel 70% dei casi) e dallo Streptococcus pyogenes1,3 e si presenta con piccole vescicole o pustole che evolvono rapidamente in croste di color giallo. Anche la seconda forma, quella bollosa, è causata dallo Staphylococcus aureus e si manifesta con bolle flaccide e trasparenti sotto le ascelle, sul collo e nell’area del pannolino.

Una novità terapeutica nel trattamento dell’impetigine è rappresentata dall’ozenoxacina, pomata antibiotica battericida che agisce rapidamente con un successo terapeutico complessivo riscontrato dopo soli 5 giorniin seguito a somministrazione due volte al giorno, con la riduzione dell’impatto dell’infezione e una buona tollerabilità nei pazienti a partire dai 6 mesi di età4-7.

  • Le infezioni micotiche sono causate dai miceti (più conosciuti come funghi). In estate è più facile il contagio sia per la maggiore proliferazione dovuta al clima caldo – umido, sia per la più alta frequentazione dei bambini di piscine o di spazi comuni. I funghi possono diffondersi in molte zone del corpo quali il cuoio capelluto o la cute glabra. Nel primo caso (tinea capitis), la lesione è inizialmente costituita da piccole papule localizzate alla base del follicolo e, successivamente, si forma una placca circolare eritematosa e squamosa, al cui centro il capello diventa fragile e si spezza. Diventano così evidenti zone prive di capelli (alopecia) e il bambino può lamentare prurito. Nel secondo caso, le infezioni della cute (tinea corporis) si presentano come placche squamose, lievemente sopraelevate ed eritematose, che si diffondono in senso centrifugo lasciando una tipica lesione ad anello.

Sia nelle infezioni del cuoio capelluto che in quelle della cute, le lesioni micotiche richiedono il trattamento con un farmaco antifungino e spariscono spontaneamente nel giro di qualche mese.

  • Le verruche cutanee sono le lesioni caratteristiche delle infezioni virali da Papillomavirus e riguardano il 5-10% dei bambini. Anche in questo caso si diffondono maggiormente in estate tra i bambini che frequentano piscine o docce pubbliche. Le verruche comuni (verruca vulgaris) si riscontrano più frequentemente sulle dita, sul dorso delle mani, sul volto, sulle ginocchia e sui gomiti. Si tratta di papule ben circoscritte, con superficie irregolare e rugosa. Le verruche piane (verruca plana) sono caratterizzate da papule lievemente rilevate, di dimensioni generalmente inferiori ai 3 mm e di colore variabile dal rosa al marrone. La distribuzione è simile a quella delle verruche comuni, in alcuni casi però possono essere multiple e distribuirsi lungo una linea di trauma cutaneo, per esempio dal margine dei capelli al cuoio capelluto a causa dell’utilizzo del pettine. Nel 50% dei casi le verruche scompaiono spontaneamente entro due anni; il mancato trattamento può, però,provocare la diffusione ad altre sedi del corpo. Le verruche sono lesioni che interessano la parte superficiale della cute, quindi non cicatrizzano a meno che vengano trattate in modo aggressivo; generalmente si consiglia l’applicazione di pomate all’acido salicilico, mentre più discusso è l’utilizzo dell’azoto liquido.

Bibliografia

  1. Bangert S, Levy M, Hebert AA. Bacterial resistance and impetigo treatment trends: a review. Pediatr Dermatol. 2012;29:243e248.https://doi.org/10.1111/j.15251470.2011.01700.x
  2. Bowen AC, Mah_e A, Hay RJ, et al. The global epidemiology of impetigo: a systematic review of the population prevalence of impetigo and pyoderma. PLoS One. 2015;10:0136789.https://doi.org/10.1371/journal.pone.0136789.
  3. Hartman-Adams H., Banvard C, Juckett G., Impetigo: diagnosis and treatment,Am Fam Physician, 2014; 90:229 – 235.
  4. Yamakawa T, Mitsuyama J, Hayashi K. In vitro and in vivo antibacterial activity of T-3912, a novel non-fluorinated topical quinolone. J Antimicrob Chemother 2002;49:455-465.
  5. López Y, Tato M, Espinal P, Garcia-Alonso F, Gargallo-Viola D, Cantón R, et al. In vitro selection of mutants resistant to ozenoxacin compared with levofloxacin and ciprofloxacin in Gram-positive cocci. J Antimicrob Chemother . Gennaio 2015;70(1):57-61.
  6. Gropper S; Albareda N, Chelius K, Kruger D et al. Ozenoxacin 1% cream in the treatment of impetigo: a multicenter, randomized, placebo- and retapamulin-controlled clinical trial. Future Med. 2014; 9:1013-23.
  7. Gropper S, Cepero AL, Santos B, Kruger D. Systemic bioavailability and safety of twice-daily topical ozenoxacin 1% cream in adults and children with impetigo. Future Microbiol. 2014; 9: 33-41; 5. Ozanex 1% crema, (Ferrer). 2017 Accessibile all’indirizzohttps://cima.aemps.es/cima/dochtml/ft/82357/FT_82357.html. Ultima consultazione: 26.03.2018
Un po' di buon vino e un po’ di cioccolato aiutano a combattere le rughe
Non va bene dormire la notte con il tanga. Questo indumento può essere fastidioso e
L'aglio è un vecchio rimedio naturale. Lo sapeva già anche Ippocrate, poi vari studi scientifici

Un po’ di buon vino rosso e un po’ di cioccolato contro le rughe

Un po’ di buon vino e un po’ di cioccolato aiutano a combattere le rughe e a mantenere la pelle morbida e fresca. Lo ha trovato un recente studio condotto dall’Università di Exeter in Inghilterra.

Secondo la ricerca, illustrata nel British Medical Journal,

sia il vino rosso che il cioccolato contribuiscono al ringiovanimento delle cellule della pelle, grazie ai flavonoidi, composti presenti in entrambi i cibi e noti per i loro effetti anti-infiammatori e antiossidanti.

Il cioccolato è una potente fonte di antiossidanti, eleva il colesterolo HDL e protegge l’LDL dall’ossidazione, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari, dicono gli esperti.

Anche il vino rosso è un alleato, aiuta a perdere peso, combattere la fatica, ridurre il colesterolo.

Gli scienziati per giungere a queste conclusioni hanno analizzato delle cellule in laboratorio esponendole alle sostanze chimiche naturali che si trovano nel vino rosso, nel cioccolato amaro, nell’uva rossa e nei mirtilli.

Un bicchiere di vino rosso equivale a un'ora in palestra e aiuta a dimagrire, secondo
Alcuni ricercatori hanno trovato che un composto presente nel vino rosso può curare la depressione
Un bicchiere di vino rosso o un tè verde, secondo una nuova ricerca fatta dall'Università