Un preservativo che conta le calorie e aiuta a stare in forma

Anche fare sesso può aiutare a stare in salute e in forma. Un preservativo sta per essere immesso sul mercato inglese e potrebbe dire quante calorie si consumano nell’attività sessuale, oltre a proteggere contro le malattie sessualmente trasmissibili.

Il nuovo dispositivo, perciò, potrebbe anche aiutare gli uomini a perdere peso e rimettersi in forma.

Si chiama i-Con Smart ed è una tecnologia da indossare che fornisce tutte le statistiche agli uomini che hanno bisogno di monitorare la loro vita sessuale.

Il dispositivo potrà anche contribuire a rilevare malattie come la clamidia e la sifilide.

Il condom registra la durata del rapporto sessuale, le calorie bruciate, il numero e la velocità delle spinte, le misure della circonferenza e le diverse posizioni utilizzate per settimana, mese o anno.

L’azienda produttrice, che ha sede a Nottingham, ha detto che tutte le informazioni saranno anonime, ma gli utenti potranno condividere i loro dati con gli amici, se lo desiderano.

In un modo simile ad altri dispositivi di monitoraggio della salute, il dispositivo userà una nano-chip e la tecnologia bluetooth per trasmettere i dati a una applicazione smartphone.

L’i.Con non è un preservativo reale. Si tratta di un anello,  che le persone possono utilizzare più volte, da sistemare sopra un preservativo, alla base di esso.

Il dispositivo è confortevole, resistente all’acqua, leggero, discreto ed è abbinabile a qualsiasi preservativo che si desidera utilizzare.

L’anello, che viene fornito con una garanzia di un anno, si indossa alla base del preservativo, è regolabile nelle dimensioni e può essere utilizzato a lungo.

Oltre 90.000 persone hanno già pre-ordinato il prodotto che verrà rilasciato entro la fine dell’anno al prezzo di 59.99 sterline.

Gli inventori hanno detto il kit sarà disponibile nel 2017, esclusivamente in Gran Bretagna.

 

In occasione della Giornata Mondiale della Contraccezione il 26 settembre, Durex, leader mondiale nel mercato
Condoms Il preservativo è il modo migliore per prevenire le malattie
Giovedì 1 dicembre è la Giornata mondiale dell'Aids. C'è sempre bisogno di sensibilizzare su questa

Le donne italiane provano disagio nell’acquisto del profilattico

In occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS del 1 dicembre, SCA Italia, azienda leader mondiale nel settore dell’igiene, lancia i risultati della ricerca #HygieneMatters condotta con l’obiettivo di promuovere, educare e sensibilizzare le persone sul tema dell’igiene

Secondo la ricerca internazionale, che ha coinvolto 12.000 intervistati in 12 paesi, i preservativi vengono considerati dagli italiani come il prodotto per l’igiene e la cura della persona che crea maggiormente disagio al momento dell’acquisto (50%), seguiti dai prodotti per l’incontinenza maschile (49%) e quella femminile (47%).

In particolare, tra i paesi europei oggetto della ricerca (Italia, Spagna, Regno Unito, Francia, Germania, Svezia, Olanda e Russia) le donne italiane (64%) sono quelle che provano ancora più disagio nell’acquisto del profilattico seguite dalle donne russe (63%), inglesi (51%), svedesi (45%), francesi e tedesche (44%), spagnole (43%) e ultime le olandesi (42%).

La ricerca “Hygiene Matters”

“Hygiene Matters” 2016 è la quinta edizione della ricerca commissionata da SCA (la prima nel 2008) con l’obiettivo di promuovere il dialogo globale sul tema dell’igiene e al contempo di educare e facilitare l’adozione di prodotti e misure che favoriscano il miglioramento delle condizioni igieniche e degli standard di salute nel mondo.

Presentata il 23 settembre a New York durante una conferenza in occasione della 71° Assemblea Generale delle Nazioni Unite, questa indagine è parte di una partnership tra SCA e il WSSCC (Water Supply and Sanitation Collaborative Council), organizzazione membro delle Nazioni Unite specializzata nella gestione dei problemi inerenti la sanità e l’accesso all’acqua in tutto il mondo.

Questa edizione della ricerca è stata condotta dal mese di maggio al mese di giugno 2016, commissionata da SCA. Ha coinvolto 12 Paesi: Cina, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia, Messico, Olanda, Russia, India, Regno Unito e Stati Uniti.

La compilazione è avvenuta via web e ha coinvolto un totale di 12.000 intervistati, indicativamente 500 donne e 500 uomini dai 16 ai 56 anni per mercato e principalmente residenti in aree urbane. Quote nazionali sono state utilizzate per ottenere un’accurata rappresentazione per fasce d’età.

Anche fare sesso può aiutare a stare in salute e in forma. Un preservativo sta
Giovedì 1 dicembre è la Giornata mondiale dell'Aids. C'è sempre bisogno di sensibilizzare su questa
Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il preservativo non stato utilizzato da ieri. Nel 3000

Preservativo: una lunga storia

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il preservativo non stato utilizzato da ieri.

Nel 3000 a.C., i soldati egiziani utilizzavano involucri di pecora o di vesciche di maiale per proteggersi dalle malattie veneree.

Nel 19 ° secolo, Charles Goodyear e Thomas Hancock iniziarono a produrre preservativi di gomma, che era possibile lavare per un successivo riutilizzo.

Il primo preservativo in lattice è arrivato sul mercato nel 1880, ma non ha attirato le folle e non è stato prodotto fino gli anni ’30 del Novecento, quando ha cominciato a trovare il suo pubblico.

Per quanto strano possa sembrare, il suo primo successo giunse durante la Seconda guerra mondiale.

Nel controllare le sue truppe, l’esercito statunitense capì che diverse migliaia di soldati erano affetti da malattie veneree e quindi decise di distribuire i preservativi.

La bella stagione è definitivamente alle porte e divano e coperta hanno un richiamo più
«Piacere, mi chiamo Maria e vesto da vent’anni Martino Midali. Non sapevo che faccia avesse
Un album per bambini dai 7 agli 11 anni pensato per farli divertire imparando l’arte
È una delle pagine più crudeli tra quelle che il Novecento ha prodotto ma, incredibilmente,

Dall’erba Spinifex un preservativo sottilissimo

Non più il lattice di gomma tradizionale ma un’erba ecologica e duttile, la Spinifex, per condom che dà sensazioni migliori.

I ricercatori della University of Queensland hanno creato un nuovo preservativo sottilissimo, utilizzando una pianta cespugliosa che ha molteplici qualità: l’erba Spinifex.

Il vegetale cresce solo nelle regioni costiere australiane ed è principalmente utilizzato per fissare le dune di sabbia lungo le spiagge.

Ricco di nanocellulose il preservativo con l’erba Spinifex è molto più forte rispetto a quello di lattice tradizionale.

I ricercatori australiani hanno mescolato il lattice all’erba Spinifex per ottenere preservativi sottili e resistenti. Hanno lavorato insieme agli aborigeni Indjalandji-Dhidhanu della regione del Camooweal per realizzarli.

Attualmente, i preservativi hanno uno spessore compreso tra i 70 e i 90 micron, il nuovo preservativo è di 45 micron ed è quindi molto più sottile.

Il nuovo condom è stato testato su una linea di preparazione commerciale negli Stati Uniti, con i test cui vengono sottoposti i campioni per i preservativi.

Naturalmente, con un preservativo sottile le sensazioni sono migliori.

Un motivo in più per incoraggiare le persone ad usare il condom, unico strumento che può proteggere dalle malattie sessualmente trasmissibili.

U’indagine dello scorso anno, presentata nell’ambito del progetto educativo Pianeta Uomo, promosso dalla Società italiana di urologia (Siu), aveva trovato che solo un adolescente su tre, in Italia, utilizza sempre il preservativo per i rapporti sessuali.

Tutto questo, in un contesto in cui l’AIDS è in aumento, anche in Europa, e crescono i contagi fra i giovani.

In occasione della Giornata Mondiale della Contraccezione il 26 settembre, Durex, leader mondiale nel mercato
Condoms Il preservativo è il modo migliore per prevenire le malattie
Anche fare sesso può aiutare a stare in salute e in forma. Un preservativo sta
Giovedì 1 dicembre è la Giornata mondiale dell'Aids. C'è sempre bisogno di sensibilizzare su questa