Esplode la mania per Abu Dhabi, Sir Bani Yas, Doha e Dubai

Crociere, negli Emirati Arabi +124% di prenotazioni

  • Il porto di Dubai al +135% rispetto al 2018, segue Abu Dhabi al +49%
  • Novità 2019: Doha porto di imbarco

Occhi puntati sul Medio Oriente per i big delle crociere, in particolare sugli Emirati Arabi. L’Osservatorio Ticketcrociere rivela un aumento percentuale di prenotazioni nel 2019 del +124% rispetto al 2018.

Leggi tutto “Esplode la mania per Abu Dhabi, Sir Bani Yas, Doha e Dubai”

Mentre ci si prepara per i fuochi di fine anno, Secret Escapes, club di viaggi
Dolce & Gabbana hanno lanciato la loro prima collezione di moda rivolta alle donne velate.
Non sono piaciute alle autorità degli Emirati Arabi le foto che la cantante Rihanna ha

Vacanze di Natale, il camping in agriturismo è l’ultimo trend green

Che la coscienza green si stia diffondendo a macchia d’olio soprattutto tra i giovani è un fatto di straordinario rilievo: finalmente tutti si stanno rendendo conto che è importante preservare il pianeta e porre fine ai danni ecologici perpetrati per decenni dall’uomo. Rispettare gli animali e la natura non è soltanto un indicatore di civiltà ma anche di sensibilità e valori morali: l’uomo appartiene alla Terra e distruggerla non è il modo migliore di assicurare un futuro alle prossime generazioni. Far del male agli animali, poi, è, nella migliore delle ipotesi, sintomo di mancanza di cultura oltre che di intelligenza.

Secondo i dati appena pubblicati del Rapporto Univerde 2019, aumenta l’attenzione degli italiani per le mete turistiche green e soprattutto plastic-free: dai notiziari di tutto il mondo emerge il dato inquietante che stiamo uccidendo con la plastica gettata negli oceani pesci, mammiferi marini e rettili come le tartarughe. Questo fatto è percepito come un’emergenza vera e propria dall’80% delle persone intervistate, che preferiscono optare per strutture turistiche eco-friendly e magari anche plastic-free.

Una tendenza, questa, registrata anche dalla piattaforma numero 1 di instant booking di campeggi, la britannica Pitchup.com, particolarmente sensibile al problema e attrezzata per offrire al suo pubblico internazionale strutture realmente eco-sostenibili.

Sono in forte crescita gli utenti che su Pitchup.com scelgono sistemazioni green, in strutture che ad esempio utilizzano energia elettrica ricavata con metodi eco-friendly, oppure praticano la raccolta differenziata e offrono soluzioni per fare a meno della plastica durante la vacanza.

L’ultima tendenza del camping green è sicuramente l’agriturismo. Sono sempre più numerose in tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna e all’Italia, le aziende agricole o le semplici fattorie che decidono di accogliere i turisti, dedicando loro degli spazi verdi dove campeggiare oppure costruendo tende moderne e accoglienti o bungalow con tutti gli agi per rendere il soggiorno ancora più piacevole. Si tratta spesso di un sistema per aumentare i guadagni, dato che oggi il settore agricolo è abbastanza in crisi ovunque. Aprirsi al turismo può essere un’ottima soluzione per continuare a tenere aperta un’attività di questo genere trovando una nuova fonte di profitto.

Su Pitchup.com si possono trovare parecchie soluzioni di questo genere in tutto il mondo, cercandole con l’apposito filtro. Ecco una selezione degli agriturismi italiani più belli aperti ai campeggiatori (in tutti i cani sono ammessi), un’occasione per provare queste strutture nel nostro Paese e magari, successivamente, avventurarsi all’estero.

Il Giardino degli Elfi – Bevagna – Umbria

Nel cuore dell’Umbria verde, a pochi chilometri da Assisi e da Spello, troviamo Il Giardino degli Elfi. Questa splendida location che si sviluppa intorno a una tradizionale casa colonica, offre un ambiente di assoluta tranquillità e silenzio, tra giardini fioriti e una grande piscina con acqua salata. I proprietari sono convinti ecologisti: qui potrete trovare prodotti organici locali e un ristorante che propone esclusivamente piatti preparati con ingredienti biologici. Potrete gustare il meglio della cucina umbra a chilometro zero. Wi-fi gratuito, docce calde, piazzole spaziose su erba, una biblioteca e la possibilità di acquistare tutti i prodotti della fattoria, compreso l’olio extra vergine di oliva, assicureranno una vacanza meravigliosa, con tante possibilità di escursioni a piedi o in bicicletta nei dintorni.

Agriturismo Vultaggio – Trapani – Sicilia

A un’ora da antichi templi, isole affascinanti e sentieri di montagna è ubicato l’Agriturismo Vultaggio, una lussuosa struttura per campeggiatori costruita accanto a una fattoria gestita dalla stessa famiglia da quattro generazioni. Imponenti e raffinate tende safari possono ospitare fino a 7 persone, disponendo di 2 camere da letto, bagno privato e angolo cottura. L’agriturismo, immerso in un vigneto, dispone di un negozio dove si possono acquistare le specialità della fattoria ma anche di ristorante, dove si cucinano soltanto piatti biologici tipici della cucina siciliana, che in realtà è un mix di tutte le culture che si sono succedute nei secoli in questi luoghi, dai Fenici ai Greci, dagli Arabi ai Normanni.

Agriturismo La Petrosa – Ceraso – Campania

A dieci minuti di auto dalla meravigliosa costa campana, immerso nel verde, troviamo l’Agriturismo La Petrosa, parte di una tenuta agricola che copre circa 50 ettari di territorio ricco di frutteti, ulivi, campi di grano e orti. Nel negozio interno sono in vendita i prodotti della fattoria: oltre a verdure e frutta di vario genere, formaggio, uova, carne, olio d’oliva, marmellate, pane fresco e molto altro. Se non si ha voglia di cucinare, c’è un ristorante con un’ampia terrazza che propone specialità locali ovviamente preparate soltanto con ingredienti a chilometro zero. L’agriturismo dispone anche di una grande piscina all’aperto, di biciclette da noleggiare, di un parco giochi per i bambini e di aree per sport come il tiro con l’arco.

Agriturismo Alba – Baone – Veneto

Nel verde dei Colli Euganei, in una zona nota in tutta Italia per le acque termali, troviamo l’Agriturismo Alba, 18mila ettari che si snodano intorno a una casa colonica del XVIII secolo, ovviamente restaurata. I rigogliosi giardini sono perfetti per passeggiare o leggere un libro in tranquillità, ma non manca una grande piscina per chi preferisce nuotare. I campeggiatori possono cenare al ristorante dell’agriturismo che ovviamente utilizza soltanto ingredienti della tenuta per le proprie specialità. Gli amanti dell’arte e della storia possono visitare i borghi medievali come Monselice ed Este.

Tornare dalle vacanze è sempre traumatico e si cerca in tutti i modi di prolungare
automobile.it, il sito di annunci di auto usate, nuove, Km 0 e a noleggio di
Finalmente sono arrivate le agognate vacanze: è arrivata la vera fine dell’anno, perlomeno quello lavorativo, e ci

Festeggia i 500 anni dell’Avana. Horca Myseria On the Road

Tra arte, musica e spiagge d’incanto…

L’ Avana si è fatta ancora più bella per festeggiare i suoi 500 anni!

Visitala con Horca Myseria dal 26 Dicembre 2019 al 7 Gennaio 2020!

Un viaggio speciale tra cultura, musica e puro relax. Un gruppo molto ristretto di undici partecipanti accompagnati da Monica Fumagalli, Tour Leader d’eccezione Una grande qualità di contenuti e… tanto divertimento!

 

Un viaggio speciale tra cultura, musica e puro relax. Un gruppo molto ristretto di undici partecipanti accompagnati da Monica Fumagalli, una grande qualità di contenuti e… tanto divertimento! Per questa edizione Horca Myseria ha  selezionato il meglio delle casas particulares che abbiamo alternato agli hotel con l’idea di dare un panorama completo di un’isola davvero affascinante: il contatto diretto con i suoi abitanti, particolarmente ospitali ma anche due “chicche” nell’ambito delle strutture turistiche dell’isola.

Atterrati a La Habana il 26 sera, il gruppo si sistemerà in casa particular plus, nel cuore dell’Habana Vieja, centro storico di una delle città più amate al mondo. E’ qui che trascoreranno la  prima giornata cubana, visitando le quattro splendide piazze coloniali e la cattedrale barocca più bella dell’America latina, “musica fatta in pietra” secondo lo scrittore Alejo Capentier. Si sposteranno quindi, con minivan privato, nella parte più occidentale dell’isola, nella splendida Valle di Viñales, dichiarata dall’Unesco Paesaggio Culturale dell’Umanità, dove si coltiva il miglior tabacco del mondo. Il 29 mattina si partirà per Cienfuegos, “la perla del sud” facendo sosta al Jardín Botánico e una volta raggiunto l’hotel, il gruppo visitarà la bella cittadina dall’architettura di ispirazione francese. Per il Capodanno, attraversando la Valle de los Ingenios, un tempo la zona più prospera della coltivazione della canna da zucchero, si visiterà la torre di Manaca Iznaga, per raggiungere Trinidad, vero e proprio gioiello dell’epoca coloniale dove si alloggerà in casa particular plus. Qui si potrà godere del il primo giorno di puro relax sulla bianca sabbia di Playa Ancón. Partenza poi per Remedios, uno dei più antichi insediamenti coloniali dell’isola, dove si respirererà un’atmosfera particolarmente autentica. Dall’hotel, percorrendo la lunga strada che è un lembo di terra sospeso sul mare, si raggiungerà quindi la meravigliosa spiaggia di Cayo Santa María. Si rientrerà quindi a La Habana sabato 4 Gennaio facendo sosta nella storica cittadina di Santa Clara. Resteranno ancora due giornate piene per continuare a scoprire le meraviglie della capitale, i suoi palazzi splendidamente conservati, il Malecón, la fortezza del Morro.

Accompagna il gruppo Monica Fumagalli che si è laureata a Milano in lingua e letteratura dell’America Latina, continente nel quale ha viaggiato in lungo e in largo per passione ma anche per documentare le sue pubblicazioni. In particolare, ha trascorso molto tempo in Argentina e a Cuba, terra della quale ha approfondito la storia e le tradizioni in preparazione del suo ultimo libro, Negritudine e tango, un amore nascosto tra le note. Si è fermata un bel po’ in Messico, innamorata della sua splendida capitale e del Chiapas e nel 2007, ha partecipato ad un progetto universitario che l’ha portata avanti e indietro dal Perù per due anni. Ha pubblicato diversi saggi e tradotto autori tutti collegati in qualche modo alla storia del continente americano. Dal 2016 accompagna i viaggi “on the road” di Horca Myseria in America Latina oltre alla Vacanza Studio a Buenos Aires, dedicata al tango.

Obesità. Disabilità fisica. Chi vive queste condizioni, in un mondo votato alla bellezza e alla
Quando la strada chiama, bisogna rispondere. Ma non serve volare dall’altra parte del pianeta e
Utoya, di Edoardo Erba, regia di Serena Sinigaglia, torna a Milano, questa volta sul palco del Filodrammatici, dal

Charity Wine Masterclasses al Merano WineFestival

Dedicate a tutti coloro che amano il mondo del vino e vogliono approfondire le proprie conoscenze enologiche, ma nello stesso tempo contribuire a sostenere delle attività benefiche. Sono le Charity Wine Masterclasses che si svolgono durante Merano WineFestival all’Hotel Terme Merano. Sessioni di degustazioni verticali che il WineHunter Helmuth Köcher ha realizzato in collaborazione con aziende vitivinicole di eccellenza e selezionati importatori. Esperti appassionati e competenti conducono i partecipanti alla scoperta di vini unici, dai grandi classici ai piccoli tesori nascosti, ognuno a narrare un territorio, una storia, una tradizione. Anche quest’anno il ricavato delle Charity Wine Masterclasses insieme a quello delle Charity Wine Auction sostengono un progetto del Gruppo Missionario di Merano “Un pozzo per la vita”. Merano WineFestival contribuirà all’acquisto di un mulino, di un serbatoio per la torre piezometrica e di servizi igienici con acqua corrente nel centro di accoglienza per ragazzi nella parrocchia di Barbarou, in Africa occidentale. Inoltre, verranno istituite tre borse di studio per i ragazzi che frequentano i corsi di formazione presso la scuola professionale “Don Bosco”.

Questo l’elenco delle masterclasses 2019:

Vitigni resistenti, due scuole a confronto: Friburgo contro Udine
Dolomytos: passione e genialità off limits (Ansitz Dolomytos Sacker)
Cuvée Secrete – quando il paesaggio è arte (Arnaldo Caprai)
LR e Sauvignon Lafòa – Le eccellenze di Colterenzio (Schreckbichl – Colterenzio)
Fiano di Avellino: grande espressione di terroir (Quintodecimo)
Super wines dell’Alto Adige
Barolo & Barbera, l’eleganza del Piemonte (Ca’ Viola)
Jacopo Biondi Santi, tra tradizione e innovazione (Castello di Montepo’)
Oreno, supertuscan di razza (Tenuta Sette Ponti)
Oltrepò: sfumature di Pinot Nero (Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese)
Grüner Veltliner on stage (Austrian Wine Marketing Board)
Verticale storica di Madame Martis – A/R (Maso Martis)
Tradizione, passione e potenzialità del territorio vulcanico (Galardi)
Borgogna: enografia di classe francese (Benjamin Leroux)
Rubesco Riserva: la sfida del tempo (Lungarotti)
Identità e unicità della Sardegna (Argiolas)
Il vino è inclusione: l’esperienza del Montepulciano d’Abruzzo Marina Cvetic (Masciarelli)
Tresoro, a tribute to Riparbella (Duemani – Caiarossa – Tenuta Prima Pietra)
Castello di Brolio: il simbolo del territorio del Chianti Classico (Ricasoli)
Il Monte Bianco in un calice (Les Crêtes)
Underwater Champagne (Jamin)
Champagne, sfida ed eleganza inconfondibili (Champagne Drappier)
Sardegna: una tradizione millenaria – Gli Irripetibili. Vini unici per annata, per tipologia e per vitigno
(Camera di Commercio di Nuoro)
Sardegna: una tradizione millenaria – Rosso Cannonau. Un tasting alla scoperta dei mille volti del Cannonau di Sardegna
(Camera di Commercio di Nuoro)
Alla scoperta dei vini del Sudafrica (Afriwines)
La storia del Sauternes (Château de Fargues)
Sannio: la falanghina, evoluzione storica e bollicine + Caserta: Rossi di terra di lavoro
(Sannio Dop Consorzio di Tutela dei Vini del Sannio – Camera di Commercio di Caserta)

Il vino continua a essere ancora oggi tra le bevande più apprezzate. Basti pensare che
Cibo, musica, intrattenimento e soprattutto Verdicchio. Fino a sabato 20 Matelica celebra il suo grande
Le Notti Rosa: si brinda con I migliori 100 vini rosa d’Italia Slow Food Editore e