Uccisi sessantasette giornalisti nel 2015, ma non in zone di guerra

Sessantasette giornalisti sono stati uccisi nel 2015, mentre esercitavano la loro professione, secondo il rapporto annuale di Reporters sans frontières (RSF) pubblicato martedì.

La Francia è stato il terzo paese più colpito a causa dell’attacco contro il giornale Charlie Hebdo, nel mese di gennaio.

Sono stati uccisi anche 27 blogger e 7 collaboratori dei media.

Alla testa dei paesi più pericolosi per i giornalisti quest’anno ci sono stati Iraq (con 9 giornalisti uccisi e 11 altri presunti) e Siria (9), seguiti da Francia (8), Yemen, Sudan del Sud, India, Messico e Filippine.

C’è stata un’inversione di tendenza rispetto al 2014 quando i due terzi dei giornalisti in tutto il mondo erano stati uccisi nelle zone di conflitto. Quest’anno, i due terzi dei giornalisti sono stati uccisi in territori senza guerre.

La maggior parte dei giornalisti uccisi nel 2015 erano giornalisti locali (97%) che lavorano al di fuori delle aree di conflitto (64%).

Comprese le “morti sospette”, secondo RSF ci sono stati in totale 110 giornalisti uccisi quest’anno.

Dal 2005, almeno 787 giornalisti sono stati uccisi a causa della loro professione.

Inoltre, 54 giornalisti sono tenuti ancora in ostaggio nel mondo, alla fine del 2015, contro i 40 del 2014.

Gli ostaggi sono in Siria (26), Yemen (13), Iraq (10) e Libia (5).

Dei giornalisti sono, invece, imprigionati in Cina (23), Egitto (22), Iran (18), Turchia (9), con altri 66 sparsi per il mondo.

Potrebbero interessarti anche...