News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

Africa occidentale duramente colpita dalla crisi climatica

povertà, deserto
The site of Satara, with a total population of 2,441, is composed of 3 villages (Satara, Lima and Koum. It is located in the municipality of Simiri, in the department of Ouallam of Tillabery. Ouallam is one of only 20 departments in IPC 3 (out of the country’s 76 departments).
The Tillabery region is located in the transboundary Liptako Gourma or “three borders” region. Bordering Mali, Burkina Faso, and Benin, Tillabery suffers from both local conflicts and the spill over from the armed conflict in Mali and Burkina Faso. In 2021, the region saw a significant increase in the frequency and scale of violent incidents against civilians by Non-State Armed Groups (NSAGs), especially in northern Tillabery. Close to 1,500 civilians were killed by NSAGs in Niger in 2021 (a 121% increase compared to 2020), the majority of which were in Tillabery.
Despite representing only 16% of the country’s population, the region accounts for over 32% of the people in IPC 3 and 4. The region also has some of Niger’s highest levels of chronic food insecurity, due to highly degraded lands, rapid demographic growth, and high exposure to climate shocks such as droughts and floods.
The main livelihoods in Sitara are rainfed agriculture, livestock and small-scale trading, which were extremely hard-hit by the 2021 drought.
In Tillabery, WFP works in close collaboration with the government and partners since 2014 to implement an integrated, multi-year and community-based resilience package. Activities were scaled up since 2019, thanks to France, ROC, Germany and USA’s support. Currently WFP is supporting 37 resilience sites in Tillabery targeting 86,033 people.

Precipitazioni superiori alla media e inondazioni devastanti in tutta l’Africa occidentale e centrale hanno colpito cinque milioni di persone in 19 paesi della regione, provocando centinaia di vittime e decine di migliaia di sfollati, distruggendo mezzi di sussistenza e decimando oltre un milione di ettari di terreni coltivati ​​- in un regione già alle prese con una crisi della fame senza precedenti. Si tratta di uno dei più gravi disastri climatici che la regione abbia visto da anni e che potrebbe aggravare i livelli già preoccupanti di fame per milioni di persone.

Le inondazioni che hanno colpito l’Africa occidentale si verificano a pochi giorni dalla COP27 – l’incontro in Egitto dei leader mondiali sulla crisi climatica – ed evidenziano l’urgente necessità di aiutare le comunità in prima linea nella crisi climatica ad adottare pratiche di adattamento, espandendo soluzioni che affrontino le perdite e i danni subiti durante i disastri legati al clima e investendo nell’azione per il clima in contesti fragili.

“Le famiglie in Africa occidentale sono già al limite a causa dei conflitti, delle ricadute socioeconomiche della pandemia e dei prezzi alle stelle dei generi alimentari. Queste inondazioni sono un moltiplicatore di miseria e sono l’ultima goccia per le comunità che già lottano per sopravvivere”, ha detto Chris Nikoi, Direttore regionale del WFP per l’Africa occidentale.

“Il WFP è sul campo per assistere le famiglie colpite dalle alluvioni fornendo aiuti come risposta immediata, ma anche sostegno per la costruzione della resilienza delle comunità agli shock futuri e per facilitare un percorso per superare questa situazione catastrofica”, ha aggiunto Nikoi.

Le previsioni meteorologiche a breve termine indicano precipitazioni stagionali superiori alla media in tutta la regione dell’Africa occidentale (ad eccezione delle zone costiere meridionali), con il rischio di inondazioni che aumenterebbero ulteriormente i bisogni umanitari. Un insieme di calamità ha già portato 43 milioni di persone ad affrontare livelli di insicurezza alimentare di crisi ed emergenza (fasi IPC/CH 3+4) durante la stagione magra di giugno-agosto.

In risposta, il WFP è sul campo fornendo assistenza di emergenza per tre mesi a 427.000 donne, uomini e bambini in paesi gravemente colpiti dalle inondazioni, tra cui Repubblica Centrafricana, Ciad, Gambia, Nigeria, Sao Tomé e Principe e Sierra Leone. Il WFP fornisce anche una risposta post-alluvione, principalmente diretta a quei piccoli agricoltori che hanno avuto i raccolti distrutti.

L’assistenza alimentare di emergenza del WFP viene fornita sotto forma di trasferimenti in denaro e in cibo, per aiutare le famiglie colpite a soddisfare i propri bisogni alimentari e nutrizionali di base in un momento in cui i prezzi dei generi alimentari stanno salendo alle stelle, mettendo anche un pasto base fuori dalla portata delle famiglie vulnerabili.

In molti paesi della regione, i prezzi del cibo sono ancora in aumento rispetto alla media degli ultimi cinque anni. I prezzi del mais, ad esempio, sono aumentati rispettivamente del 106%, 78% e 42% in Ghana, Niger e Nigeria. In Burkina Faso i prezzi del sorgo hanno visto un aumento dell’85%. In Mauritania, il grano è aumentato del 49%, mentre in Sierra Leone il riso importato ha subito un fortissimo aumento dell’87%. L’aumento vertiginoso dei prezzi di cibo, carburante e fertilizzanti non solo aggrava la crisi della fame, ma alimenta anche tensioni socioeconomiche, poiché i governi faticano a rispondere alla crisi a causa del pesante onere del debito e della limitata finanza pubblica.

Oltre a rispondere ai bisogni immediati delle comunità colpite dalle inondazioni, il WFP sta implementando un programma di Azione Preventiva che aiuta a rafforzare le capacità di governi e partner. Ciò include la creazione di sistemi di allerta precoce per prepararsi meglio agli estremi climatici e opportunità di finanziamento per evitare o mitigare gli impatti di imminenti eventi meteorologici estremi. Ad agosto, il WFP ha attivato la sua azione preventiva in Niger diretta a 200.000 persone a rischio attraverso messaggi di allerta precoce e informazioni utili.

“Rafforzare la resilienza e promuovere l’adattamento climatico è essenziale per anticipare i rischi climatici, ripristinare gli ecosistemi degradati e proteggere le comunità vulnerabili dall’impatto degli estremi climatici”, ha detto Nikoi.

Nelle terre aride del Sahel, Il WFP concentra i suoi sforzi nella costruzione della resilienza locale agli effetti a catena della crisi climatica, promuovendo tecniche agricole per riabilitazione di terreni ed ecosistemi degradati. Il WFP supporta le comunità nella costruzione di sistemi di raccolta dell’acqua piovana e altre soluzioni sostenibili di stoccaggio dell’acqua che consentono agli agricoltori di piantare e coltivare frutta e verdura anche dopo che i letti dei fiumi si sono prosciugati.

Il WFP implementa anche un programma di assicurazione contro i rischi climatici che migliora la gestione dei rischi climatici da parte dei governi africani. Nel 2022, il WFP ha erogato 9,4 milioni di dollari dall’African Risk Capacity (ARC) Replica per l’attuazione di un piano di risposta precoce in Mauritania, Mali e Burkina Faso dopo la siccità del 2021.

Per garantire che il programma del WFP di risposta alle inondazioni possa assistere efficacemente le comunità colpite, il WFP ha bisogno di 15 milioni di dollari fino a marzo 2023.

Pin It on Pinterest