Senza green pass in una piscina ecosostenibile

Regione Lana in Alto Adige, e, nello specifico, Gargazzone custodisce un vero e proprio gioiello nell’ambito dell’ecologia, dell’ecosostenibilità e dell’architettura: la Piscina Naturale. Si tratta, infatti, di una struttura pubblica molto speciale, che ha rinunciato completamente ad un sistema chimico di depurazione delle acque e che ha adottato un impianto di riscaldamento a pannelli solari per l’acqua delle docce. Ogni particolare della piscina naturale di Gargazzone è orientato alla sostenibilità ambientale. Turisti e locali possono rinfrescarsi o fare una nuotata nell’acqua color smeraldo della piscina, senza temere irritazioni della pelle o allergie. L’ideale per le pelli delicate dei bambini.

L’ecosistema della Piscina Naturale di Gargazzone, infatti, è molto simile a quello di un lago naturale: la pulizia dell’acqua avviene attraverso un sistema di filtri vegetali, piante acquatiche (per le quali esiste un’apposita area di rigenerazione), fitoplancton e zooplancton. Questo sistema di filtraggio permette di rimuovere dall’acqua anche batteri e germi patogeni. L’obiettivo di tenere l’acqua pulita viene deve essere anche degli ospiti, ai quali viene chiesto di limitare l’uso di creme solari e saponi e di fare la doccia prima di fare il bagno.

Lo scenario della piscina, inoltre, è da favola: immersa nei frutteti della Val d’Adige e con la cornice di alte montagne, costellata da alberi ombrosi ad alto fusto, la piscina dispone di cabine colorate singole o familiari, armadietti guardaroba, pontili in legno, impianti sanitari e docce, postazioni asciugacapelli, un bar/bistrot con una splendida terrazza al sole, che offre ottimi piatti, insalate, snack, gelati e bevande; ci sono anche un chiosco nel prato relax, tavoli da picnic e aree giochi per bambini – ma non solo – e un campo di tennis da tavolo, uno da beach volley e calcio balilla.

È possibile anche noleggiare ombrelloni per avere una maggiore comodità e l’ombra garantita, insieme alle sdraio.
I bambini inoltre possono fare il bagno in sicurezza nel ruscello naturale o nella vasca dei piccoli profonda 30 cm, mentre per i più grandi c’è una parte di piscina profonda 120 cm. I nuotatori invece possono sbizzarrirsi nella vasca di 50 metri e nella vasca-fun profonda 2 metri.

Trascorrendo una calda giornata estiva alla Piscina Naturale di Gargazzone, infine, si avrà la possibilità di ammirare quella che è diventata la mascotte del posto: la libellula. Gli argini ricchi di vegetazione della piscina sono l’habitat ideale di questi insetti, che sono assolutamente innocui, amanti del sole e molto utili perché tengono lontane le mosche fastidiose.

La Piscina Naturale di Gargazzone organizza su richiesta visite guidate per gruppi ai 12.000 m² del grande complesso balneare (info@naturbad-gargazon.it).

Aperta fino al 5 settembre 2021, la piscina, essendo una struttura all’aperto, non richiede il Green Pass all’ingresso.

Cultura e Società News

Taormina International Book Festival, quattro filoni tematici

Il futuro del mediterraneo, la transizione energetica, le migrazioni, il ruolo della Nato, la guerra in Ucraina le sfide della digitalizzazione: la XII edizione di Taobuk – Taormina International Book Festival (Taormina, 16-20 giugno) sarà una finestra aperta sulle complesse verità del mondo. E dunque, la manifestazione ideata e diretta da Antonella Ferrara, partendo dalla […]

Leggi tutto
bambino, plastica, inquinamento
Cultura e Società News Scienza

Giornata Mondiale dell’Ambiente, R-evolution Park e le problematiche dell’impatto antropico sul Pianeta

La Giornata Mondiale dell’Ambiente è il più grande evento annuale promosso dalle Nazioni Unite per supportare un’azione ambientale positiva, volta a sensibilizzare il mondo alla tutela del nostro Pianeta. La stessa mission si propone The R-evolution Park facendo vivere in prima persona un’esperienza immersiva tra reale e virtuale che fa tornare alle origini del nostro […]

Leggi tutto
mare
Intrattenimento News

“Quanto è caldo il mare”, mostra fotografica a Venezia

Si inaugura oggi, in concomitanza con l’apertura del Salone Nautico di Venezia, l’esposizione “Oceani e Clima: come quantificare i cambiamenti in corso?”. L’esposizione si arricchisce della mostra fotografica realizzata da Greenpeace “Quanto è caldo il mare”, che attraverso un percorso di dieci fotografie subacquee e aeree, racconta come i cambiamenti climatici interessino il mare e […]

Leggi tutto