Fumo tra i giovanissimi: la Lilt sensibilizza le nuove generazioni

Foto di Hifen hifencamisetas da Pixabay

In occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco il prossimo 31 maggio, la LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – coinvolge gli idoli social dei giovanissimi per diffondere l’importante messaggio di stop al fumo. Sempre attiva la linea di supporto 800998877 per chi cerca aiuto per smettere (lun-ven 10-15).

“Come LILT siamo sempre in prima linea per fornire supporto concreto a chi vuole smettere di fumare. Ma per riuscire a prospettare davvero un futuro libero dal tabacco dobbiamo intervenire sulle nuove generazioni, ovvero, battere sul tempo l’accensione della prima sigaretta” ha detto il presidente della LILT Nazionale Francesco Schittulli alla vigilia della Giornata Mondiale Senza Tabacco “i dati, decisamente preoccupanti, raccontano purtroppo di un tabagismo sempre più precoce, fin dalla preadolescenza”.

A partire da questa riflessione la LILT ha deciso di impegnarsi in una campagna su TIK TOK, ingaggiando alcuni dei giovanissimi volti più seguiti sul social per dissuadere dal fumo gli altrettanto giovanissimi (e numerosissimi) follower. Noa Planas, Matteo Andreini, Antony Nano, Stella Lavagnini, Jash Lyn Gonzales, Swami Caputo sono i Tiktokers della crew di “House of Talent” coinvolti, tutti under 20, tutti non fumatori, per cimentarsi nella creazione e pubblicazione di contributi sui loro canali per dire no al fumo su tutta la linea, invitando quindi la fanbase ad avere a cuore la propria salute, a difendersi dalla pressione sociale che talvolta porta a sviluppare il vizio, a tenere conto del pericolo del fumo passivo e delle ricadute negative del tabagismo sull’ambiente.

“Come LILT siamo impegnati tutto l’anno in campagne di sensibilizzazione, produzione di opuscoli informativi e iniziative volte a diffondere la cultura della prevenzione come arma vincente contro il cancro. Ma questa volta, considerato il target giovanissimo del nostro messaggio, abbiamo voluto coinvolgere anche un canale diverso – ha continuato il Presidente Schittulli – vogliamo parlare ai ragazzi attraverso i contesti e i linguaggi che più appartengono loro; ai ragazzi non basta dire “non fumare perché fa male”, crediamo invece nella potenza, nel dialogo, nel confronto e nell’efficacia dell’esempio positivo da parte dei coetanei, come le giovani star di Tik Tok, più incisivi di qualsiasi regola e ammonimento” e conclude “inoltre, da diverso tempo portiamo avanti con il MIUR il progetto ‘Guadagnare Salute con la LILT’ il cui obiettivo è di promuovere la cultura della prevenzione e dei corretti stili di vita anche nelle classi: la scuola rimane un contesto fondamentale per raggiungere i ragazzi e trasmettere concretamente il valore della salute”.

La LILT mantiene infine sempre attivo il numero SOS LILT 800998877, una linea nazionale anonima e gratuita che indirizza e supporta chiunque voglia intraprendere un percorso di disassuefazione da fumo o ricevere consigli per migliorare il proprio stile di vita.

parco
News

Bologna: ‘Parchi in Movimento’, attività gratuite per tutti

Il Progetto del Comune di Bologna ‘Parchi in movimento, ideato e condiviso con l’Azienda USL di Bologna e in collaborazione con LloydsFarmacia, è giunto alla sua 13^ edizione, con l’intento di promuovere la cultura del movimento, coniugando sport ed ambiente, e offrire l’opportunità di avvicinarsi a numerose pratiche sportive per uno stile di vita sano […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Trauma della guerra sui minori: convegno Telefono Azzurro a Varsavia

Il 27 maggio a Varsavia si terrà il convegno “Come garantire e promuovere la salute mentale durante la guerra: valutare e rispondere all’impatto del trauma attraverso lo sviluppo del bambino e dell’adolescenza”, organizzato da Telefono Azzurro e Fondazione Child, in collaborazione World Psychiatric Association per discutere della guerra in Ucraina e dei bambini e adolescenti […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Scuola

Il bullismo a scuola è un fenomeno rischioso

Le ragazze e i ragazzi con disabilità hanno maggiori probabilità dei loro coetanei di subire violenze, abusi sessuali e bullismo nelle scuole, a casa e nelle istituzioni dell’Unione europea. È fondamentale quindi creare ambienti educativi democratici liberi da bullismo, equi ed inclusivi nei confronti della disabilità. Una delle cinque priorità della terza strategia del Consiglio […]

Leggi tutto