L’influenza aumenta di sei volte il rischio di infarto

Le persone con l’influenza hanno un rischio aumentato di sei volte di sviluppare un infarto, in particolare nei primi sette giorni, secondo un nuovo studio.

Lo hanno trovato i ricercatori dell’Istituto per le scienze valutative cliniche ( ICES ) e della salute pubblica dell’Ontario (PHO) in Canada.

“I nostri risultati sono importanti perché un’associazione tra influenza e infarto miocardico acuto rinforza l’importanza della vaccinazione”, ha detto Jeff Kwong, scienziato presso ICES e PHO e autore principale dello studio, pubblicato nel New England Journal of Medicine.

I ricercatori hanno trovato un’associazione significativa tra le infezioni respiratorie acute, in particolare l’influenza, e l’infarto miocardico acuto.

Il rischio può essere maggiore per gli anziani e per i pazienti che hanno avuto un primo infarto.

I ricercatori hanno anche riscontrato un rischio elevato di infarto, sebbene non alto come quello dell’influenza, con infezioni da altri virus respiratori.

I ricercatori per giungere alle loro conclusioni hanno esaminato circa 20.000 adulti in Ontario, con  infezione influenzale confermata in laboratorio dal 2009 al 2014, e hanno identificato 332 pazienti che sono stati ospedalizzati per un attacco di cuore, entro un anno da una diagnosi influenzale confermata in laboratorio.

“Le persone a rischio di malattie cardiache dovrebbero prendere precauzioni per prevenire le infezioni respiratorie e in particolare l’influenza, attraverso misure che includono vaccinazioni e lavaggio delle mani”, ha detto Kwong.

I ricercatori hanno detto che i pazienti non dovrebbero ritardare la valutazione medica per i sintomi cardiaci, in particolare entro la prima settimana di un’infezione respiratoria acuta.

Lifestyle News Salute

Fratture: il trattamento chirurgico è privilegiato

“L’indicazione alla chirurgia nel trattamento delle fratture all’avambraccio nei bambini (che sono in assoluto le più frequenti dell’arto superiore) è aumentata negli ultimi anni del 20%. Intervenire chirurgicamente assicura, infatti, migliori risultati rispetto al trattamento conservativo in gesso, che mantiene comunque un ruolo da protagonista, e soprattutto garantisce un periodo di malattia più breve e […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Andropausa, scoperta una nuova molecola anti-invecchiamento

Ad Abano Terme presentato un peptide inedito (un piccolo frammento di osteocalcina) che interesserà gli ultrasessantenni: un esercito di quattro milioni di maschi italiani è infatti colpito da bassa produzione di testosterone associata ad un quadro clinico caratterizzato da osteoporosi, sindrome metabolica e disturbi della sessualità. Il professor Carlo Foresta: “Gli autori della ricerca sostengono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il virus Sars-Covid viaggia nei nervi con dolori muscolari

Nella classifica delle ripercussioni post Covid, la voce dolore ricopre uno spazio importante: basti pensare che circa la metà dei pazienti che ha avuto l’infezione ha dovuto lottare contro i dolori muscolari, seguiti da cefalee acuto (6-21%), dolori toracico (2-21%), oculare (16%), mal di gola (5-17%) e addominale (12%). E ultimamente anche quelli che coinvolgono […]

Leggi tutto