I dolcificanti artificiali triplicano il rischio di demenza e ictus

Gli adulti che bevono bibite light almeno una volta al giorno sono tre volte più a rischio di avere un ictus o di diventare dementi.

Un nuovo studio fatto negli Stati Uniti dice che la maggior parte delle bibite analcoliche contiene troppo zucchero, in particolare il fruttosio.

In un primo studio, fatto da un team di ricercatori dell’università di Boston e pubblicato a marzo sulla rivista Alzheimer & Dementia, era risultato che l'”elevata assunzione di bevande zuccherate” aveva determinato l’accelerazione dell’invecchiamento cerebrale, con un volume più piccolo totale del cervello, episodi di peggioramento della memoria, raggrinzimento dell’ippocampo. Gli zuccheri avevano innescato gli stessi fattori di rischio per la malattia di Alzheimer in fase precoce.

In un secondo studio, pubblicato sulla rivista Stroke lo stesso team ha cercato di vedere se i partecipanti fossero stati colpiti da ictus, malattia Alzheimer o demenza, dopo aver consumato tante bibite zuccherate.

Analizzando il consumo di bevande zuccherate per più di 7 anni, i ricercatori hanno poi seguito i volontari per 10 anni.

Hanno trovato che chi aveva bevuto bibite light e zuccherate, almeno una volta al giorno, aveva avuto tre volte più il rischio di ictus o demenza, rispetto a chi aveva aveva consumato queste bevande meno di una volta a settimana.

Cultura e Società Lifestyle News Salute Scuola

Malattie cardiovascolari: gli adolescenti ne sottovalutano i rischi

Malattie cardiovascolari: in uno scenario monopolizzato dal Covid, gli adolescenti ne sottovalutano i rischi e diventano più scettici riguardo alla prevenzione. Un aiuto a riportare la giusta attenzione verso queste importanti patologie potrà arrivare dalla legge che prevede l’inserimento del defibrillatore, con relativa formazione anche ai giovani, nelle scuole e nelle società sportive. Quanto, nella […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute Scienza

Eutanasia, nuova Lettera di “Mario” all’Asur e al Min.Speranza

Dopo aver ottenuto il parere favorevole del Comitato Etico sulla presenza dei 4 requisiti per l’accesso al suicidio assistito, Mario, 43 anni, malato tetraplegico marchigiano, nei giorni scorsi tramite i suoi legali dell’Associazione Luca Coscioni ha diffidato nuovamente la Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale) Marche, perché inadempiente in merito all’ordine emesso dal Tribunale di Ancona […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Coronavirus: trovata variante Delta AY.4

Sollievo al Policlinico di Tor Vergata. Trovata variante Delta AY.4 con doppia delezione atipica in paziente con risultato negativo al test molecolare per il gene N La virologa Prof.ssa Ceccherini Silberstein :”C’era il sospetto che fosse di variante SARS-CoV-2 Omicron in quanto nel gene N ci sono tre delezioni atipiche” Un paziente non vaccinato ricoverato […]

Leggi tutto