I disturbi alimentari per lo più sono curabili

Le donne con i disturbi del comportamento alimentare, come anoressia e bulimia, sono curabili, almeno nei due terzi dei casi.

Lo ha trovato un piccolo studio pubblicato recentemente nel ‘Journal of Clinical Psychiatry’

I risultati mi fanno ben sperare, ha detto l’autore capo dello studio Kamryn Eddy, specialista del Massachusetts General Hospital di Boston, dopo aver trovato che quasi due terzi di delle donne su cui si era concentrato un suo lavoro aveva recuperato, anche se in alcuni casi c’erano voluti più di dieci anni per ottenere un miglioramento.

Una ricerca precedente aveva suggerito che solo la metà delle persone con disturbi alimentari recuperava,  hanno detto gli autori del nuovo studio.

Per comprendere meglio le prospettive a lungo termine per questi pazienti con disturbi alimentari, i ricercatori avevano reclutato 246 donne affette da bulimia e anoressia, che hanno seguito  dal 1987 al 1991. Tutte erano della zona di Boston.

Tra loro, 110 donne soffrivano di bulimia, il resto di anoressia. In media, avevano 20 anni quando lo studio è cominciato. Nel novantacinque per cento dei casi le donne erano bianche; 176 delle pazienti avevano accettato di prendere parte a un lavoro di 20-25 anni.

Di queste ultime, lo studio ha trovato che aveva recuperato il 68 per cento di quelle con bulimia e il 63 per cento di quelle con anoressia, che adesso non hanno più manifestato sintomi per almeno un anno.

Dallo studio, è emerso che il tempo di recupero dalla bulimia è più veloce di quello del recupero dall’anoressia, spiegando che, in genere, richiede meno di 10 anni.

Più di due terzi delle pazienti con bulimia aveva recuperato in nove anni, durante lo studio.

Se i pazienti non recuperano dalla bulimia in un decennio, non è probabile che poi lo faranno, hanno aggiunto però i ricercatori.

Per quanto riguarda anoressia, il recupero invece aveva continuato a verificarsi nel corso del tempo, anche ben oltre i 10 anni di malattia. Se solo il 31 per cento delle partecipanti allo studio con anoressia aveva recuperato in nove anni, il 63 per cento, invece, lo aveva fatto nel giro di 20 – 25 anni.

Non è chiaro quali trattamenti siano stati più utili a queste donne, che hanno ricevuto tutti i tipi di trattamento, compresi il ricovero individuale, la terapia familiare, la terapia di gruppo, il trattamento ambulatoriale e residenziale, la consulenza nutrizionale, i farmaci e le cure mediche.

Lifestyle News Salute

Occorre impegnarsi di nuovo contro l’HIV dopo l’emergenza Covid-19

Dal 21 al 23 ottobre al Palazzo dei Congressi di Riccione la 13a edizione di ICAR – Italian Conference on AIDS and Antiviral Research: oltre ad approfondite sessioni scientifiche, vi saranno premi a giovani eccellenze della ricerca italiana, il concorso artistico per le scuole RaccontART, test rapidi per HIV e HCV in Piazza Occorre impegnarsi […]

Leggi tutto
cucina
Casa Lifestyle News Tecnologia

Cresce la passione degli italiani per la smart home

Un ambiente più connesso, di facile gestione ed efficiente, in cui i dispositivi smart assumono un ruolo sempre più centrale. È così che gli italiani immaginano la propria casa, secondo l’indagine di LG Electronics condotta da NielsenIQ “L’innovazione in casa”, lanciata in occasione dei 25 anni di presenza di LG in Italia. La tecnologia ha […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il futuro della medicina è nelle tue cellule: investi nella tua salute!

Grazie all’allungamento della vita la donna trascorre circa 1/3 della vita in menopausa Seffiline è una start up italiana che si occupa dello sviluppo di dispositivi medici per la terapia rigenerativa a livello ambulatoriale. L’azienda ha lanciato una campagna su Mamacrowd, la più importante piattaforma italiana per investimenti in equity crowdfunding, che permette di investire […]

Leggi tutto