Le proteine amiloidi iniziano ad accumularsi a 20 anni

Un nuovo studio ha dimostrato che le proteine ß-amiloidi iniziano ad accuularsi nei giovani, già a 20 anni.

Era noto da tempo che queste proteine si accumulano e formano delle placche all’esterno dei neuroni negli adulti più vecchi e nella malattia di Alzheimer, ma non si sapeva che già a 20 anni possono iniziare ad aggregarsi.

Gli scienziati della Northwestern University hanno fatto per la prima volta questa scoperta, trovando che le molecole amiloidi iniziano ad accumularsi all’interno dei neuroni in giovane età e continuano per tutta la durata della vita.

Le molecole amiloidi formano dei piccoli ciuffi tossici, oligomeri dell’amiloide, presenti anche in individui di 20 anni e in altri giovani individui normali.

Le dimensioni delle placche si ingrandiscono, poi, nei più anziani e in chi è affetto dal morbo di Alzheimer.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista ‘Brain’.

Lifestyle News Salute

Malattie Reumatologiche: le novità terapeutiche dei biobetter

Novità significative per le Malattie Reumatologiche come artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite. Recenti studi, infatti, hanno confermato la validità e i numerosi vantaggi offerti dai farmaci biobetter, un’evoluzione tecnologica dei farmaci biosimilari. L’esempio di questa nuova frontiera terapeutica è rappresentata dalla nuova formulazione di somministrazione dell’anticorpo monoclonale Infliximab, farmaco biosimilare prodotto dalla sudcoreana Celltrion Healthcare, […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

A Lecce esperti a confronto su valvulopatie mitraliche

Due giorni di sessioni, dibattiti e confronto sulle più recenti innovazioni in merito alla diagnosi e alla cura delle patologie valvulopatie mitraliche a Lecce, nel congresso biennale ideato e organizzato dalla Mitral Academy Mitral Academy (MICS). “Il MICS è un congresso molto importante per tutti gli appassionati di diagnosi e terapia della mitrale, esperti nazionali […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Estate: allarme infezioni sessualmente trasmesse

L’estate e i viaggi implicano un incremento delle relazioni tra individui, tanto più desiderate dopo due anni condizionati dalle restrizioni per la pandemia. Questo contesto può favorire rapporti sessuali occasionali, con il rischio di Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST): in primis l’HIV, ma anche le epatiti virali, il papilloma virus, le infezioni batteriche di clamidia, gonorrea, […]

Leggi tutto