Il vaccino contro l’Ebola prodotto a Pomezia non sara pronto prima del 2016

Il vaccino contro l’Ebola, prodotto in Italia, nelle sede di Pomezia, non potrà essere distribuito prima della fine del 2016.

A dare la sconfortante notizia, visto che il virus della febbre emorragica continua a diffondersi e non pare ci sia modo di fermarlo, è stata la stessa GlaxoSmithKline (GSK), secondo cui sono necessari altri test prima di distribuire il medicinale, per valutare la sicurezza del prodotto.

Ripley Ballou, capo dell’unità di ricerca sul vaccino della GSK, in un’intervista alla BBC, venerdì, ha detto che la risposta della casa farmaceutica sarà meno rapida di quanto sarebbe auspicabile.

Prima di utilizzare il vaccino “dobbiamo avere dati sulla sua sicurezza ed efficacia e tali dati non saranno disponibili prima della fine del 2015”, ha spiegato, mentre già sono stati eseguiti dei test su dei volontari sani in Gran Bretagna, Stati Uniti e altri paesi africani.

L’Oms, che aveva già chiesto 10mila dosi del vaccino, per fermare l’epidemia, era sicura che esse potessero essere disponibili entro il 2015.

Delusi anche i componenti di ‘Medici senza frontiere’ che combattono contro un’epidemia devastante e contagiosissima, sviluoppatasi in un’area, in cui le condizioni sanitarie e culturali nei riguardi dell’epidemia sono molto difficili.

Lifestyle News

I cittadini europei si rimettono in movimento

I cittadini europei si rimettono in movimento con l’XI edizione di Move Week, settimana per promuovere l’attività fisica e lo sport attraverso centinaia di eventi nei 38 Paesi coinvolti, dal 22 al 29 maggio. La settimana europea è promossa da Isca-International Sport and Culture Association, di cui Uisp è membro e capofila in Italia, con […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa, nel 2030 i pazienti raddoppieranno

Il Ministero della Salute si mobilita contro le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali – MICI e dà seguito a una serie di iniziative già intraprese da tempo. Le MICI, la Malattia di Crohn e la Colite ulcerosa, sono destinate a diventare sempre più diffuse in Italia, con la stima di un raddoppio entro il 2030 rispetto […]

Leggi tutto
Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto