Cambiare stile di vita per prevenire l’Alzheimer

Milioni di casi di morbo di Alzheimer potrebbero essere evitati se i pazienti cambiassero il loro stile di vita, secondo uno studio fatto nell’Università di Cambridge.

Lo studio, condotto da Carol Brayne e pubblicato sulla rivista The Lancet Neurology, ha esaminato sette fattori di rischio correlati con la malattia: diabete, ipertensione, obesità, inattività fisica, depressione, fumo e basso livello di istruzione.

Riducendo del 10% ciascuno di questi fattori di rischio, si potrebbe ridurre la diffusione dell’Alzheimer dell’8,5% entro il 2050.

Con il boom della popolazione e l’aumento della speranza di vita, si teme che 106 milioni persone svilupperanno l’Alzheimer entro il 2050.

Gli esperti ritengono che il morbo di Alzheimer, una malattia neurologica complessa legata all’età, potrebbe essere influenzata sia dai geni che dall’ambiente.

Lifestyle News Salute

Andropausa, scoperta una nuova molecola anti-invecchiamento

Ad Abano Terme presentato un peptide inedito (un piccolo frammento di osteocalcina) che interesserà gli ultrasessantenni: un esercito di quattro milioni di maschi italiani è infatti colpito da bassa produzione di testosterone associata ad un quadro clinico caratterizzato da osteoporosi, sindrome metabolica e disturbi della sessualità. Il professor Carlo Foresta: “Gli autori della ricerca sostengono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il virus Sars-Covid viaggia nei nervi con dolori muscolari

Nella classifica delle ripercussioni post Covid, la voce dolore ricopre uno spazio importante: basti pensare che circa la metà dei pazienti che ha avuto l’infezione ha dovuto lottare contro i dolori muscolari, seguiti da cefalee acuto (6-21%), dolori toracico (2-21%), oculare (16%), mal di gola (5-17%) e addominale (12%). E ultimamente anche quelli che coinvolgono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

La terza dose di vaccino porrà un probabile freno al Covid

TERZA DOSE DI VACCINO: L’IMPORTANZA E LA NORMALITA’ – I vaccini ci hanno permesso di superare una situazione di estrema gravità quale quella in cui ci aveva spinto la pandemia di Covid-19 nel 2020. Avendoli però sviluppati in poco tempo, la loro somministrazione è stata programmata in due dosi a intervalli di tempo ravvicinati. L’introduzione […]

Leggi tutto