Team svedese, guidato da italiano, ricostruisce esofago funzionante

Un team di ricerca svedese è riuscito a far crescere un esofago funzionante.

Il dottor Paolo Macchiarini, un italiano che lavora a Stoccolma e che per primo aveva trapiantato una trachea ricostruita su un uomo, ora, col suo team è riuscito a ricostruire un esofago funzionante e spera di poter effettuare un simile trapianto sulle persone entro quattro-cinque anni.

Macchiarini, chirurgo e professore di medicina rigenerativa nel Karolinska Institutet, era diventato famoso quando aveva eseguito il primo trapianto di una trachea, nel 2008. Da allora, ha fatto 19 operazioni simili in vari posti nel mondo.

L’attuale studio ricostruttivo, pubblicato sulla rivista ‘Nature Communications’, descrive come il team ha operato per creare il tessuto dell’esofago, a partire dai pezzi dell’esofago di alcuni ratti, combinati con le cellule staminali mesenchimali prelevate dal midollo osseo degli animali, e poi lo abbia trapiantato con successo sugli stessi topi.

Casa Lifestyle News Tecnologia

Come abiteremo nelle nostre case in futuro?

Come abiteremo nelle nostre case in futuro? Come saranno progettate e che ruolo svolgerà la tecnologia digitale? Queste domande sono alla base di Tomorrow Living, un progetto di ricerca sul futuro dell’abitare trasformato dalla tecnologia, condotto dal Huawei Milan Aesthetic Research Center e curato da Robert Thiemann, direttore di Frame magazine. Per trovare risposte abbiamo […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Long Covid: la metà dei pazienti ha sintomi due anni dopo l’infezione

Dopo due anni di pandemia abbiamo imparato a convivere con il Covid-19, ma oggi sappiamo di più sugli effetti a lungo termine. Secondo il più lungo studio di follow-up fino effettuato pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine, la metà dei pazienti che sono stati ricoverati in ospedale ha ancora almeno un sintomo due anni dopo l’infezione […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Allergie primaverili, quanto incidono sugli occhi?

Con l’’arrivo del caldo e della bella stagione arrivano anche le allergie primaverili; questo periodo dell’anno è infatti quello con la maggior produzione di pollini da parte delle piante, che si concentrano nell’aria e possono far nascere le temute reazioni allergiche. Anche se in generale si parla di allergie primaverili questo termine di solito si […]

Leggi tutto