Il bebè ride già a due mesi di vita

Un neonato ride già a due mesi di vita, salvo rare eccezioni.

“Il novanta per cento dei bambini sorride nei primi due mesi”, secondo Caspar Addyman, del ‘Centre for Brain and Cognitive Development’ della London Birkbeck University, che ha fatto uno studio su 1.400 genitori provenienti da 25 paesi.

Per il suo lavoro, Addyman, ha creato un questionario dettagliato per i genitori, chiedendo anche loro di mandare video e brevi relazioni.

Dallo studio, è emerso che tutti i bambini ridono solo poche settimane dopo la nascita e che solo un piccolo numero di neonati non ride nei primi 12 mesi.

“Ciò suggerisce che i bambini hanno una gamma di temperamenti che si evidenziano presto”, ha detto Addyman, che ha creato quello che è stato soprannominato il ‘BabyLab’ e che sta supervisionando uno dei più grandi studi su ciò che fa ridere i bambini e perché.

Dal lavoro, è emerso che i maschi sembrano avere più grande senso dell’umorismo delle femmine, dato che i genitori hanno segnalato che loro figli maschi ridono quasi 50 volte al giorno, a differenza delle femmine che ridono solo 37 volte.

Nel primo anno di vita, i sorrisi e le lacrime sono il solo modo che il bambino ha per comunicare, ha detto il dottor Addyman, spiegando: “il pianto è un segnale che i piccoli vogliono cambiare qualcosa, mentre il sorriso è l’opposto, il bambino chiede di continuare a fare quello che si sta facendo”.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto