Ricco o povero? La tua faccia lo rivela

Un nuovo studio i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Personality and Social Psychology ha rivelato che lo stato finanziario delle persone si riflette sui loro volti e che gli altri possono facilmente capire se si è finanziariamente in buono stato, solo dall’aspetto.

Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Toronto dice che le persone, che stanno finanziariamente bene conducono spesso una vita pacifica e che questa felicità si riflette spesso sul loro volto.

Durante la ricerca, gli studiosi hanno utilizzato 160 fotografie in scala di grigi per determinare se dei soggetti fossero in grado di capire lo stato finanziario di queste persone, solo dal loro aspetto.

Le 160 persone comprendevano 80 maschi bianchi e 80 femmine e nessuno di loro aveva tatuaggi e piercing sul volto. La metà delle persone nelle foto guadagnava uno stipendio medio annuo di oltre $ 1,50,000, mentre le persone rimanenti guadagnavano sotto i $ 35.000.

Successivamente, ai soggetti è stato chiesto di indovinare la classe sociale delle persone delle foto e, cosa interessante, gli interpellati hanno risposto correttamente, il 68% delle volte.

Anche se i soggetti hanno indovinato correttamente lo stato finanziario delle persone osservando il loro aspetto, non è ancora chiaro come abbiano potuto formulare correttamente tali risposte.

“Le persone non sono veramente consapevoli di quali segnali stiano usando quando formulano questi giudizi: se chiedi loro perché, non lo sanno”, ha detto R. Thora Bjornsdottir, dell’Università di Toronto .

Nicholas Rule, coautore dello studio, ha dichiarato che il prossimo passo sarà condurre una ricerca sulle persone anziane per determinare se gli indizi facciali siano diventati più evidenti nelle persone, nel corso del tempo.

La relazione tra benessere e classe sociale era già stata dimostrata da ricerche precedenti: queste differenze di benessere si riflettono anche sui volti delle persone, secondo il nuovo studio.

Incontra l’uomo che ha ricevuto il volto di suo marito

In America un uomo che ha fatto un trapianto facciale ha incontrato la moglie del donatore del suo nuovo volto.

Così, Lilly Ross, una vedova del Minnesota, ha visto l’uomo che ha ricevuto la faccia del suo defunto marito, Rudy.

Lei e suo figlio hanno avuto la possibilità di toccare e sentire ancora una volta il volto dell’uomo, che si era ucciso nel 2016.

Il volto di Andy Sandness, il ricevente, invece era stato rovinato dopo che egli aveva tentato di suicidarsi, un decennio fa.

Nel 2006, Andy si era messo una pistola contro il mento e aveva premuto il grilletto. Anche se i medici erano riusciti a tenerlo in vita, la sua faccia era stata distrutta. Aveva solo 21 anni.

Anche si era salvato, l’uomo si vergognava del suo aspetto. Evitava di uscire, di visitare nuovi posti e si nascondeva alla gente.

Un decennio dopo l’incidente di Andy, nel giugno 2016, Rudy Ross dal Minnesota si era sparato ed era morto. Aveva 21 anni e sua moglie, Lily, era incinta di 8 mesi.

Quando Rudy Ross è morto, Andy ha avuto la possibilità di cambiare la sua vita con un trapianto facciale.

Anche se Lilly era desolata per il suicidio del marito, aveva accettato di donare il volto di Rudy a un’organizzazione che si occupa di donazioni di organi e tessuti.

E’ stato così che l’anno scorso, Andy dopo un’operazione chirurgica di 56 ore, fatta nella Mayo Clinic, in Minnesota, ha avuto il nuovo volto.

I medici hanno cambiato il naso di Andy, la mascella superiore e inferiore, i denti, il palato, le guance, i muscoli facciali, la mucosa orale, alcune ghiandole salivari e la pelle del viso.

Ora, che le ferite di Andy sono guarite, egli ha deciso di incontrare Lilly, la persona che ha reso possibile il trapianto.

L’incontro è avvenuto nella biblioteca dell’ospedale a fine ottobre.

Lilly sapeva che vedere il volto del suo defunto marito su qualcun altro sarebbe stato difficile, ma lei ha detto di aver accettato di farlo perché voleva che suo figlio conoscesse le cose buone che suo padre ha fatto per le altre persone, dopo la sua morte.

Andy così ha pure incontrato il figlio del suo donatore, Leonard Ross, 17 mesi.

L’incontro è stato molto emozionante.

L’uomo trapiantato ha detto che non ringrazierà mai abbastanza chi gli ha permesso di fare l’operazione.

Ora, ha avuto una promozione sul lavoro, esce, va al ristorante e a ballare. Col suo nuovo volto fa una vita normale.

Nuovo trapianto di faccia in Spagna

Nuovo trapianto di faccia in Spagna. Nell’ospedale Vall d’Hebron, a Barcellona, è stato effettuato un intervento di alta complessità su un paziente che soffriva di una deformazione progressiva del volto, a causa di un tumore.

Un team interdisciplinare dell’ospedale guidato da Joan Pere Barret, ha ricostruito con il trapianto i due di terzi del viso, con un nuovo collo, bocca, lingua e faringe.

Il paziente aveva una voluminosa malformazione arterovenosa che gli aveva deformato i tessuti del viso e provocavano importanti alterazioni funzionali, come problemi di vista, di parola e rischio di grave sanguinamento.

Al paziente operato in Spagna nel mese di febbraio sono stati rimossi il tumore e il tessuto deformato, ed è stato ricostruito il viso con un trapianto.

In Nord America la Mayo Clinic e la Harvard Medical School avevano considerato il caso inoperabile.

L’intervento è durato 27 ore e ha coinvolto 45 professionisti dal centro medico.

Dopo l’operazione il paziente si è ripreso e ora sta a casa.

E’ il secondo trapianto di faccia che avviene nell’ospedale di Barcellona, dopo quello effettuato nell’aprile 2010 su Oscar, che oggi conduce una vita normale, dopo aver ricevuto tutta la pelle e i muscoli del viso, il naso, le labbra, la mascella superiore, tutti i denti, il palato, gli zigomi e la mandibola.

Oscar, prima, a causa di un incidente, aveva difficoltà a respirare, parlare, deglutire e doveva respirare e nutrirsi artificialmente.