Firenze, partita la campagna “Il Meyer diventa più grande per i più piccoli”

Una grande struttura immersa nel verde per accogliere i bambini che devono effettuare giornalmente visite e analisi specialistiche: si tratta del Parco della Salute dell’Ospedale Meyer di Firenze che ospiterà, oltre all’attività specialistica, anche il nuovo reparto di Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza. É questo l’obiettivo della campagna – di cui è testimonial il popolare conduttore Carlo Conti – “Il Meyer diventa più grande per i più piccoli” della Fondazione Meyer a cui si si può contribuire con un sms o chiamata da rete fissa al numero solidale 45594 dal 17 febbraio al 1° marzo 2020

Leggi tutto “Firenze, partita la campagna “Il Meyer diventa più grande per i più piccoli””

Firenze, Polimoda come Central Saint Martins

Si sono aperte per gli studenti di Polimoda le porte dell’edificio dell’orologio della Manifattura Tabacchi di Firenze, nuova terza sede dell’istituto al fianco di Villa Favard e del Design Lab. Con l’inizio delle lezioni si è completato il progetto di recupero e trasformazione dell’edificio, il primo di uno tra i più ambiziosi progetti di rigenerazione urbana in Italia.

Leggi tutto “Firenze, Polimoda come Central Saint Martins”

L’ortodonzia tra eccesso e difetto

L’ortodonzia tra eccesso e difetto, l’efficacia degli allineatori a volte discussadifferenti strategie e piani di cura dell’ortodonzia classica e traumatologica, sono stati alcuni dei principali temi trattati durante il Congresso Nazionale di ASIO, a Bologna dal 28 al 30 novembre, dal titolo: Teamwork in Orthodontics.

Leggi tutto “L’ortodonzia tra eccesso e difetto”

Domenica 6 ottobre torna Urban Nature

Ampliare la conoscenza sulla natura in città e promuovere la partecipazione attiva, aggregare e attivare la comunitaà per scoprire e curare le aree verdi di cui spesso ignoriamo anche l’esistenza, coinvolgere le tante realtà civiche impegnate nella gestione di aree verdi, parchi urbani, orti sociali e giardini condivisi, con focus nelle 14 città metropolitane; individuare punti critici ed esperienze pilota sulla migliore gestione del verde e della biodiversità urbana in ambito locale, per farne esempi del buon governo della natura in città: tutto questo è Urban Nature, la Festa della Biodiversità in città targata WWF che, ogni anno, anima parchi e giardini delle principali città italiane coinvolgendo cittadini e scuole in eventi di citizen science e citizen conservation.

Sono già più di 40, ad oggi, le località italiane dove sono previste più di 100 iniziative in occasione della terza edizione di Urban Nature che domenica 6 ottobre proporrà cacce al tesoro alla scoperta della biodiversità, visite guidate, biciclettate per esplorare la natura in città, messa a dimora di alberi, laboratori di pittura, disegno e fotografia, manutenzione di orti didattici ed erbari, mostre d’arte naturalistica.

SCUOLE. Al tema della natura in città è stato dedicato anche un Contest per le scuole, protagoniste della riqualificazione del proprio territorio con 180 classi che hanno partecipato progettando azioni per aumentare la biodiversità del giardino della scuola, del loro circondario e dell’intera città. Venerdì 4 ottobre le scuole italiane di ogni ordine e grado presenteranno alle istituzioni locali e alla cittadinanza progetti per valorizzare la biodiversità urbana: come la riqualificazione degli spazi della scuola o di un’area esterna o altri tipi di intervento a livello urbano per aumentare la presenza di natura in città.

EVENTO CENTRALE DI BOLOGNA. Per la terza edizione di Urban Nature la sede dell’evento centralesarà la città di Bologna, data l’esperienza consolidata e integrata di tutela della biodiversià urbana e quale sede del progetto Urbano ma non troppo, finanziato dal Ministero dell’Ambiente, dedicato proprio ai temi al centro di Urban Nature. L’anteprima dell’evento, nella mattinata del 6 ottobre, si svolgerà a Casalecchio di Reno in collaborazione con il comune di Casalecchio e di Federbio (Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica) con la chiusura del Progetto finanziato dal Ministero dell’Ambiente e la presentazione del report “Urbano ma non troppo – Diamo spazio alla biodiversità” contenente le LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA BIODIVERSITÀ IN CITTÀ CON METODI BIOLOGICI. È prevista una biciclettata ecologica per raggiungere i Giardini Margherita e il Piazzale Jacchia in pieno centro a Bologna che saranno il cuore dell’evento centrale realizzato in collaborazione con WWF Bologna Città Metropolitana e il Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari (CUTFAA) dell’Arma dei Carabinieri. Dalle ore 12.00 alle 17.30 sono previste una serie di attività gratuite per tutti i partecipanti: Picnic biologico, stand informativi WWF, itinerari guidati, passeggiate con esperti e ospiti d’eccezione, laboratori per bambini e talk informativi.

L’evento prevede 5 principali attività di intrattenimento e sensibilizzazione che vanno dalla visita del “Villaggio delle Biodiversità” gestito dai Carabinieri Forestali alle visite naturalistiche nei Giardini Margherita con guide esperte del WWF, volontari e personaggi legati al mondo della cultura e dello spettacolo. Ci saranno attività di rilevazione naturalistica e di citizen science tramite App CSMON-LIFE per scoprire e mappare la biodiversità della natura in città insieme ad una visita allo stagno delle orchidee dei Giardini Margherita, gestito da WWF Bologna.

Il programma nelle altre città anche quest’anno è ricchissimo: laboratori di pittura, disegno e fotografia naturalistica, attività pratiche per i bambini, passeggiate guidate a Milano, Napoli, Genova, Firenze, Bari, Caserta, Benevento, biciclettata a Venezia, attività negli orti urbani e cacce al tesoro (“BIOHunt”) a Roma e Milano, la scoperta del verde e della biodiversità di ville storiche come il Parco della Floridiana a Napoli. E ancora attività di citizen science e monitoraggio della biodiversità a Palermo (dove il WWF collaborerà con l’Università), conoscenza di aree sottratte dai cittadini al degrado (Parco Domingo a Bari), reti di apicoltori urbani, laboratori di guerriglia gardening per bambini. Tutto in collaborazione con associazioni, musei, gruppi organizzati di cittadini, educatori, scuole. Numerose anche le Oasi coinvolte in Lombardia, Emilia Romagna e Toscana. Clicca QUI per consultare l’elenco completo delle iniziative.

Le Nazioni Unite indicano che entro il 2050 le città ospiteranno oltre il 70% della popolazione complessiva (circa 6,3 miliardi su una popolazione mondiale prevista di 9,7).

“Festeggiare la natura in città significa, in primo luogo dare valore a tutto quello che arricchisce le nostre giornate all’interno delle città, quello che migliora la nostra salute e la qualità della vita negli ambienti urbani dove spesso si trova la natura che non ti aspetti”. Dice la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi invitando i cittadini a partecipare alle iniziative per scoprire la natura nascosta dei nostri ambienti urbani. “I servizi ecosistemici di regolazione climatica, di depurazione dell’aria e dell’acqua, di approvvigionamento di cibo, di rigenerazione psico-fisica, forniti dalla biodiversità urbana sono cruciali per la salute e il benessere di coloro che vivono nelle città, per la sostenibilità stessa delle comunità urbane e per il futuro dell’intero Pianeta”, conclude la presidente dell’Associazione del Panda.

La fauna degli spazi urbani è ricchissima e si nasconde ovunque, dai parchi urbani ai tetti, dai giardini fino al balcone di casa: dai rondoni, grandi mangiatori di insetti, ai falchi come il gheppio o il falco pellegrino, e poi volpi, scoiattoli, ricci, pipistrelli, farfalle e coccinelle. Un vero e proprio caleidoscopio di animali cittadini che beneficiano di spazi verdi o di piccoli anfratti nascosti. Ma quest’anno sarà protagonista anche la flora, che va dalle felci ed erbe spontanee che colonizzano le vecchie mura agli alberi secolari dei parchi e dei viali, senza dimenticare gli alberi da frutta che impreziosiscono ville e giardini.

Urban Nature 2019 ha già ricevuto i Patrocini del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero della salute e dell’ANCI. “Urban Nature” è stata realizzata grazie all’impegno dei volontari e della Rete WWF attivi sul territorio e la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dell’Associazione Nazionale Musei Scientifici (ANMS) e del Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari (CUFAA) dell’Arma dei Carabinieri.

The New Generation Festival, a Firenze il 28-31 agosto

L’edizione 2019 di THE NEW GENERATION FESTIVAL avrà luogo aFirenze, Giardino Corsini, il 28-31 agosto

The New Generation Festival, costituisce un evento internazionale annuale che presenta il più alto livello di opera, musica e teatro trasmessi dal vivo. Si tiene nel giardino di Palazzo Corsini, un capolavoro Rinascimentale appartenente ad una delle famiglie più antiche di Firenze.
E’ stato fondato nel 2017 da tre giovani artisti inglesi: Maximilian Fane direttore d’orchestra; Roger Granville, produttore regista, scrittore; Frankie Parham, produttore cinema, teatro, commedia.
Una piattaforma che vuole dare l’opportunità a giovani talenti musicali provenienti da tutto il mondo di brillare in uno scenario italiano storico culturale.
Un evento annuale che vuole rompere le barriere fra diverse generazioni per portare insieme tutti i generi musicali in un unico posto, dall’opera al jazz e al pop: la grande musica è sempre grande musica.
La nuova generazione di artisti partecipanti vuole ispirare la nuova generazione di ascoltatori.

Aeroporti di Pisa e Firenze: la bellezza dell’arte arricchisce la Toscana

E’ stata recentemente inaugurata la quinta edizione di VolareArte, alla presenza di Gina Giani, Amministratore Delegato di Toscana Aeroporti, Fabiola Cardea, Direttore Aeroportuale Toscana, Michele Conti, Sindaco di Pisa, Paolo Carli, Presidente di Henraux e dell’artista Park Eun Sun. E’ intervenuto, inoltre, l’Onorevole Umberto Buratti.

VolareArte è un’iniziativa unica sul territorio italiano, promossa da Henraux e Toscana Aeroporti, la rassegna vede l’installazione di sei sculture monumentali, realizzate dall’artista coreano Park Eun Sun e allestite negli Aeroporti di Pisa e Firenze. Le opere resteranno esposte fino al 2020.

Grazie a questo importante progetto le due aerostazioni si confermano una vetrina privilegiata per l’arte e la scultura ed accolgono un percorso espositivo che mette in risalto la bellezza della Toscana, territorio di eccellenza, di arte e di cultura.

Arte e bellezza curano corpo e spirito

Sabato 10 Novembre 2018, al convitto di Sant’Apollonia, in via San Gallo 25 a Firenze si terrà il convegno “ARTE,EMOZIONI E BIOCHIMICA DEL CORPO ”

Partendo dagli importanti risultati venuti alla luce negli ultimi anni di ricerche nel campo della fisica quantistica e della biochimica emozionale, durante la giornata di studi di sabato 10 novembre dalle ore 9.00 alle 18.00 i relatori (Carlo Ventura, Antonio Natali, Massimo Mori, Massimo Fioranelli, Thomas Goodman, Rita Costato Costantini, Ernesto Burgio, Enrico Frascione, Franco Cracolici, Massimo Rinaldi e Enrico Cheli),tutte figure di spicco per il loro ruolo nel panorama della ricerca, della scienza e dell’arte, tratteranno il tema di straordinaria attualità del rapporto tra arte, emozioni e cervelloSaranno affrontati argomenti che toccano i miti dell’arte, della musica, della filosofia, della psicologia, esposti studi scientifici sul cervello, sull’arte dell’acqua e della musica, considerazioni sulla bellezza dell’arte e su come osservarla.

Le ricerche da cui ha preso spunto il convegno sono riuscite a dimostrare, con certezza scientifica, le conseguenze provocate dalle emozioni, dal semplice ammirare la bellezza di un’opera d’arte. Esse sono capaci di tramutare uno stato di inerzia e malessere del nostro corpo nella guarigione. Fino al ripristino di zone danneggiate del cervello, ristabilendo connessioni alterate, capaci di riportare in sintonia il nostro stato di salute nella sua condizione originaria, persino migliorandola. “Certamente questo nuovo modo di guardare il mondo dell’arte regala un arricchimento molto positivo e significativo per l’intera umanità e per la sua crescita spirituale” – afferma Franco Cracolici, docente di medicina tradizionale cinese in tre Facoltà di Medicina italiane: Firenze, Siena e Roma.

I temi affrontati sono anche il naturale confluire di due fondamentali passioni del Prof. Cracolici, coordinatore insieme a Massimo Mori del convegno: la sua professione di medico agopuntore e filosofo, sempre impegnato nell’approfondimento e nella divulgazione della medicina integrata, e la sua passione e cultura come collezionista e studioso di arte. Sono temi che si rivolgono sia agli appassionati d’arte, ma anche a tutti coloro che amano la bellezza, a chi nonostante i numerosi ostacoli, persegue con tenacia un ideale di vita migliore, più degno dell’uomo e più appagante, necessario alla crescita ed evoluzione personale.

La mattina del 10 novembre alle ore 9.00, dopo i saluti di Sara Funaro, Assessore al Welfare e Sanità del Comune di Firenze e introduzione musicale del maestro Gabriele Spin con “Aprés midi d’une faune” di Claude Debussy, Franco Cracolici e Massimo Mori introdurranno il convegno,.

Si parte con Carlo Ventura, scienziato con cattedra all’Università di Bologna, straordinario ricercatore, uno tra i più importanti d’Europa, durante il suo intervento “L’arte e le cellule staminali – Vibrazioni e melodie cellulari: verso un nuovo paradigma in medicina rigenerativa”, spiegherà come l’arte è in grado di creare una vera e propria catarsi nell’essere umano e di come stimola le cellule staminali.

Seguirà Antonio Natali, già direttore Galleria degli Uffizi, Firenze, con “Miti e bellezza, feticci e poesia”, con un intervento trasversale sull’arte e la sua simbologia; Massimo Mori, Maestro di ginnastica respiratoria, ma soprattutto un grande tahoista, porterà una esperienza di meditazione particolare con il suo intervento “Concretizzazione Taoista: dal pensiero poetante alla pratica d’uso medico”Massimo Fioranelli, uno dei più grandi cardiologi italiani e scrittore – suo il libro “I medici eretici -, farà un intervento sull’arte, la cardiologia e la medicina dal titolo “L’infinito è finito, il finito è infinito”; l’artista Thomas Goodman farà un piccolo intermezzo artistico con uno straordinario spettacolo di bolle di sapone; Rita Costato Costantini, presenterà il progetto Mus-e Italia Onlus, associazione che a livello europeo organizza corsi di musica, teatro, arte espressiva, dedicati a bambini delle scuole pubbliche primarie che hanno delle problematiche sia fisiche che di linguaggio, favorendone così l’integrazione e la comunicazione.

Ernesto Burgioche dirige una sezione di oncologia a Bruxelles, che si occupa del fine vita e studioso di diversi aspetti umanistici della vita, esporrà “Evoluzione del cervello ed emergere della coscienza; Franco Cracolici parlerà de “L’arte come sottile filo rosso tra cervello e cuore” mostrando cosa succede nel cervello durante la memorizzazioneattraverso l’osservazione di alcune opere di artisti quali Lorenzo Lotto, Dosso Dossi, Hieronymus Bosch, Albrecht Dürer e Giovanni Bellini. Racconterà quali sono gli artisti della mente quali del cuore e quali viscerali e il modo per capirli e comprenderliEnrico Frascione, antiquario e Presidente degli Antiquari italiani, farà delle “Considerazioni sull’arte”; Massimo Rinaldi, Medico oncologo, docente scuola di agopuntura tradizionale della città di Firenze, parlerà de “L’arte dell’acqua”. Grandissimo esperto della memoria dell’acqua, ci parlerà di cosa fa l’acqua nel nostro organismo essendo questo formato per il 90 per cento da questo elemento.

Infine ultimo intervento di Enrico Cheli, psicologo, psicoterapeuta, sociologo e docente universitario, concluderà la giornata di studi con il suo intervento “L’arte del suono: mantra, campane tibetane e canto degli armonici” e coinvolgerà il pubblico con campane tibetane, canti arabi, ebraici e cristiani. Terminerà con l’esecuzione di canti armonici, un canto particolare che ha imparato dai Lama, con delle frequenze subliminali in cui si sentiranno due tipi di suoni.

Il convegno è stato organizzato da Associazione culturale La Compagnia del Tao e Scuola Agopuntura tradizionale della città di Firenze srl con il Patrocinio del Comune di Firenze,Scuola di Tai Chi Chuan Nuovo Orizzonte e Muse-e Firenze e Prato Onlus.