Nuovo record: il 2016 sarà l’anno più caldo

“Tutto sembra indicare che il 2016 sarà l’anno più caldo” con una temperatura media che “maggiore del record stabilito nel 2015”, ha detto l’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), in una dichiarazione rilasciata a margine della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP22).

Più di 190 paesi si sono incontrati a Marrakech per cercare di andare avanti nell’attuazione dell’accordo di Parigi sigillato l’anno scorso che mira a limitare il riscaldamento globale di sotto 2 ° C. Oltre questa soglia, sarà estremamente difficile adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici in molte aree del mondo, secondo i climatologi.

La concentrazione dei gas serra ha raggiunto livelli senza precedenti, il ghiaccio marino artico è stato molto basso nel 2016 e lo scioglimento del ghiaccio della Groenlandia è stato “molto marcato”.

“In alcune regioni artiche della Federazione della Russia, la temperatura è stata superiore di 6-7 ° C rispetto al normale”, ha detto Petteri Taalas, Segretario generale del WMO.

“E in molte regioni artiche e subartiche della Russia, dell’Alaska e del nord-ovest del Canada, è stata superata la temperatura normale di almeno 3 ° C, ha aggiunto.

L’unica grande regione continentale dove la temperatura è rimasta sotto il normale è stata la zona subtropicale dell’America del Sud, nel Nord e nel centro dell’Argentina, in parte del Paraguay e della Bolivia.

Sulla terra, i record di caldo assoluto si sono registrati in diverse regioni: a Pretoria, a Johannesburg, in Sudafrica, in Thailandia e in India.

Grande shock e sorpresa per la famiglia di Sakhon Sacheewa, 44 anni, quando un giorno
Banyan Tree Bangkok, un’oasi di pace nella frenetica capitale della Thailandia, presenta la sua offerta
Le emissioni di gas serra nel mondo, che già avevano stabilito un record nel 2015,

Le emissioni di gas serra nel mondo hanno raggiunto 400 ppm per un intero anno

Le emissioni di gas serra nel mondo, che già avevano stabilito un record nel 2015, sono continuate ad aumentare nel 2016. Per la prima volta, 400 parti per milione (ppm) sono state registrate in media su un intero anno.

i livelli di CO2 avevano già raggiunto le 400 parti per milione (ppm) per diversi mesi in alcuni posti, ma mai in media per più di un anno, ha detto lunedì a Ginevra,  la World Meteorological Organization (Wmo), prevedendo che essi rimarranno sopra questo tasso per tutto il 2016 e “per molte generazioni”.

Tramite la World Meteorological Organization (Wmo), la Nazioni Unite ha stilato queste previsioni allarmanti già denunciate dai climatologi del Noaa, alcuni mesi fa.

L’anidride carbonica ha la proprietà di restare in atmosfera per lunghissimi periodi di tempo.

Per il 2016, il caldo El Niño ha contribuito alla siccità nelle regioni tropicali. La capacità di assorbimento di CO2 da parte delle foreste, della vegetazione e degli oceani è stata ridotta. Questi ultimi attualmente stanno attirando circa la metà di CO2, ma non sono in grado di assorbire di più. La frazione di biossido di carbonio che rimane nell’atmosfera è così aumentata. Ma se El Nino è passato, non accennano a diminuire gli effetti delle attività umane sul clima, ha detto la Wmo. “Senza lotta contro la C02, non possiamo combattere contro il cambiamento climatico”, ha avvertito il segretario generale della Wmo, Petteri Taalas.

Nel corso degli ultimi 25 anni fino al 2015, l’effetto di riscaldamento sul clima è cresciuto più del 35%.

La prossima conferenza sul clima (COP22) che si terrà dal 7 al 18 novembre a Marrakech, si concentrerà probabilmente su questo tema.

"Tutto sembra indicare che il 2016 sarà l'anno più caldo" con una temperatura media che
Negli ultimi tempi la terra è diventata più verde, ma non è una bella notizia.
L'aria viziata degli uffici fa male e diminuisce le prestazioni cognitive. In uno studio recentemente