Pasqua nelle Camargue in Houseboat

Non manca molto a Pasqua e le Camargue sono una bella idea per trascorrere qualche giorno davvero diverso dal solito, sopratutto visitandole in Houseboat, ossia delle barche realizzate per la navigazione nei fiumi e canali. Un modo per fare turismo nato proprio in Francia (che di fiumi e canali è piena) e che è arrivato da alcuni anni anche da noi grazie ad houseboat.it. La vicinanza all’Italia permette oltretutto di arrivarci facilmente anche in auto.
Fare una vacanza con houseboat.it significa scegliere la lentezza della navigazione su fiumi e canali, vedere luoghi e città da una prospettiva nuova ed unica, essere a contatto diretto con la natura, con la fauna, ma anche con le persone che vivono davvero queste terre, con la sua anima profonda e reale. L’houseboat permette di scegliere i propri tempi, di andare oltre la logica del turista mordi e fuggi, per tornare a godere il viaggio, riscoprire la meraviglia.
Le Camargue sono una meta straordinaria per tutti coloro che amano il contatto forte con la natura. Non esiste angolo del mondo che offre una tale diversità di tradizioni, di paesaggi naturali, di incontri ravvicinati con cavalli, tori, fenicotteri, liberi nel loro habitat. La forza delle tradizioni, ha forgiato questo territorio ammaestrando nei secoli i capricci del grande fiume che lo ha creato, il Rodano, raggiungendo il delicato equilibrio di armoniosa connivenza tra uomo e natura.
Camargue, zona di transizione tra terra e mare con lagune, stagni, canali, lingue di sabbia, saline, porti animati, animali liberi, folklore, cibo gustoso, vini. Questa regione vi accoglierà con il suo ambiente mediterraneo, caloroso e ospitale ma nel contempo selvaggio e primitivo, con tori e cavalli lasciati liberi tra paludi, campi e canneti. Dalle due basi di partenza di Port Cassafiéres a ponente verso il Canal du Midi e St. Gilles a levante sul lato del Delta del Rodano potete programmare la vostra vacanza secondo i vostri interessi e la vostra curiosità. Partendo da Port Cassafières incontrerete due magnifiche realizzazioni di ingegneria idraulica realizzate al tempo della costruzione del Canal du Midi, verso la fine del XVII° secolo. La soste nei pressi di questa conca consente una visita all’antica città marinara di Agde, ricca di cose da vedere fra cui segnaliamo la Cattedrale di St. Etienne edificata sull’antico tempio romano di Diana che appare oggi un’antica fortezza medioevale.
L’ Etang de Thau accoglie le barche come un mare, in cui gli allevamenti di molluschi sono la prima cosa che noterete. Nel porto di Marseillan avrete la possibilità di sperimentare subito la cucina locale a base di pesce e molluschi, cucina definita dagli esperti, un po’ spagnola e un po’ italiana in cui dominano i sapori tipici del Mediterraneo. In questa grande laguna potete trovare ormeggi a Meze, Balaruc les Bains, Bouzigues, dove non dimenticherete di assaggiare le famose ostriche provenienti dai celebri allevamenti locali annaffiati dai vini della Languedoc-Roussillon. A Sete, nel mese di agosto viene riproposta una sorta di giochi medioevali con le lance in cui il cavaliere invece di disarcionare l’avversario dal proprio destriero lo deve far cadere in acqua dalla barca, tutto si svolge in abiti tradizionali molto folcloristici.
La vostra navigazione continuerà sul Canal du Rhône a Sète passando per il centro di Frontignan, famosa nel mondo per il suo Moscato DOC.
A Villeneuve-lès-Maguelone, un isolotto posto sul cordone dunoso, si trova un importante sito archeologico in cui si sono rinvenute vestigia Etrusche, Romane e Visigote. Ora è visitabile la Cattedrale di St. Pierre de Maguelone del secolo XI° circondata da vigneti e allevamenti di pesce. Soste sono consigliate a Palavas-les Flots, La Grande Motte e Carnon mentre assolutamente da non perdere è la città medioevale fortificata di Aigues Mortes, un tempo in riva al mare, ora a causa delle sedimentazioni del Rodano dista circa 5 km dallo stesso. Non perdetevi un’escursione sulle sue mura dalle quali potete godere di una impareggiabile veduta sulle saline e a perdita d’occhio sulle paludi in cui individuare stormi di Fenicotteri rosa e gruppi di cavalli bianchi della Camargue.
Nei dintorni di Gallician, villaggio dalle antiche tradizioni gitane vedrete mandrie di tori allo stato brado controllati da cavalieri muniti di lunghi bastoni che li addestrano per i loro rodei. Saint Gilles, base di partenza delle nostre houseboat è una tipica città medioevale che conserva pregevoli resti di origine romane. La grande chiesa di San Gilles conserva le reliquie del Santo cui è dedicata e si presenta con un importante facciata dichiarata patrimonio dell’UNESCO. Il tratto di navigazione che porta a Beaucaire è caratterizzato da dolci colline ricoperte di vigneti e antichi castelli che costituiscono i Domaine, le denominazioni tipiche dei vini DOC e le cantine in cui viene conservato e venduto direttamente dal produttore. Beaucaire, importante porto sul Rodano ha origini romane e sorge sulla antica Via Domitia, una delle vie consolari romane che collegava Roma alle Gallie. La sua ricca storia e la vicinanza ad Avignone, Nimes e Arles la vede da sempre coinvolta negli avvenimenti storici più importanti. Fra le tante cose da vedere raccomandiamo una visita all’Abbazia di St. Roman, sulla collina dell’Aiguille, è un rarissimo esempio in Europa di Monastero e Cappella scavato direttamente nella roccia. Le biciclette di bordo si rivelano una risorsa veramente importante per visitare le città e i dintorni come ad esempio Tarascona e il suo castello situata sulla riva opposta del Rodano.
houseboat.it propone diverse barche per le Camargue a Pasqua, adatte alle diverse esigenze: dalla coppia al gruppo di amici alla famiglia.
Per il periodo di Pasqua ad esempio potete usufruire del 25% di sconto su tutte le partenze anche per una vacanza di soli 3 giorni e risparmiate sino al 40% per Crociere di Sola Andata.
A Pasqua una inedita Laguna di Venezia: lenta, lontana dalle folle ed immersa nella natura.
Da una parte il divertimento e l’arte, dall'altra la ricerca neurologica. Il prossimo ponte pasquale
Tra tradizioni, buona tavola, terme e natura Dal portale Isoladischia.com, qualche idea per un weekend

A Pasqua una inedita Laguna di Venezia

A Pasqua una inedita Laguna di Venezia: lenta, lontana dalle folle ed immersa nella natura.
Lungo i canali della Laguna più famosa del mondo a bordo di un Houseboat, per riscoprire natura, tipicità, luoghi misteriosi.
Venezia è di struggente bellezza ma anche un luogo di turismo di massa, a Pasqua peggio che mai. Ma c’è un modo per conoscere e vivere Venezia e la sua Laguna lontano dalle folle, riscoprendo lentezza, natura, contatto vero con luoghi e persone.
Un itinerario straordinario ed affascinante per conoscere davvero la Laguna lo propone houseboat.it, leader italiano per il noleggio di imbarcazioni fluviali. Un nuovo modo di fare turismo, nato in Francia e diffusosi in tutto il mondo: le imbarcazioni di Houseboat.it sono belle, eleganti, possono essere guidate senza alcuna patente o brevetto, si impara a pilotarle in un paio d’ore di formazione. Ma soprattutto ti permettono di vedere la Laguna di Venezia in modo del tutto nuovo.
Si parte da Casale sul Sile. In prossimità della base troverete la deliziosa piazzetta con campanile del paese di Casier, dove vi suggeriamo di sostare la prima o l’ultima notte di crociera. La vostra vacanza fluviale inizierà attraversando il Parco del Fiume Sile, immerso in una lussureggiante vegetazione ed impreziosito dalla presenza di sontuose ville con giardino. Lungo il tragitto ormeggiate la vostra barca agli ormeggi pubblici di Casale sul Sile e Quarto d’Altino e visitate le loro piacevoli piazze. Dopo circa tre ore di navigazione fluviale, arriverete al paesino di Portegrandi, e, superata la conca, abbandonerete il fiume Sile per entrare in Laguna di Venezia.
Navigando con la vostra houseboat tra i canneti (zona ideale per il birdwatching) e le meravigliose distese d’acqua lagunari, arriverete in circa un’ora all’isola di Burano. Sostate negli ormeggi Houseboat.it e andate alla scoperta delle calli tra le caratteristiche case coloratissime. Fermatevi al Museo del Merletto o, se preferite comprarne uno, tra i numerosi negozi sparsi nell’isola. Volendo potrete sedervi alla nota trattoria al Gatto Nero. In questa isola la compagnia offre ormeggio privato anche per la notte. Un vero must.
Attraversate il canale e visitate la meravigliosa cattedrale di Torcello e i suoi mosaici bizantini dorati della basilica di Santa Maria Assunta e la scalata della torre campanaria.
La navigazione verso Venezia dura all’incirca un’ora. Lungo il tragitto incontrerete isole di grande fascino come San Francesco del Deserto, che vi incanterà con il suo monastero francescano e il curatissimo giardino, tappa distante dal turismo di massa e veramente unica , e Sant’Erasmo, detta l’Orto di Venezia per la sua vocazione agricola e ideale per un pomeriggio in spiaggia o in bicicletta. Straordinario il tramonto lagunare che si ammira da quest’isola, una piccola oasi verde con una spiaggia isolata e un anello di itinerario ciclabile molto piacevole, tra canali, vigneti e monumenti storici. Se capitate in isola nel momento giusto non scordate di provare la tipica specialità isolana: il carciofo viola di Sant Erasmo.
Sostando negli ormeggi privati Houseboat.it di Vignole o nei porti vicini, finalmente farete il vostro grande arrivo a Venezia. Città ricca di storia, di arte, di romanticismo, da cui poter raggiungere anche Murano o il Lido di Venezia
Ripartendo da Venezia con il vostro battello senza patente e dirigendosi verso sud direzione Chioggia, attraverserete numerose piccole isole della laguna (San Servolo, Santa Maria delle Grazie, San Clemente, Santo Spirito) e potrete vedere meravigliosi paesaggi lagunari. Continuando la navigazione lungo la lingua di terra che divide la laguna dal mare incontrerete Malamocco e Pellestrina, da cui si possono percorrere itinerari ciclabili sul lungomare e in spiaggia. Per gli appassionati di golf, potrete giocare al circolo di golf di Venezia ad Alberoni.
In circa tre ore di crociera si arriva agli ormeggi Houseboat.it a Chioggia, proprio nel centro della città. Chiamata “la piccola Venezia” per le caratteristiche urbanistiche similari, offre un bellissimo centro storico adatto per passeggiate e biciclettate in famiglia. In un quarto d’ora in bici raggiungerete Sottomarina: località balneare molto frequentata in estate per spiagge, aperitivi e divertimenti. Voltando la prua verso nord e risalendo l’itinerario percorrete canali lagunari diversi da quelli dell’andata così potrete visitare tutte le località sopracitate.
I costi? Davvero contenuti e per Pasqua ci sono sconti del 20%, proprio per i weekend nella laguna di Venezia. A titolo di esempio: barca Minuetto 6+ = 6+2 posti letto, costo scontato del 20% per 850 euro per il weekend di Pasqua. Oppure la Magnifique, 8+2 posti letto, anche questa scontata del 20% per i 3 giorni da sabato a pasquetta ad euro 979,00
.
Ampliare la conoscenza sulla natura in città e promuovere la partecipazione attiva, aggregare e attivare la comunitaà
Storia, territorio, innovazione e, soprattutto bellezza: le caratteristiche chiave della città di Mestre che oggi
E' scesa dal campanile di Piazza San Marco come una regina del ghiaccio Arianna Fontana,
Piazza San Marco inaugura sabato 23 febbraio, il suo grande palco dedicato ad una missione

Pasqua 2017 tra arte e ricerca neurologica

Da una parte il divertimento e l’arte, dall’altra la ricerca neurologica.

Il prossimo ponte pasquale al Westin Excelsior Rome si trasforma in un’esperienza unica tra buon cibo presso l’attiguo Ristorante Doney, occasioni di vendita a scopo benefico in favore della ricerca sul Parkinson e visite artistiche a una mostra scultorea a tema.

In collaborazione con l’Accademia LIMPE-DISMOV (Accademia Italiana per lo Studio della Malattia di Parkinson e dei Disordini del Movimento) e la Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS, questa Pasqua dal 12 aprile al 12 giugno, il Westin Excelsior di Roma ospiterà presso l’elegante Hall in stile Belle Époque l’esposizione di opere artistiche diLello Esposito, Antonino Sciortino, Erika Calesini, Gianni Murru, Ferdinando Codognotto e Marco Mazzocchi tutte raffiguranti l’uovo, simbolo della Pasqua, reinterpretato in diverse forme e sfaccettature, con materiali che vanno dall’alluminio, al ferro, al legno, alla pietra.

Alzi la mano chi non ha mai aperto con curiosità un uovo di Pasqua per vedere il regalo che celava.

E la alzi chi non ha mai apprezzato i gustosi pranzi che accompagnano questa festività.

Quest’anno, l’Accademia LIMPE-DISMOV e la Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus hanno pensato di organizzare presso il The Westin Excelsior Rome un evento che riunisce in un’unica esperienza questi due elementi chiave delle feste pasquali.

L’esposizione infatti ha anche uno scopo benefico e le opere, oltre a poter essere ammirate, offrono la sorpresa di essere disponibili alla vendita per scopo di beneficenza.

Il ricavato, sarà devoluto alla realizzazione di importanti progetti di ricerca scientifica in favore della malattia di Parkinson.

Per quanto riguarda i piaceri della tavola il Ristorante e il rinomato Café Doney con terrazza esterna affacciata su Via Veneto, sono un ritrovo ideale per tutto il giorno, a patire dalla colazione alla cena e l’ORVM Bar, eclettico e moderno, si offre al pubblico in tutto il suo sofisticato stile art decò (brunch  60 euro, bambini 20).

E per tutti coloro che amano esplorare luoghi nuovi, lo stesso Westin Excelsior Rome diventa occasione di interessanti scoperte, magari insospettate:  situato a pochi minuti dalla centralissima Piazza di Spagna vanta 316 camere di cui 35 suite, 11 spaziose sale meeting, il KAMISPA Wellness Center che include il WestinWorkout dedicato al fitness, una piscina coperta, sauna e bagno turco.

E, anche se forse gli stessi abitani della capitale non lo sanno, la sua suite Villa La Cupola è considerate a tutt’oggi, una delle più grandi e prestigiose d’Europa.

Un altro luogo certamente da visitare con l’occasione di fare del bene a chi soffre di una grave malattia come quella di Parkinson.

Oltre a promuove eventi e raccolta fondi per sostenere progetti di ricerca, l’Accademia LIMPE-DISMOV, associazione no-profit, promuove e diffonde la ricerca scientifica in ambito neurologico e nei campi complementari utili a migliorare la qualità professionale nell’assistenza, stimolare ricerche e indagini epidemiologiche e sociali, incoraggiando la ricerca scientifica sulla malattia di Parkinson.

La Fondazione LIMPE per il Parkinson ONLUS ha fini di solidarietà sociale e il suo principale obiettivo è il sostegno alla ricerca medico-scientifica, alla formazione e alla divulgazione dell’informazione sulla malattia di Parkinson, i parkinsonismi, le distonie, le coree (inclusa quella di Huntington), i tremori, le atassie, gli altri disturbi del movimento e le demenze.

 

Siete alla ricerca di una meta per sfuggire al caos cittadino nei weekend d’autunno? Con
L’estate si avvicina e GoEuro, la piattaforma di viaggi che permette di cercare e prenotare
Vigevano, città che vanta un  ricco patrimonio culturale situata a soli 35km da Milano, è

Pasqua e Pasquetta sull’Isola d’Ischia

Tra tradizioni, buona tavola, terme e natura
Dal portale Isoladischia.com, qualche idea per un weekend lungo, tra gusto, benessere e la tradizionale scampagnata!


Pasqua e Pasquetta fuori porta, approfittando del weekend lungo? Perché no, magari coniugando relax, buona tavola e la tradizionale scampagnata. Dal Portale Isoladischia.com arrivano interessanti suggerimenti per regalarsi una mini vacanza sull’isola, ideale per tutti i gusti e tutte le tasche.

L’isola si prepara alla Pasqua con una serie di eventi e manifestazioni molto amate e che riscuotono ogni anno grande partecipazione da parte dei residenti e di persone che vengono da fuori per assistervi. In particolare, il Venerdì Santo, che quest’anno sarà il 14 aprile, si tiene una Via Crucis teatralizzata, con oltre 150 comparse per le vie del centro storico di Forio. Musiche antiche risuonano nell’aria fin quando, calato il sipario sulla realtà, la suggestione si impadronisce della folla che assiste attonita alla messa in Croce di Cristo. La domenica di Pasqua, quindi il 16 aprile, sempre a Forio si tiene la Corsa dell’Angelo, una tradizione risalente al 1600. La cerimonia inizia la mattina alle 10:30, con la Santa Messa, per proseguire con il corteo, nel quale si portano in spalla le statue della Madonna, del Cristo Risorto, di San Giovanni Apostolo e del’Angelo, arrivando poi in piazza per lo spettacolo finale, dove un tripudio di colori prende il sopravvento, con le strade ricoperte da petali di fiori colorati che le donne di Forio lasciano cadere dai balconi.

La cucina campana è famosa per essere molto ricca e gustosa, e quella ischitana non è da meno! Per il vostro ricco pranzo pasquale potrete gustare molti dei piatti tipici, come i paccheri alla ricotta o con pesce, la pasta con fave e ventresca (versione ischitana della pancetta di suino), o il coniglio all’ischitana o il calamaro imbottito. Immancabili sulla tavola pasquale il casatiello con le uova sode nella pasta lievitata e la famosa pastiera. Le colline dell’isola offrono, inoltre, una selezione di vini profumati, bianchi, rossi e passiti da dessert.

In Italia, dal nord al sud, senza dimenticare le isole, il giorno di Pasquetta si trascorre all’aria aperta, tra scampagnate e pic nic sull’erba, riscoprendo il piacevole contatto con la natura. Su Isoladischia.com ci sono diversi suggerimenti per percorsi di trekking, come quello sul Monte Epomeo, vetta più alta dell’isola, o ai Pizzi Bianchi, per i più esperti, ma anche suggerimenti per meno impegnative passeggiate su sentieri dai quali ammirare il mare da ogni prospettiva, come il percorso delle baie, tra vigneti, querce e fichi d’India. L’isola ospita, inoltre, due grandi giardini botanici, i Giardini La Mortella, oasi naturalistica ricreata sulla collina di Zaro, e i Giardini Ravino, con bellissime piante grasse, tra le quali vivono liberi pavoni e conigli.

Se si trascorre una vacanza sull’Isola d’Ischia, breve o lunga che sia, non si può non concedersi qualche ora immersi nelle acque delle terme naturali locali. La natura vulcanica dell’isola conferisce all’acqua caratteristiche terapeutiche. Sono in molte le stazioni termali, alcune delle quali convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale.


Da una parte il divertimento e l’arte, dall'altra la ricerca neurologica. Il prossimo ponte pasquale
Dalle coste del Lago d'Orta fino alle vette dei Nebrodi, in Sicilia, ecco le proposte