News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

Regali di Natale poco graditi: il 40% degli italiani li rivenderà

Sono ormai rimasti pochi cioccolatini da scartare all’interno del Calendario dell’Avvento: manca solo qualche giorno a Natale e, oltre a pensare agli ultimi regali ancora da acquistare, si pensa anche a ciò che si potrebbe ricevere in dono. Come ogni anno potremmo scartare proprio ciò che desideravamo oppure ricevere un oggetto di cui non abbiamo bisogno o che non ci piace.

Con una ricerca condotta da mUp, Wallapop – piattaforma leader nella compravendita di prodotti second-hand che promuove un modello di consumo più responsabile – ha chiesto agli italiani quali sono gli oggetti che non vorrebbero ricevere come dono di Natale quest’anno: i regali meno apprezzati sembrano essere le decorazioni per la casa e indumenti come pigiami e calze. Cosa fare quindi se sotto l’albero scartiamo un regalo che non avremmo voluto ricevere?

La recente ricerca di Wallapop evidenzia che 1 italiano su 4 lo impacchetterebbe di nuovo e lo regalerebbe a qualcun altro, mentre circa il 37% lo conserverebbe, anche se non ne farebbe uso. La maggior parte degli italiani invece (circa il 40%) lo metterebbe in vendita su una piattaforma second-hand, magari per guadagnare qualche soldo extra in vista dell’inizio del nuovo anno. Di questi, sono soprattutto gli intervistati di età compresa tra i 25 e i 55 anni coloro che si affiderebbero a una piattaforma di second-hand online.

Vendere un oggetto indesiderato su Wallapop è una scelta che porta con sé diversi vantaggi, non solo per coloro che mettono in vendita ma anche per chi decide di acquistare l’oggetto e, in generale, anche per il Pianeta.

Perché quindi vendere su Wallapop un regalo non gradito è la soluzione migliore?

UN’ENTRATA EXTRA ASSICURATA
Vendere un oggetto su Wallapop rappresenta un guadagno extra che potrebbe essere speso per acquistare ciò che avremmo voluto ricevere o messo da parte per esaudire un desiderio futuro, come un viaggio. Il periodo post-natalizio sembra essere per gli italiani uno dei momenti migliori per vendere i propri oggetti: sulla piattaforma lo scorso anno gennaio ha infatti visto un incremento di vendite del 28% rispetto al mese precedente.

A quanto potrebbe ammontare questa entrata extra? Un’indagine condotta da Wallapop evidenzia che vendendo i propri oggetti inutilizzati, compresi i regali di Natale poco graditi, si può arrivare a guadagnare fino a 1.247€.

LA SODDISFAZIONE DI CHI ACQUISTA
Un regalo non apprezzato da qualcuno potrebbe invece rappresentare il dono perfetto per qualcun altro. La vendita di un oggetto su Wallapop dopo Natale potrebbe infatti rappresentare il momento perfetto per coloro che, non avendo ricevuto ciò che desideravano, vogliono correre ai ripari acquistandolo in autonomia.

Nel periodo post-natalizio dello scorso anno, la terza settimana di gennaio è quella che ha registrato il maggior numero di vendite. Gli oggetti maggiormente venduti sono stati occhiali da sole, profumi, lampade da tavolo e friggitrici ad aria.

LA RESPONSABILITÀ VERSO IL PIANETA
Preferire una piattaforma di second-hand come Wallapop per la vendita di oggetti rappresenta una scelta responsabile non solo per il portafoglio ma anche per il Pianeta, perché si allunga il ciclo di vita di un prodotto che altrimenti resterebbe inutilizzato o, nel peggiore dei casi, gettato via: una ricerca di Wallapop condotta da Deloitte evidenzia che quasi 6 prodotti su 10 (56%) non avrebbero prolungato la propria vita utile se non fossero stati messi in vendita su Wallapop.

“In questo periodo dell’anno, facciamo e riceviamo un gran numero di regali: dalla ricerca condotta in collaborazione con mUp sembra che i doni second-hand più apprezzati siano i libri (50%), seguiti da piccoli elettrodomestici (27%) e smartphone (22%). Può però capitare che a volte non si trovi il dono perfetto: di fronte a questa situazione gli utenti possono scegliere di vendere gli oggetti indesiderati su Wallapop, per recuperare parte del denaro e contribuendo al contempo a un consumo più responsabile.” ha commentato Chiara Mazza, Senior PR Specialist Italy di Wallapop.

Pin It on Pinterest