News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

Adolescenti e mestruazioni: non funziona “dottor google”

È indubbio che sul web si siano moltiplicate le conversazioni, le storie e le esperienze che riguardano argomenti intimi. Un fenomeno importante che ha sicuramente il pregio di allargare la discussione e permettere a molte giovani di saperne di più anche sulle mestruazioni. Ma c’è ancora molto da fare, come ripotano le ultime indagini commentate dalle esperte di INTIMINA.

L’AIUTO DELLE INSEGNANTI VALE PER 1/3 DELLE RAGAZZE
Secondo una ricerca Censuswide-INTIMINA(1) il 36% delle informazioni sulle mestruazioni provengono dagli insegnanti e da amici, mentre l’86% dice di essere stata preparata sull’argomento direttamente dalle madri e solo il 12% dai fratelli o sorelle. Il web è considerato un aiuto sull’argomento solo per il15% delle ragazze.
“Il rapporto con le insegnanti non può sostituirsi a quello con un genitore o familiare, ma può diventare un riferimento importante, purché sia istituzionalizzato e formale. Questo significa che un insegnante che prepari le giovani a vivere la mestruazione come un evento del tutto naturale anche chiarendone l’aspetto scientifico e sociale – spiega Alessandra BITELLI, Woman Empowering Coach – può essere di grande supporto a quanto già spiegato in ambito familiare, anche se non può e non deve generare intimità e confidenza. Il ruolo dell’insegnante deve, cioè, rimanere all’interno della cornice pedagogica e come tale deve essere interpretato da tutte le persone coinvolte, non ultimo perché, da sempre, in età adolescenziale, un estraneo riscuote un ascolto più attento del genitore.”

UN “SEGRETO” NASCOSTO ANCHE TRA I BANCHI PER IL 65% DELLE RAGAZZE
Superano abbondantemente la metà (65%) le ragazze intervistate da Censuswide-INTIMINA(2) che hanno dichiarato di provare vergogna o di cercare di nascondere di avere le mestruazioni quando sono a scuola, mentre solo l’11% non si sente mai in imbarazzo durante le mestruazioni.

DOTTOR GOOGLE NON VALE PER LE MESTRUAZIONI
Stupisce il fatto che internet è considerato di aiuto solo nel 15% delle ragazze, anche se sempre il doppio rispetto al medico (7%) e i propri padri (6%).
Per aiutare le ragazze a smettere di vergognarsi del ciclo e offrire conversazioni sull’argomento, INTIMINA offre un prezioso supporto. Lo fa attraverso un libro “The Wonder Girls Guide Book” e nella versione audio. Contiene cinque storie di giovani donne forti che condividono le loro esperienze e cambiamenti psicofisici. È un’esperienza di apprendimento sulla gestione dei cambiamenti delle ragazze durante la pubertà, ricca di informazioni mediche e consigli pratici per evitare situazioni spiacevoli. Ogni storia mira a fornire spunti di conversazione per genitori e figli in questa fase delicata della vita di ogni giovane donna per fornire spunti di conversazioni.
“Arrivare a conclusioni sbagliate è molto facile soprattutto quando le risposte sono fatte da deduzioni o da racconti tramandati. È fondamentale educare le donne e soprattutto le “piccole donne” adolescenti – precisa Roberta ROSSI, sessuologa e psicoterapeuta – a una scelta consapevole per una migliore gestione delle mestruazioni, parlandone in maniera chiara e diretta, evitando di utilizzare nomignoli o sottintesi che non fanno altro che perpetuare il tabù”.

FONTE
1. Ricerca Censuswide-INTIMINA, luglio 2022 su un campoine di 1000 ragazze di età compresa tra 12 e 17 anni
2. Ricerca Censuswide-INTIMINA, luglio 2023 su 1000 ragazze adolescenti di età compresa tra 12 e 17 anni

Pin It on Pinterest