Far controllare i propri anticorpi prima di ricevere una terza dose di vaccino

Una terza dose di vaccinazione contro il coronavirus potrebbe rivelarsi utile, secondo diversi produttori di vaccini. Uno dei motivi principali è la variante Delta, altamente contagiosa. Ma un vaccino di richiamo è davvero necessario per tutti? L’azienda medtech nal von minden GmbH, con sede a Moers, raccomanda alle persone interessate di effettuare prima un test degli anticorpi. Questo fornisce chiarezza sul proprio stato immunitario.

In Israele, alcune persone stanno già ricevendo la terza dose di vaccino. Anche in Germania si dice che una vaccinazione di richiamo potrebbe essere necessaria, poiché l’effetto immunizzante si esaurisce col tempo. Questo è specialmente il caso delle persone più anziane che sono state vaccinate da tempo.

Roland Meißner, CEO di nal von minden GmbH, esorta le persone interessate a chiarire prima il loro stato immunitario: “In ogni caso, un individuo dovrebbe prima verificare se una terza vaccinazione contro il coronavirus sia effettivamente necessaria. Forse si potrebbero avere già abbastanza anticorpi nel sangue, il che significherebbe essere sufficientemente protetti e una terza dose potrebbe non essere necessaria”. Resta da vedere se il Comitato permanente per le vaccinazioni (in tedesco: STIKO) le raccomanderà in futuro.

Controllare il proprio stato di vaccinazione non è complicato. Anzi, è proprio il contrario. È possibile valutare molto rapidamente se le due precedenti vaccinazioni contro il coronavirus hanno “funzionato” nei singoli casi: Il test NADAL COVID-19 S1-Nab rileva gli anticorpi in soli 10 minuti.

Meißner spiega: “Dopo il primo – e talvolta il secondo – vaccino contro il coronavirus, vengono prodotti anticorpi nel sangue. Questi anticorpi assicurano che se l’individuo entra in contatto con i coronavirus, questi virus saranno immediatamente riconosciuti e rapidamente respinti. Sono questi anticorpi che possono essere rilevati utilizzando il nostro test rapido”.

È sufficiente una piccola puntura del dito – la metà di quella necessaria per monitorare la glicemia. La goccia di sangue viene poi aggiunta alla cassetta del test fornita. I risultati sono disponibili entro 10 minuti. “È certamente preferibile ai potenziali effetti collaterali che potrebbero seguire ad una terza vaccinazione”, dice Meißner.

Il test rapido degli anticorpi è già stato esaminato nel corso di studi. Meißner dice: “Con i nostri test anticorpali, è possibile determinare una risposta vaccinale a tutti i principali vaccini”.

Cosa c’è da sapere: Chiunque sia interessato può fare un test per gli anticorpi NADAL COVD-19 S1-Nab presso lo studio del proprio medico al costo di circa 20 euro.

News Tecnologia

Auto usata: il 66% di chi compra teme le truffe

Il 66% di chi compra un nuovo veicolo si preoccupa dell’affidabilità del venditore, gli italiani (87%) sono i più attenti a questo aspetto, seguono i tedeschi (77%), gli australiani (73%) e i canadesi (72%). I dati fanno parte dei risultati dell’ultima analisi di automobile.it, sito di annunci di auto usate, nuove, Km 0 che ha […]

Leggi tutto
Intrattenimento News

Rovigo: al via “Tensioni – Geografia delle relazioni”, Festival di arti e sguardi sul presente

Si apre il sipario sulla terza edizione di “Tensioni – Geografia delle relazioni”, Festival di arti e sguardi sul presente a cura de La fabbrica dello zucchero di Rovigo. L’appuntamento è per sabato 2 e domenica 3 ottobre prossimi con un’anteprima nella serata di venerdì primo del mese. Il luogo è il Censer, nella sua […]

Leggi tutto
News Notizie

Menzione dell’America in un’opera inedita medievale

Una clamorosa menzione di una terra situata al di là dell’Atlantico è stata individuata in un’opera inedita medievale, scritta dal domenicano Galvano Fiamma intorno al 1340: la scoperta è nata all’interno di un progetto didattico della Statale di Milano, cui hanno collaborato numerosi studenti di Lettere, ed è stata pubblicata sulla rivista statunitense Terrae incognitae, […]

Leggi tutto