Boom di richieste per le figure commerciali, via web e per il web

Milano Exe: «L’Italia va verso una crescita del Pil del +4,7% che si accompagnerà a un’evoluzione dell’occupazione. Il 32,8% degli imprenditori, però, ha difficoltà nel trovare personale qualificato»

In seguito alla pandemia, il mondo del lavoro ha subito numerosi cambiamenti. Dalla gestione dell’attività – con un numero in più di persone in smart working – alla ricerca di nuove opportunità professionali, passando per una modalità diversa della selezione del personale. Milano Exe spiega come i recruiter valutino ora i potenziali candidati e ciò che si ricerca nelle figure professionali da assumere, evidenziando che tra quelle più richieste ci sono i venditori, figure che risulteranno determinanti per la ripresa economica del Paese.

L’Istat prevede per l’Italia una sostenuta crescita del Pil sia nel 2021 (+4,7%) sia nel 2022 (+4,4%) a cui si accompagnerà un’evoluzione dell’occupazione. In termini di Ula (unità di lavoro), si registrerà un aumento nel 2021 (+4,5%) e nel 2022 (+4,1%). L’andamento del tasso di disoccupazione rifletterà invece la progressiva normalizzazione del mercato del lavoro con un aumento nell’anno corrente (9,8%) e un lieve calo nel 2022 (9,6%). Ma il paradosso, come riporta Wallstreet.it, è che ci sono aziende che incontrano difficoltà nel reperire personale, soprattutto qualificato. Dall’elaborazione effettuata dall’Ufficio Studi della CGIA – sui dati emersi dall’indagine condotta sulle entrate programmate dagli imprenditori a gennaio 2020 dall’Unioncamere-ANPAL, Sistema informativo Excelsior – risulta che il 32,8% delle assunzioni previste sono di difficile reperimento e il 32,8% degli imprenditori segnala che troverà molte difficoltà a “coprire” questi posti di lavoro. Un aggravarsi del gap ‘domanda/offerta’ illogico per un Paese che, sempre stando ai dati Istat, ad aprile 2021 contava un tasso di disoccupazione salito al 10,7%.

Come far incontrare domanda e offerta in modo efficiente? Sicuramente grazie alla nuova modalità di Smart Recruitment che consente una riduzione di tempi e costi sia per i lavoratori disponibili sul mercato sia per le aziende che cercano personale. Milano Exe, azienda con oltre 25 anni di esperienza nel recruiting e selezione di venditori in ambito commerciale, assicurativo e bancario, sottolinea che il recruiting post covid dovrà avere 3 caratteristiche indispensabili: essere innovativo, inclusivo e sostenibile, con selezioni online, proprio sulla base dei requisiti richiesti e offerti.

Proprio per questo – continua l’azienda di recruiting – le piattaforme social di ricerca del lavoro vedranno una forte interazione, una condivisione sempre più ampia dei profili dei candidati che avranno livelli di classificazione più approfonditi in base a scolarizzazione, formazione, esperienze di lavoro e soft skill. Diventerà un vantaggio competitivo molto forte possedere database ampi e particolareggiati in cui andare ad identificare con un click le caratteristiche dei candidati più adatti. L’intelligenza artificiale, insomma, avrà un ruolo di primo piano per la ricerca di quella umana.

Cambiano, ovviamente, anche i nuovi criteri nel valutare i potenziali candidati. Tra le qualità più richieste: la capacità di adattarsi ai cambiamenti, di lavorare sotto stress e per obiettivi, ma anche la flessibilità.

In particolare, per la selezione di venditori in ambito commerciale, è indispensabile possedere uno spiccato senso di proattività sulle vendite (35%) e un forte orientamento ai risultati (40%). Una lettera di referenze rappresenta poi un valore aggiunto. «Prima del covid, almeno il secondo colloquio veniva svolto in presenza, per valutare anche tutta una serie di soft skills, magari con piccoli test attitudinali – spiega Andrea Polo, CEO & Founder di Milano EXE – Oggi è tutto online, per questo la lettera di referenze assume un peso sempre maggiore. Anche puntare sulla costruzione di cv che non siano solo un elenco di studi conseguiti o lavori svolti, ma raccontino chi è il candidato, la sua indole e le sue passioni, può rappresentare una carta vincente».

Cultura e Società News

Il rispetto per l’ambiente e la riduzione di spese e rifiuti inizia sin da piccoli

Se la scelta di Harry e Meghan di avere soltanto due figli per salvaguardare il Pianeta ha fatto molto discutere, a dimostrare che effettivamente una nuova nascita aumenta sensibilmente l’impronta ecologica di una famiglia è uno studio svedese. Secondo la ricerca condotta dalla Sveriges landbruksuniversitet di Uppsala, infatti, in una casa con figli si produce […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Il vero leader dopo la pandemia

“La leadership è l’arte di far fare a qualcuno quello che tu vuoi perché lui lo desidera”: con queste parole l’ex presidente degli USA Dwight David Eisenhower definiva il concetto di leadership, il quale mai come in quest’ultimo periodo risulta centrale all’interno della sfera lavorativa. Conferme a questo proposito giungono da un’indagine condotta da Espresso […]

Leggi tutto
Cultura e Società News

Gli opposti si attraggono? I dati (e la psicologia) dicono di no

I detti nascondono sempre una certa saggezza storica e popolare, ma è proprio vero che in amore “gli opposti si attraggono”? Sembrerebbe proprio di no. A dare una chiara smentita ci ha pensato Once, app pioniera dello slow dating, che ha esaminato 1.000 coppie per un totale di oltre 9.000 anni di vita di coppia […]

Leggi tutto
News IN DIES