I Millennials per la salute preferiscono Internet

Il 73 % dei Millennials preferisce chiedere consigli sulla salute on-line prima di andare al medico.

Lo ha rivelato un sondaggio condotto dalla società di software per la salute Harmony Healthcare IT.

Dal sondaggio è emerso che uno su quattro giovani non è andato in uno studio medico da più di due anni.

Survey Reveals Millennials’ Relationship with Health Care

Il motivo? Il 42% dei giovani si sente sano, il 39 percento ritiene di essere troppo occupato per andare dal medico e il 31% pensa che sia scomodo fare lo sforzo necessario per una visita.

Ma anche i giovani che vanno dal dottore non rinunciano a Internet. Il 93 percento di loro completa la visita dal medico in carne ed ossa con una ricerca parallela sul web.

Mamma: la persona più importante per ognuno di noi. Oggi in tutto il mondo ci
Ogni anno Google ci rivela le tendenze delle ricerche per alcune categorie. Cosa cercano gli
Gli ultimi dati sul turismo in Toscana ed a Siena sono incoraggianti: nonostante un periodo

Le mamme più famose del web

Mamma: la persona più importante per ognuno di noi. Oggi in tutto il mondo ci sono tante ragazze che grazie allo sviluppo delle tecnologie hanno la possibilità di condividere la loro esperienza della maternità, così come i loro pensieri su come essere madre. Essere mamma blogger è uno dei trend degli ultimi anni.
In occasione della festa della mamma, SEMrush, una piattaforma SaaS per la gestione della visibilità online, ha condotto uno studio dedicato alle mamme italiane VIP. La maggior parte di loro sono ovviamente conosciute grazie alle loro attività principali (lo spettacolo, lo sport, …) ma il fatto che sono mamme attira anche un grande pubblico.
Interessante notare che nella TOP 3 delle mamme più cercate sul web ci sono donne che hanno deciso di avere un bambino in tarda età. Questo fatto sembra stimolare la curiosità delle persone: forse non siamo ancora abituati al fatto che le donne partoriscono più tardi.
Ecco la nostra TOP 5 delle mamme VIP più cercate in Italia:
Lorena Bianchetti
Una delle conduttrice televisive più conosciute in tutto il paese. Lo scorso 5 marzo ha dato alla luce la sua prima figlia, Estella, nata dalla relazione col marito Bernardo De Luca. La gravidanza di Lorena ha ricevuto tanta attenzione perché al momento del parto la conduttrice aveva 45 anni. Interessante notare che, proprio a marzo, il numero delle persone che cercavano informazioni sulla sua maternità è triplicato.
Gianna Nannini
«È nata con una pettinatura rock, che è la copia esatta della mamma».
Penelope, la figlia di Gianna Nannini, è nata nel 2010, quando sua madre aveva 54 anni. Nata con parto naturale. Questo fatto, all’epoca, provocò diverse discussioni e non poche critiche.
Laura Freddi
L’amore di Laura, Ginevra, è nata il 5 gennaio. Il parto non è stato facile ma non c’è voluto molto perché tutta la paura si convertisse in pura felicità, piacere e godimento. Anche la Freddi è diventata mamma all’età di 45 anni.
Tania Cagnotto
La tuffatrice italiana più forte di sempre, è una delle mamme più “importanti“ in Italia oggi. Il 23 gennaio è nata sua figlia Maya. É curioso notare che la sua gravidanza, negli ultimi tempi, ha riscosso davvero un grande interesse tra gli internauti: le ricerche sulla dolce attesa di Tania Cagnotto sono al terzo posto negli interessi degli utenti tra tutti i temi legati all’atleta.
Chiara Ferragni
Leone o Lello, come adesso chiamano i #Ferragnez il loro bimbo, è già una star. Chiara è diventata mamma l’anno scorso, come è noto la sua è stata una gravidanza molto importante, sia perché era la prima, ma anche per alcuni problemi di salute, di cui la influncer ha parlato ai suoi follower. Con la nascita di Leo, così come accade a molte star, sembra che Chiara abbia guadagnato anche nuovi haters, che appena possono cercano di accusarla di non essere una buona madre e, addirittura, di non conoscere la decenza. Noi non ci curiamo dei pettegolezzi e auguriamo a Chiara buona festa della mamma!
Il 73 % dei Millennials preferisce chiedere consigli sulla salute on-line prima di andare al
Ogni anno Google ci rivela le tendenze delle ricerche per alcune categorie. Cosa cercano gli
Gli ultimi dati sul turismo in Toscana ed a Siena sono incoraggianti: nonostante un periodo

Ecco le cose più cercate su Google dagli italiani

Ogni anno Google ci rivela le tendenze delle ricerche per alcune categorie. Cosa cercano gli utenti è una domanda molto curiosa, tutti vogliamo scoprire cosa interessa di più ai nostri amici e non solo in generale, ma anche a cosa sono interessati i nostri connazionali.

SEMrush, una piattaforma SaaS per la gestione della visibilità online, ha condotto uno studio dedicato alle ricerche più frequenti in Italia nel 2018 e ha fornito anche i dati relativi alle parole chiave più costose – quindi sulle keywords che i brand sponsorizzano di più per aumentare la loro visibilità.
La ricerca individua alcune categorie di parole chiave che gli italiani hanno cercato più frequentemente nel 2018.
É interessante notare che, tra i social più cercati su Google, Badoo occupa il 5 posto. Supera di parecchio le ricerche dell’altro sito di dating, Tinder, che ha ottenuto solo 280.200 ricerche mensili.
In base al report, possiamo dire che gli italiani preferiscono risparmiare e cercano soprattutto i voli delle aziende aeree low cost.
I leader assoluti nella categoria Sport sono calcio e moto. Le squadre più cercate sono, come è immaginabile, Juventus, Inter e Milan.
Oggi tutti hanno un account di posta elettronica, con cui si è sostituito la posta normale. Vediamo quali sono i servizi a cui sono più abituati gli italiani: al primo posto delle ricerche troviamo la mail di Libero, invece Google è in seconda posizione.
Porno è una categoria con ricerche totali molto alte rispetto alle altre categorie – tranne social.
ll mondo dell’e-commerce è sempre più competitivo e risulta una sfida per le aziende, costringendole ad adattare le loro strategie di marketing a un mercato in continuo cambiamento. Ecco la Top 5 degli e-commerce più cercati in Italia: il leader assoluto è senza dubbio Amazon.
É curioso notare che nella categoria Moda i 2 brand sportivi Adidas e Nike sono in cima alla classifica. Significa forse che ci stiamo spostando sempre più verso la comodità nella vita quotidiana?
Parlando di banche, Unicredit è leader senza concorrenti di spicco – si può dire che è una delle banche a cui gli italiani sono più fedeli.
I personaggi famosi più cercati del 2018? Fabrizio Frizzi, amato da tutti, Cristiano Ronaldo, Chiara Ferragni, Valentino Rossi e Francesco Monte.
Automobili: la Ferrari è una delle auto più cercate in Italia – interessante vedere la statistica di quelle più comprate.

 

Il 73 % dei Millennials preferisce chiedere consigli sulla salute on-line prima di andare al
Mamma: la persona più importante per ognuno di noi. Oggi in tutto il mondo ci
Gli ultimi dati sul turismo in Toscana ed a Siena sono incoraggianti: nonostante un periodo

A Siena il turismo cresce anche grazie al web

Gli ultimi dati sul turismo in Toscana ed a Siena sono incoraggianti: nonostante un periodo generale non facile, le città d’Arte toscane e Siena in particolare continuano a crescere in modo significativo. E tra i motivi di questa crescita sicuramente c’è anche il web, che è ormai lo strumento principale di chi organizza un viaggio.
I dati di Google e di Marketing01 lo dimostrano: il 78% delle aziende del settore ha un sito internet recente ed aggiornato (a fronte di una media nazionale del 55%), il 59% svolge attività di web marketing (a fronte di una media nazionale del 40%). Il fatturato del settore turismo che “passa” attraverso il web si stima che ormai sia superiore al 60%. Dati significativi, che dimostrano come il tessuto imprenditoriale toscano e del senese sia molto cresciuto e maturato, avendo ampiamente compreso l’importanza strategica di internet.
“Fino a 3/4 anni fa le aziende settore turistico, pur affermando di essere consapevoli del ruolo del web, in realtà non investivano granché, finendo per utilizzare siti internet vecchi, mai aggiornati, con informazioni non corrette, soprattutto poco attenti alle esigenze ed alle richieste dei potenziali clienti. – ha dichiarato Paolo Bomparola, Presidente della Marketing01, Premier Partner di Google – Tutt’oggi in Italia moltissime aziende si rivolgono esclusivamente alle cosiddette “OTA”, ossia i grandi aggregatori di offerta come Booking o Expedia. Aggregatori che però trattengono per se grande parte dei budget, rischiando di impoverire le imprese e di livellare l’offerta quasi esclusivamente su logiche di prezzo. Evidente che per aree straordinarie come la Toscana e Siena, ricche di storia, di tradizioni, di identità, si rischia di attirare un turismo superficiale, quel “mordi e fuggi” di cui tanti si lamentano. Il trend però sembra cambiare, molte aziende hanno preso coscienza dei limiti delle OTA e si stanno organizzando per essere presenti sul web in modo autonomo ed autorevole, cosa che farà crescere non solo i numeri, ma anche la qualità del turismo.”
Il 73 % dei Millennials preferisce chiedere consigli sulla salute on-line prima di andare al
Mamma: la persona più importante per ognuno di noi. Oggi in tutto il mondo ci
Ogni anno Google ci rivela le tendenze delle ricerche per alcune categorie. Cosa cercano gli