Pandemia: impennata prime mestruazioni già in terza elementare

Tra i cambiamenti che stiamo ereditando dal Covid, ce n’è uno che riguarda direttamente le giovanissime che si ritrovano a dover gestire le mestruazioni fin dalla terza elementare. Ben due studi, condotti in Italia, confermano questa nuova tendenza che ha visto raddoppiare i casi di pubertà precoce rispetto all’anno precedente. Per intervenire tempestivamente e nel modo più naturale, un manuale con utili indicazioni e suggerimenti può essere una soluzione per genitori e amiche che si vogliono preparare in tempo per offrire un supporto adeguato. Si chiama “Manuale della Ragazze Meravigliose” il libro attraverso il quale Intimina promuove un messaggio educational per le “wonder girls” di età compresa proprio tra gli 8 e i 12 anni

LA CONFERMA DA DUE STUDI CONDOTTI IN ITALIA
Il primo studio è stato condotto dall’Ospedale Bambino Gesù di Roma e ha riportato un aumento dei casi che chiedevano una consulenza per la pubertà precoce (246 pazienti nel 2020 rispetto ai 108 del 2019 con un incremento del 108%). Nel secondo studio (condotto alla Fondazione Meyer di Firenze) sono stati inclusi 49 casi di pubertà precoce di cui un gruppo di nuove diagnosi (37 bambine) mentre nel secondo gruppo (12 bambine) rientravano i casi a cui era stata già diagnosticata la pubertà precoce ma che avevano avuto un’accelerazione dello sviluppo durante il lock-down. I dati sono stati paragonati ai casi osservati nei precedenti 5 anni (2015-2019) e si è osservato un incremento altamente significativo delle nuove diagnosi di pubertà precoce ma anche della velocità di progressione della pubertà (secondo gruppo di bambine).

UN EFFETTO COVID: AUMENTO DI PESO, FATTORI PSICOLOGICI E USO DISPOSITIVI
Si ipotizza che l’innesco per lo stimolo alla produzione di ormoni sia dovuto a una somma di fattori: l’aumento di peso (in particolare dell’indice di massa corporea o BMI a seguito di un’eccessiva alimentazione e inattività fisica), l’utilizzo maggiore di dispositivi tecnologici e lo stress psicologico che correla anch’esso con la pubertà.
“Anche i fattori psicologici possono aver avuto un ruolo importante: l’ansia di poter contrarre la malattia, la paura della malattia, il distanziamento sociale, le modificazioni delle normali routine, la percezione dei timori dei genitori rispetto ai problemi finanziari o di altro genere possono aver creato un’instabilità emotiva ed una perdita del senso di sicurezza. Da ultimo – spiega Manuela FARRIS, ginecologa – è stato calcolato che l’esposizione ai dispositivi tecnologici sia aumentata durante il lock-down e questo overuse potrebbe aver portato ad una modifica della temporalità della pubertà o del tempo della pubertà. È plausibile che un aumentato uso di dispositivi elettronici porti ad una riduzione dei livelli della melatonina (la cui riduzione è legata allo sviluppo puberale) che funziona da innesco alle modifiche endocrinologiche che portano all’inizio dello sviluppo puberale ad un’età inferiore. Sarà necessario chiarire se questa tendenza sia legata al particolare momento del lock-down e confermata in studi condotti in altri centri italiani”

I PRIMI SEGNALI DA MONITORARE
“Nelle femmine inizia a comparire il seno, spuntano i peli e si osserva una crescita improvvisa in altezza. L’importante è non sottovalutare la situazione e rivolgersi subito al pediatra o a un ginecologo dell’infanzia, sarà lui a capire se siamo davanti a un caso di pubertà precoce e, in questo caso, anche per evitare che la bambina possa accusare dei sintomi a livello psicologico perché inizia a vedersi diversa dalle sue compagne – continua FARRIS – saprà indicarci quale strada percorrere, per evitare che l’anticipata chiusura delle cartilagini blocchi la crescita staturale. In alcuni casi si potrebbe anche solo essere in presenza di uno sviluppo puberale accelerato che si tradurrebbe in mestruazione intorno ai 10-11 anni senza particolari problemi”.

LA SOLUZIONE PER TRATTARE L’ARGOMENTO GIA’ A 8 ANNI
Si chiama “Manuale delle Ragazze Meravigliose” lo strumento sia per le giovani ragazze, sia per chi le circonda e che vuole aprire la discussione sulle prime mestruazioni. A volere questo libro è il marchio INTIMINA per la salute intima, che si sta impegnando a promuovere un messaggio educational per le “wonder girls” di età compresa tra gli 8 e i 12 anni.
Il “Manuale delle Ragazze Meravigliose”, contiene 5 storie di giovani donne che raccontano le proprie esperienze e i loro cambiamenti psico-fisici. Si tratta di un’interessante esperienza di apprendimento sulla gestione di questo cambiamento fisico e ormonale, ricco di informazioni mediche e consigli pratici per evitare situazioni spiacevoli, con episodi che mettono in luce l’importanza dell’amicizia, del supporto reciproco, della sostenibilità ambientale. Il tutto addolcito anche dalla grafica dei personaggi disegnati da una giovane designer (Antonija Bačić). L’autore del libro è il direttore creativo di INTIMINA Ana Ivušić.
La versione online del “Manuale delle Ragazze Meravigliose” è disponibile in regalo con acquisti superiori a € 50,00 su Intimina.com.

Lifestyle News

“Antonio” è il secondo italiano che potrà accedere al suicidio assistito

“Antonio”, paziente marchigiano tetraplegico dal 2014, è il secondo italiano che potrà accedere legalmente al suicidio assistito in Italia. Dopo Federico Carboni, ora anche “Antonio”, assistito dal collegio legale dell’Associazione Luca Coscioni*, è riuscito a far valere il proprio diritto di vedere rispettata la sua volontà di accedere al suicidio medicalmente assistito. La procedura in […]

Leggi tutto
Intrattenimento News

Rome International Documentary Festival: scelti i dieci film in concorso

Sono state selezionate le dieci opere documentarie, tutte realizzate nel biennio 2021-22, che concorreranno al Rome International Documentary Festival (RIDF), in programma dal 24 al 30 settembre al Cinema delle Provincie, a Roma. La manifestazione, alla sua prima edizione, si propone di festeggiare il cinema documentario e fornire occasioni di ispirazione e crescita per tutti […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia Viaggi

Cagliari: meta turistica italiana preferita del 2022

Dopo due anni di pandemia, la voglia di mettersi in viaggio è più forte che mai. Secondo lo studio dell’Osservatorio Confturismo-Confcommercio, quest’anno gli italiani pronti a partire per le ferie sono stati ben 23 milioni, numero che si avvicina ai dati degli anni pre-pandemia. Circa l’85% del campione ha scelto per le proprie vacanze mete […]

Leggi tutto