Coronavirus: il test rapido semplificato rileva anche le mutazioni

Anche le mutazioni del coronavirus possono essere rilevate in modo affidabile utilizzando il test rapido di Nal von minden GmbH. Oltre alla variante originale del coronavirus SARS-CoV-2, il “NADAL® COVID-19 Ag Test” è in grado di rilevare le mutazioni del Regno Unito, del Brasile e del Sud Africa.

“Chiunque utilizzi il nostro test rapido può farlo con la certezza che vengano rilevate anche le mutazioni del virus che conosciamo attualmente”, afferma Roland Meißner, CEO di Nal von minden di Moers in Germania. Il test NADAL® COVID-19 Ag indica in modo affidabile se un individuo è infettato dal coronavirus o meno. Possono essere rilevate anche potenziali mutazioni provenienti dal Regno Unito, dal Brasile o dal Sudafrica.

Tobias Roth, un biochimico di nal von minden GmbH che si occupa di virologia, spiega che “il nostro test rapido utilizza la cosiddetta proteina del nucleocapside come biomarcatore per individuare i coronavirus. Questa proteina N è la più importante in tutti i coronavirus, compresi quelli del Regno Unito, del Brasile e del Sudafrica”.

Secondo Roth, a differenza della proteina S, la proteina N è meno suscettibile ai cambiamenti – e quindi è meno probabile che appaia in una forma mutata. Questo significa che possiamo vedere da 8 a 11 mutazioni nella proteina S in un singolo ceppo di virus, e solo 1 o 2 nella proteina N. Perché questo?

“Questo ha a che fare con il modo in cui il coronavirus è strutturato”, dice Roth. Le proteine N circondano i dati genetici (RNA) all’interno del virus, agendo come una sorta di guscio protettivo. Le proteine S, invece, si trovano sul guscio esterno del virus, dove sporgono come punte su una corona. “I coronavirus usano queste proteine S per agganciarsi alle cellule umane, penetrarle e successivamente replicarsi al loro interno”, dice Tobias Roth. Affinché il virus rimanga così efficiente, le mutazioni devono avvenire in modo casuale. Questo permette ai coronavirus di infettare gli esseri umani con grande successo.

La proteina N è quindi un marcatore eccellente e affidabile per i test rapidi sull’antigene. Funziona solo come proteina strutturale ed è quindi solo occasionalmente colpita da mutazioni, dice Tobias Roth. Tuttavia, aggiunge “Non possiamo prevedere quali mutazioni nella proteina N si presenteranno in futuro. È possibile che la funzionalità dei test rapidi su antigene sia influenzata da tali mutazioni, ma, sulla base delle conoscenze ed esperienze attuali, è piuttosto improbabile.

Grazie ai recenti sviluppi, tutto ciò che serve per effettuare un test rapido NADAL® COVID-19 Ag è un tampone prelevato dal passaggio nasale anteriore. I risultati sono pronti dopo 15 minuti. Questo test semplificato è disponibile in tutta Europa dal 22 febbraio.

News IN DIES