L’ossigeno della cometa Tchouri è più antico della nostra galassia

L’analisi dell’ossigeno della cometa Tchouri ha rivelato che il gas è venuto dal vuoto che esisteva anche prima della nostra galassia.

L’ossigeno era stato scoperto sulla cometa Tchouri lo scorso ottobre e otto mesi più tardi, gli esperti hanno trovato che l’ossigeno della cometa è più antico del nostro sistema solare poiché esso risale a un periodo in cui un grande vuoto, ricco di raggi e polvere cosmica, occupava il posto in cui è ora la nostra galassia.

Nel loro articolo pubblicato mercoledì scorso su ‘The Astrophysical Journal Letters’, gli scienziati hanno spiegato anche come questo ossigeno è arrivato sulla cometa.

Nello spazio, il ghiaccio è stato irradiato e si è trasformato in acqua, liberando il passaggio di ossigeno.

La notizia scientifica è stata data in un momento in cui l’Europa ha perso il contatto con la sonda Rosetta mentre era a 5 km dalla superficie della cometa Tchouri, ma tutto poi è tornato normale e gli strumenti sulla sonda sono tornati a lavorare.

Lanciata nel 2004, la sonda europea è in orbita intorno la cometa Churyumov-Gerasimenko dall’agosto 2014.

La probabile fine della missione Rosetta è prevista per il 30 settembre.

Cultura e Società News Scienza

Giornata mondiale dell’ambiente: XTERRA è Green

Leave no trace (non lasciare traccia) è uno degli slogan di XTERRA, il circuito internazionale di cross triathlon più duro al mondo e a vocazione green. Fedele a questa filosofia, che riunisce sotto un’unica comunità eco-friendly gli appassionati di outdoor endurance, la tappa di XTERRA Italy Lake Garda, in programma a Toscolano Maderno il prossimo […]

Leggi tutto
News Scienza

I 10 benefici che la luce dona ogni giorno

“La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce” scriveva il grande pensatore greco Platone. Un elemento, quello luminoso, la cui presenza si dà per certa essendo, come la gravità, una realtà inevitabile, eterna e universale celebrata in tutto il mondo, in occasione dell’International Day of Light, ricorrenza annuale promossa dal […]

Leggi tutto
ape
News Scienza

Giornata mondiale delle api, c’è poco da celebrare

 Secondo i dati appena forniti dagli apicoltori lombardi italiani, si registra anche quest’anno il terribile fenomeno degli spopolamenti degli alveari che, oltre alle api mellifere, riguarda in maniera diversa tutti gli insetti impollinatori, con numeri difficili da stimare. Anche nella sola Lombardia, quest’anno sono circa 650 gli alveari di cui c’è evidenza degli spopolamenti, monitorati […]

Leggi tutto