Ipnosi, rilassamento e terapia cognitivo-comportamentale per l’intestino irritabile

L’ipnosi, il rilassamento e la terapia cognitivo-comportamentale possono aiutare a lenire i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile, non solo a breve termine, ma anche a lungo termine.

Nella sindrome dell’intestino irritabile (IBS), le medicine sono scarse. I sintomi stessi sono difficili da controllare. Diarrea acuta, dolori addominali, gas… rappresentano un grave handicap per chi soffre di questa patologia.

Alcuni ricercatori della Vanderbilt University Medical Center hanno raccolto 41 studi clinici che avevano coinvolto 2200 pazienti, valutando i diversi approcci psicologici utilizzati per placare la patologia a lungo termine. Tra gli approcci valutati: la terapia cognitivo-comportamentale, l’ipnosi e il rilassamento, il cui impatto a breve termine era già stato riconosciuto.

La meta-analisi, pubblicata su ‘Clinical Gastroenterology and Hepatology’, ha trovato che i tre metodi hanno lo stesso impatto a lungo termine sull’alleggerimento dei sintomi digestivi , con un effetto duraturo, per 6 – 12 mesi dopo la fine del trattamento.

Secondo i ricercatori, questo risultato conferma che la patologia è davvero un disturbo dell’asse “cervello-intestino”.

“La medicina occidentale considera spesso la mente separata dal corpo, ma la sindrome del colon irritabile è il perfetto esempio dell’interazione dei due”, ha detto la dottoressa Laird Kesley, primo autore della meta-analisi.

Lifestyle News Salute

Andropausa, scoperta una nuova molecola anti-invecchiamento

Ad Abano Terme presentato un peptide inedito (un piccolo frammento di osteocalcina) che interesserà gli ultrasessantenni: un esercito di quattro milioni di maschi italiani è infatti colpito da bassa produzione di testosterone associata ad un quadro clinico caratterizzato da osteoporosi, sindrome metabolica e disturbi della sessualità. Il professor Carlo Foresta: “Gli autori della ricerca sostengono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Il virus Sars-Covid viaggia nei nervi con dolori muscolari

Nella classifica delle ripercussioni post Covid, la voce dolore ricopre uno spazio importante: basti pensare che circa la metà dei pazienti che ha avuto l’infezione ha dovuto lottare contro i dolori muscolari, seguiti da cefalee acuto (6-21%), dolori toracico (2-21%), oculare (16%), mal di gola (5-17%) e addominale (12%). E ultimamente anche quelli che coinvolgono […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

La terza dose di vaccino porrà un probabile freno al Covid

TERZA DOSE DI VACCINO: L’IMPORTANZA E LA NORMALITA’ – I vaccini ci hanno permesso di superare una situazione di estrema gravità quale quella in cui ci aveva spinto la pandemia di Covid-19 nel 2020. Avendoli però sviluppati in poco tempo, la loro somministrazione è stata programmata in due dosi a intervalli di tempo ravvicinati. L’introduzione […]

Leggi tutto