Autismo: le metropoli si sono accese di blu

Nel 2007 è stata istituita dall’Onu la Giornata Mondiale per la consapevolezza dell’autismo, con l’obiettivo di diffondere delle informazioni, chiarire in cosa consista questa malattia, affrontare il tema dell’importanza della diagnosi e dell’intervento precoce.

Il 2 aprile di ogni anno, grazie alla campagna “Light it up blue” promossa dall’organizzazione internazionale Autism Speaks, i principali monumenti delle città del mondo s’illuminano di blu.

In Italia, anche a Torino la Mole si è tinta di blu, così come i monumenti e i luoghi significativi di altre metropoli, come New York, Sidney, Rio de Janeiro.

L’autismo è una patologia complessa, che si manifesta in molti modi e per la quale non ci sono cure.

La difficoltà di comunicazione e di interazione sociale sono tra le principali caratteristiche comuni dell’autismo.

Se, per la sindrome non ci sono cure, è possibile, tuttavia, ridurre gli impatti della malattia sulla qualità della vita degli autistici, con un trattamento multidisciplinare che comprende la cura psicologica, l’educazione, il dialogo, così come la fisioterapia e l’aiuto alla famiglia.

Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in tutto il mondo, ogni 100 mila nascite, cinque sono di bambini autistici.

Lifestyle News Salute

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati

Le terapie intensive non possono più essere luoghi blindati, inaccessibili, dove cure, assistenza e dolore sono privi di contatti con il mondo esterno, con gli affetti, con le dinamiche relazionali. La SOCIETA’ ITALIANA DI ANESTESIA, ANALGESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA-SIAARTI da tempo sta lavorando per avviare una diversa relazione tra operatori, pazienti e famiglie: non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Covid, Crisanti: i numeri dei contagi non tornano

“Oggi in Italia abbiamo 30-40 decessi al giorno e abbiamo un numero ridicolo di infezioni, evidentemente c’è una discrepanza ingiustificabile perché in tutti gli altri paesi d’Europa e del mondo c’è un rapporto di uno a mille rispetto ai numeri dei casi e dei decessi, quindi dovremmo avere anche noi un numero molto più grande […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

“Droga dello stupro”: è allarme

«I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB, la cosiddetta “droga dello stupro”, unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia». Ad affermarlo è la dott.ssa Samantha Vitali, […]

Leggi tutto