Lavarsi i denti protegge il cuore

Lavarsi spesso i denti è associato a un minor rischio di avere fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca, secondo un nuovo studio pubblicato sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista dell’European Society of Cardiology (ESC).

Leggi tutto “Lavarsi i denti protegge il cuore”

Uno studio preclinico fatto su dei topi ha testato un nuovo metodo che potrebbe prevenire
L’insufficienza cardiaca (nota anche come scompenso cardiaco) è una patologia provocata dalla compromissione della funzione
I ricercatori della Wake Forest School of Medicine (USA) hanno trovato che la dieta DASH

Non sempre la chirurgia serve ai malati di cuore

Molti malati di cuore che sono attualmente sottoposti a chirurgia standard potrebbero stare altrettanto bene curandosi con i soli farmaci. Questo sostiene un importante studio dell’American Heart Association.

Leggi tutto “Non sempre la chirurgia serve ai malati di cuore”

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità in tutto il mondo, tuttavia, un
Un nuovo lavoro fatto su 3,8 milioni di persone, che avevano partecipato a 10 studi

Non tutta l’attività fisica fa bene al cuore

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di mortalità in tutto il mondo, tuttavia, un gran numero di decessi prematuri potrebbe essere prevenuto adottando adeguate misure preventive. Tra queste misure, l’attività fisica si dice che abbia molteplici benefici e le linee guida internazionali sottolineano la necessità di essere attivi al fine di evitare la mortalità per malattie cardiovascolari.

Leggi tutto “Non tutta l’attività fisica fa bene al cuore”

Qualsiasi quantità di corsa regolare è associata a un minor rischio di morte prematura, in
Una delle cose significative che una persona può fare per ridurre il rischio di malattie
Un nuovo studio ha mostrato, per la prima volta, che le persone con malattie cardiovascolari

Un cane aiuta a tenere lontano l’infarto

Un nuovo lavoro fatto su 3,8 milioni di persone, che avevano partecipato a 10 studi diversi, ha scoperto che i proprietari di cani avevano avuto il 65 per cento probabilità in meno di morire a seguito di un attacco di cuore.

Gli autori hanno concluso che il minor rischio di morte potrebbe essere dovuto all’aumento dell’attività fisica dovuto alle regolari passeggiate fatte con i cani e alla diminuzione della solitudine e della depressione.

Tove Fall, professore dell’Università di Uppsala in Svezia, ha detto: “Sappiamo che l’isolamento sociale è un forte fattore di rischio per malattie e morte prematura… studi precedenti avevano indicato che i proprietari di cani sperimentano meno isolamento sociale e più interazione con altre persone. Inoltre, tenere un cane è una buona motivazione per l’attività fisica, che è un fattore importante nella riabilitazione e nella salute mentale.”.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare una relazione causale e dare raccomandazioni sulla prescrizione di un cane per la prevenzione”, ha, tuttavia, detto Fall.

“Inoltre, dal punto di vista del benessere degli animali, i cani dovrebbero essere tenuti solo da persone che hanno la capacità e le conoscenze giuste per dare all’animale una buona vita.”.

Un gruppo speciale di lipidi, i trigliceridi, quando sono presenti in concentrazioni elevate nel sangue,
Uno studio preclinico fatto su dei topi ha testato un nuovo metodo che potrebbe prevenire
Una nuova ricerca ha trovato che un pisolino diurno, fatto un paio di volte a settimana,