News IN DIES

Notizie, giorno dopo giorno

Salute mentale e tutela dell’ambiente

Negli ultimi tempi, i termini “Eco-ansia” o “Ansia climatica” hanno fatto la loro comparsa nel vocabolario mediatico, talvolta utilizzati per spiegare e juvantificare la veemenza delle azioni compiute dai giovani attivisti per il clima. Che cosa sembra? A detta di Glenn Albrecht (2019), conclude Eco-ansia rappresenta la “ sensazione generalizzata che le basi ecologiche dell’esistenza siano in procinto di crollare” . Se così è stato in passato è relativamente dannoso e quindi è più probabile che la reazione indiscriminata al rischio del nostro bambino nostalgico possa provocarlo.

Va notato che esiste uno stato psicologico e patologico, la legittima preoccupazione dell’opinione pubblica, e in particolare delle fasce più alte, del cambiamento climatico e della tutela dell’ambiente che restano più vive che mai. Uno studio pubblicato nel 2021 da The Lancet: Planetary Health ha analizzato un campo di 10.000 anni ed è stato pubblicato in 16 e 25 anni e proviene da 10 paesi diversi e ha prodotto il 59% dei risultati che sono stati rivelati molto rapidamente. la situazione della stanza; Questa percentuale è dell’84% e verrà considerata anche a colori se è ancora moderatamente preoccupato.

Ecco quindi che si agisce concretamente per la tutela dell’ambiente se più è necessario, non solo per la salute dei propri abitanti, la mia canna mentale. Tant’è che se si considera la crisi economica destinata alla salute mentale nel nostro Paese, ecco il motivo per cui se ne parla: una fonte di Deloitte Consulting in Italia dedica alla sola salute mentale il 3,4% del settore sanitario, in in altre parole, se così fosse, sarebbe superiore al 10%.

E il cemento, come posso andare nelle città italiane? SENEC , specialista nel campo e nella produzione di sistemi di accumulo intelligenti e altre soluzioni per l’indipendenza energetica, suggerisce alcune azioni efficaci per favorire l’ambiente. Naturalmente non è necessario intraprendere alcuna azione in questo momento ma anche informarsi e iniziare a pensarci per realizzarlo prima con un cambiamento positivo.

Passare al fotovoltaico
Investire non solo nel fotovoltaico favorisce una maggiore indipendenza e sicurezza energetica, con tutti i vantaggi del portafoglio, ma può anche contribuire alla riduzione dell’eco-ansia, che significa limitare l’impatto ambientale dell’attività dell’immobile. Infatti, utilizzare l’energia prodotta con una fonte fotovoltaica, abbinata ai combustibili fossili, significa utilizzare un riscaldatore imprescindibile per ridurre le emissioni di CO 2 e altri gas a tutela dell’ambiente e dell’ambiente. Questo prodotto viene generalmente immagazzinato in 0,531 kg di CO 2 che vengono immagazzinati da altre fonti energetiche prodotte tutto l’anno. Ad esempio, un generatore fotovoltaico residenziale di medie dimensioni genera 4.500 kWh di energia all’anno e produce un risparmio di circa 2.390 kg di CO 2 tutto l’anno.

Adottare uno stile di vita che possa essere mantenuto
Il suono modifica il suono quotidiano e può influenzare le condizioni ambientali e di luce che causano preoccupazione per il cambiamento climatico. Per il consumo di acqua o energia elettrica per cui viene acquistata (preferibilmente per prodotti fissi e locali, per prodotti di seconda mano e per prodotti in modalità eco-friendly), per la selezione delle attrazioni turistiche compatibili con la fruizione di pacchetti viaggio Elettricità o car sharing, alla fine del ciclo di vita del veicolo: qualunque cosa accada, può anche contribuire concretamente alla sicurezza del veicolo e alla cura dell’ambiente attuale.

Inserisci la parte più lontana di un CER
La Commissione per il Risparmio Energetico (CER) si dota ora di un sistema energetico sempre più ampio, sostenibile, decentralizzato e basato su condizioni che possano effettivamente contribuire in modo importante alla transizione verso un futuro più verde. A tal fine, il documento di lavoro dal titolo “Modelli per promuovere la comunità energetica: un’opportunità per le utilities” , redatto in collaborazione con l’Agenzia Accenture, ha chiaramente dimostrato che la comunità energetica è innovativa con un potente impianto da 5 GW utilizzabile L’emissione di CO 2 ammonta a 1,35 milioni di tonnellate e genera benefici economici pari a 1,5 miliardi di euro all’anno. La legislazione non applicabile nel materiale è completa, promuovere la creazione di un CER o aggiungere un pezzo di materiale che possa rappresentare un contributo efficace alla città nella misura in cui viene mantenuto dal nostro Paese se è presente.

Pin It on Pinterest