L’ibuprofene riduce il flusso mestruale

Un tweet diventato virale dice che l’ibuprofene riduce il flusso mestruale.

L’ibuprofene e il naprossene sono entrambi farmaci antinfiammatori non steroidei, noti come FANS, e riducono la produzione delle prostaglandine, le sostanze chimiche che causano la contrazione dell’utero e la perdita del rivestimento uterino.

Nel 2013, uno studio aveva scoperto che l’assunzione dei FANS può ridurre il flusso mestruale in una percentuale che va dal 28% al 49%.

Per ridurre il flusso mestruale, però, bisognerebbe assumere 600 milligrammi di ibuprofene all’inizio del ciclo, quando il livello di prostaglandine è al massimo.

Gli effetti collaterali dell’assunzione di così tanto ibuprofene, come danni ai reni o ulcere allo stomaco, non dovrebbero, secondo gli esperti, interessare le donne sane. Il danno cronico può esserci nelle persone che assumono l’ibuprofene ogni giorno.

L’ibuprofene può ridurre oltre al flusso mestruale anche i crampi causati dal ciclo.

 

Lifestyle News Salute

Gli italiani e il sole: il 42% usa quotidianamente la protezione solare

Sette italiani su dieci amano trascorrere il fine settimana all’aperto, al sole. Tuttavia, solamente il 42% dichiara di usare quotidianamente la protezione solare. E’ quanto emerge dallo studio[1], giunto alla terza edizione, condotto da ISDIN su un campione di quasi 7.000 italiani in merito alle abitudini di Fotoprotezione. Se si esclude la stagione estiva, non […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Come ci si deve truccare per evitare di avere problemi agli occhi?

Truccare gli occhi è una routine quotidiana per molte donne e, sebbene in passato si facesse per lo più solo in occasione di eventi speciali, oggi è una pratica assai comune. Secondo i dati forniti da www.clinicabaviera.it, una delle aziende leader in Europa nel settore dell’oftalmologia, sei donne italiane su dieci si truccano gli occhi […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Sindrome da odore di pesce, a Milano c’è una équipe medica dedicata

Si chiama trimetilaminuria, TMAU, o Sindrome da odore di pesce: si tratta di una malattia metabolica dovuta all’incapacità del nostro corpo di produrre un enzima che deve smaltire una sostanza presente in molti cibi, soprattutto pesce e crostacei. Se l’enzima manca la trimetilammina viene rilasciata attraverso sudore, urine e respiro che acquisisce così un caratteristico […]

Leggi tutto