Acquisti online: come risparmiare

Gli Italiani acquistano e lo fanno sempre di più online. Il valore degli acquisti online in Italia ha raggiunto nel 2017 i 23,6 miliardi di euro, +17% rispetto al 2016. Il tasso di penetrazione degli acquisti online sul totale retail passa dal 4,9% del 2016 al 5,7% del 2017 con i prodotti al 4% e i servizi al 9%. Gli utenti che hanno effettuato almeno un acquisto online durante il 2017 sono 22 milioni, il 10% in più rispetto al 2016 (dati: Osservatorio eCommerce B2c School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Netcomm).

Da un’altra ricerca – Statista 2017 UK Survey – emerge che l’88% di chi fa shopping online, almeno nel Regno Unito, non vuole pagare il prezzo pieno e già il 37% degli intervistati dichiara di cercare prodotti con un alto cashback – ovvero che “restituiscono” parte del prezzo pagato. Ma se nel mondo l’industria del cashback vale più di 84 miliardi di dollari, in Italia solo il 2,1% dei consumatori online usa questo tipo di piattaforme.

Nicolò Soldani e Alessandro Bonzi, fondatori del primo sito di cashback in Italia, Bestshopping.com, con più di 200mila utenti iscritti, mille negozi affiliati e 1 milione e mezzo di transazioni mensili, hanno stilato una breve guida al risparmio online. Perché spendere meno si può, basta sapere come fare.

1.    Cerca in modo corretto

Ogni tipo di prodotto va cercato in un modo specifico: è importante scegliere il metodo corretto per trovare l’offerta migliore. Se dobbiamo comprare un elettrodomestico o un apparecchio elettronico dobbiamo procurarci prima il codice EAN, che è una sorta di carta d’identità di ogni prodotto. Inserendo questo codice su Google si otterranno solo i risultati inerenti al modello specifico che cerchiamo (anche il colore). Questi codici si possono trovare nei negozi dei grandi rivenditori come Amazon, Uniero, etc. Per agevolare il confronto si può utilizzare un comparatore di prezzi che mostra 15-20 risultati in ordine di prezzo.

2.    Controlla le spese di spedizione

È un grande classico trovare offerte molto più convenienti di altre per poi vedere che i prezzi “crescono” al momento del pagamento. Molti rivenditori, infatti, abbassano il prezzo dei prodotti, ma alzano le spese di gestione o di spedizione. Del resto, il web è pieno di articoli che consigliano invece di aumentare i prezzi per togliere le spese di spedizione tanto odiate dagli utenti. Il consiglio è di riempire 2,3,4 carrelli su siti differenti e comparare il prezzo finale. Occhio anche alla presenza/assenza dell’IVA: non inserirla in Italia è un illecito, ma a volta succede.

3.    Utilizza siti di cashback

I siti di cashback, come Bestshopping.com, oltre a far risparmiare, danno la possibilità di guadagnare. Non sono come i codici sconto che vengono applicati solo ad alcuni prodotti (merce in saldo o invenduti) e sono limitati nel tempo nei periodi di saldi o nelle giornate di offerte come Black Friday o Cyber Monday. Il cashback, invece, funziona sempre e su tutti i prodotti dei negozi convenzionati. Su Bestshopping.com il risparmio aumenta più acquisti: al momento dell’iscrizione l’utente è un “gatto” (ovvero un utente alle prime armi), ma accumulando cashback può arrivare a essere un “leone” (i livelli sono 14), guadagnando il 100% di quello che spende.

4.    Cerca tra i prodotti usati

Usato non vuol dire rovinato, malfunzionante o sciupato. Online si possono trovare prodotti di seconda mano in buone o perfette condizioni. Vale però una regola: ciò che compriamo usato deve costare almeno la metà del prezzo di prima mano. Gli Italiani sono propensi a questo tipo di commercio: infatti il 48% compra e/o vende usato. Il mercato italiano di seconda mano vale 21 miliardi di euro secondo uno studio di Doxa.

5.    Sì, viaggiare

Il mondo del turismo è un settore complesso, con molta concorrenza. In genere, per i voli, gli affari si fanno acquistando in anticipo e scegliendo di viaggiare in settimana, anziché nel weekend. Tre economisti italiani (che lavorano in 3 differenti università nel Regno Unito e in Italia) hanno realizzato uno studio che dimostra l’andamento a U del prezzo dei voli online. Da circa 70 giorni precedenti al volo i prezzi diminuiscono molto lentamente, fino a toccare il punto più basso circa 10 giorni prima. Invece, durante l’ultima settimana i prezzi aumentano di nuovo e con grande velocità tra il 50 e il 75%. Per quanto riguarda gli hotel, invece, i prezzi sono molto variabili fino all’ultimo minuto, quindi quando si trova un buon prezzo, bisognerebbe approfittarne, senza rimandare l’acquisto.

6.    Abituati a risparmiare

L’attitudine al risparmio deve diventare parte del tuo carattere. Per ogni acquisto online, bisogna sempre ripercorrere ogni passo sopra descritto per accumulare giorno dopo giorno euro da spendere al prossimo acquisto.

News Tecnologia

Solo lo 0,33% dei comuni utilizza gli assistenti virtuali nei propri siti informativi

Promuovere lo sviluppo delle realtà del territorio attraverso un’analisi dei comuni italiani con l’obiettivo di incoraggiare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale all’interno delle istituzioni pubbliche: queste sono le parole che maggiormente mettono in risalto il 1° Osservatorio dedicato all’applicazione dell’intelligenza artificiale nel mondo delle Pubbliche Amministrazioni. Il documento in questione, che sarà aggiornato annualmente, è frutto della […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Vivere in modo sostenibile, ecco i 5 consigli pratici per aiutare l’ambiente

Che la sostenibilità sia diventata uno dei temi dominanti dell’agenda politica e mediatica internazionale non è un mistero e la prosecuzione a pieno ritmo dei lavori sul Fit for 55% è l’esempio perfetto di come l’Europa intera stia cercando di adeguarsi agli obiettivi imposti dal cambiamento climatico. Se, da una parte, le istituzioni si danno […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia

40 incontri per parlare di cybersecurity, big data, AI e diritti di cittadinanza digitale

L’Europa sta per dotarsi di nuove leggi per la cittadinanza digitale, come le norme sull’intelligenza artificiale, quelle sulla responsabilità delle piattaforme digitali, e quelle sulla moderazione dei contenuti online. Nel frattempo la digitalizzazione dei servizi, del lavoro e dei consumi, la nascita delle criptovalute, degli NFT, e del Metaverso ci vogliono sempre più online. Per […]

Leggi tutto