Scoperte causa e cura della dislessia

Due ricercatori francesi hanno detto di aver trovato una causa fisiologica e apparentemente trattabile per la dislessia.

La ragione per cui molte persone soffrono di dislessia sarebbe nascosta nelle piccole cellule dei recettori della luce dell’occhio umano, dice lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati nella rivista ‘Proceedings of the Royal Society B’.

Nelle persone non dislessiche, le cellule sono disposte in modo asimmetrico, permettendo ai segnali provenienti da un occhio di essere sovrascritti dall’altro per creare una singola immagine nel cervello.

Nelle persone con disabilità di lettura, invece, le cellule sono disposte in modo corrispondente, in entrambi gli occhi, cosa che può confondere il cervello producendo immagini a “specchio”.

Guy Ropars, uno degli autori dello studio e professore dell’Università di Rennes, ha detto che la diagnosi della dislessia è “relativamente semplice”, così come la cura.

Un ritardo di circa 10 millesimi di secondo tra l’immagine primaria e l’immagine speculare negli emisferi opposti del cervello, ha permesso agli autori dello studio, infatti, di sviluppare un metodo per cancellare l’immagine speculare che confondeva le persone dislessiche, utilizzando una lampada a LED.

Tutti gli esseri umani hanno un occhio dominante. Avendo due occhi, che registrano versioni leggermente diverse della stessa immagine, il cervello deve selezionare una delle due, creando una “non-simmetria”.

L’occhio dominante ha più connessioni neurali col cervello di quello più debole.

I segnali di immagine vengono catturati con aste e coni nell’occhio. I coni sono responsabili del colore.

La maggioranza dei coni, dei colori primari, si trovano in un piccolo punto al centro della cornea dell’occhio noto come fovea. Ma c’è un piccolo foro di circa 0,1-0,15 millimetri di diametro, senza coni blu.

Nel nuovo studio, gli autori hanno trovato una grande differenza nella disposizione dei coni tra gli occhi delle persone dislessiche e quelle non dislessiche.

Nelle persone NON dislessiche, il punto senza cono blu in un occhio, quello dominante, è rotondo e nell’altro occhio ha una forma irregolare.

Nelle persone dislessiche, invece, entrambi gli occhi hanno lo stesso punto rotondo: questo vuol dire che i dislessici NON hanno un occhio dominante.

La mancanza di asimmetria potrebbe essere la base biologica e anatomica della dislessia.

Ora sono necessari ulteriori test per confermare che l’uso di  una lampada a LED sia utile per cancellare una delle due immagini che si formano nei dislessici.

Lifestyle News

“Antonio” è il secondo italiano che potrà accedere al suicidio assistito

“Antonio”, paziente marchigiano tetraplegico dal 2014, è il secondo italiano che potrà accedere legalmente al suicidio assistito in Italia. Dopo Federico Carboni, ora anche “Antonio”, assistito dal collegio legale dell’Associazione Luca Coscioni*, è riuscito a far valere il proprio diritto di vedere rispettata la sua volontà di accedere al suicidio medicalmente assistito. La procedura in […]

Leggi tutto
Credits: Karina Mendoza
Cultura e Società Lifestyle News

Ferragosto: ecco le idee per una grigliata 100% vegetale

Troppo spesso la griglia è terreno di scontro per chi ha scelto un’alimentazione senza derivati animali e chi invece ne consuma ancora, ma come Animal Equality abbiamo voluto divulgare nuovamente quanto sia semplice e possibile scegliere di sfatare questo mito. Oggi è possibile infatti realizzare un vero e proprio barbecue – con profumi, sapori, salse […]

Leggi tutto
Lifestyle News Salute

Quando il ballo diventa un alleato per la salute e la felicità

Unione, aggregazione e libertà: sono solo alcuni degli elementi chiave che costituiscono le fondamenta di una delle discipline più antiche del mondo, la danza. Da sempre considerato come un linguaggio universale, il ballo è in grado di raccontare ed esprimere attraverso il movimento del corpo tutto ciò che le parole non sono in grado di […]

Leggi tutto