Attacco informatico all’Università di Calgary. Pagati circa 14.000 euro per riavere i dati

L’università canadese di Calgary è stata colpita da un ransomware che ha paralizzato una parte del suo sistema informatico e ha preso in ostaggio alcuni dati, tra cui il lavoro dei ricercatori.

Lo ha rivelato la stessa università in una dichiarazione in cui ha asserito di essere stata vittima di un ransowmare e che alcuni dei suoi dati informatici erano stati crittografati.

L’università ha detto di aver accettato di pagare 20.000 dollari canadesi, circa 14.000 euro, per cercare di riottenere l’accesso a tutti i suoi file.

l ransomware sono malware di nuovo genere, che si installano crittografando i dati memorizzati sui dischi rigidi delle vittime. La chiave utilizzata per crittografare i file è nota solo all’attaccante, che richiede un pagamento per inviarla.

I sistemi di attacco, di solito, avvengono attraverso la rete anonima Tor e i pagamenti sono Bitcoin, entrambe cose che rendono molto difficile individuare i pirati.

L’ultima cosa che vogliamo è quella di perdere il lavoro di una vita di qualcuno, ha detto l’Università.

L’attacco ha avuto luogo circa dieci giorni fa e l’Università per recuperare i dati di accesso prima aveva provato a decriptare con mezzi propri, riuscendo a ripristinare l’accesso alle email, probabilmente attraverso un backup. Ma, poi, ha dovuto pagare il riscatto richiesto, senza alcuna garanzia di successo.

Essa adesso ha comunque ottenuto la chiave attraverso il pagamento, ma il processo di decrittografia richiede tempo e deve essere fatto con cura, dice l’Università.

È importante notare che le chiavi di decrittografia non ripristinano automaticamente tutti i sistemi né garantiscono il ripristino dei dati. Molto lavoro resta da fare per garantire che i sistemi interessati siano nuovamente operativi, e questa procedura richiede tempo.

La paura dell’Università è quella di poter aver perso il lavoro dei suoi ricercatori.

Da vario tempo, individui, imprese, governi e persino ospedali, sono stati vittime dela cybercrimilatà.

News Tecnologia

Solo lo 0,33% dei comuni utilizza gli assistenti virtuali nei propri siti informativi

Promuovere lo sviluppo delle realtà del territorio attraverso un’analisi dei comuni italiani con l’obiettivo di incoraggiare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale all’interno delle istituzioni pubbliche: queste sono le parole che maggiormente mettono in risalto il 1° Osservatorio dedicato all’applicazione dell’intelligenza artificiale nel mondo delle Pubbliche Amministrazioni. Il documento in questione, che sarà aggiornato annualmente, è frutto della […]

Leggi tutto
News Tecnologia

Vivere in modo sostenibile, ecco i 5 consigli pratici per aiutare l’ambiente

Che la sostenibilità sia diventata uno dei temi dominanti dell’agenda politica e mediatica internazionale non è un mistero e la prosecuzione a pieno ritmo dei lavori sul Fit for 55% è l’esempio perfetto di come l’Europa intera stia cercando di adeguarsi agli obiettivi imposti dal cambiamento climatico. Se, da una parte, le istituzioni si danno […]

Leggi tutto
Cultura e Società News Tecnologia

40 incontri per parlare di cybersecurity, big data, AI e diritti di cittadinanza digitale

L’Europa sta per dotarsi di nuove leggi per la cittadinanza digitale, come le norme sull’intelligenza artificiale, quelle sulla responsabilità delle piattaforme digitali, e quelle sulla moderazione dei contenuti online. Nel frattempo la digitalizzazione dei servizi, del lavoro e dei consumi, la nascita delle criptovalute, degli NFT, e del Metaverso ci vogliono sempre più online. Per […]

Leggi tutto